Città della Spezia Liguria News Genova Post Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
telefono redazione massa carrara 0585 027167
PUBBLICITA'
pubblicità massa carrara Richiedi contatto
Ultimo aggiornamento ore 20.51 del 19 Ottobre 2018

Facebook La Voce Apuana Twitter La Voce Apuana RSS La Voce Apuana

Ecco la nuova linea tra il porto di Marina di Carrara e la Tunisia | Foto

Presente all'inaugurazione l'ambasciatore Moez Sinaoui: «Che questo accordo sia vincente per tutti»

ITALIA PRIMO PARTNER COMMERCIALE
Ecco la nuova linea tra il porto di Marina di Carrara e la Tunisia<span class=´linkFotoA1Articolo´> | <a href=´/fotogallery/marina-di-carrara-tunisia-inaugurata-la-nuova-linea-341_1.aspx´ class=´FotoVideoA1´>Foto</a></span>
Marina di Carrara - L'Italia è il primo partner commerciale della Tunisia. In questo contesto si inserisce la nuova linea merci che collega il porto di Marina di Carrara a vari scali marittimi del paese nordafricano. Le nuove rotte sono state volute dal Gruppo Grendi e saranno operate da ProCargo Line, progetto voluto da Grendi e sostenuto da investitori e manager attivi nel mondo terminalistico e armatoriale. Soci di ProCargo Line infatti sono il Gruppo Grendi, la Vittorio Bogazzi e figli Spa, la Porto di Carrara Spa e Euan Lonmon.

La linea è stata inaugurata lunedì 17 settembre sulla nave Rosa dei Venti alla presenza dell'ambasciatore tunisino in Italia, Moez Sinaoui, ospitato insieme ad autorità tunisine e locali come il sindaco di Carrara, Francesco De Pasquale, quello di Massa, Francesco Persiani e il presidente del Consiglio regionale Eugenio Giani.

Il collegamento è attivo dall’8 maggio scorso sulla rotta Marina di Carrara/Cagliari/Tunisia con la motonave Altinia e con frequenza settimanale.

“Il bilancio dopo 4 mesi di attività è molto positivo” afferma Antonio Musso, amministratore delegato del Gruppo Grendi – in questo primo periodo il collegamento si è svolto con grande grande regolarità e ha trovato collaborazione nelle autorità portuali dei porti scalati”.

“Questa visita è per noi di grande significato ed è una conferma del riconoscimento da parte delle autorità tunisine dell’importanza di questa linea per i porti di Sousse e Sfax. E’ adesso in fase avanzata di preparazione un ulteriore servizio su ZARZIS porta d’ingresso per il sud Tunisia, sud Algeria e Libia.”

Particolarmente apprezzato il metodo innovativo delle cassette adottato nell’imbarco e sbarco di General Cargo e contenitori, riducendo ad ¼ i tempi di imbarco e sbarco (1000 tonnellate in 3 ore invece di 12h).

Per quanto riguarda il traffico abbiamo riscontrato tonnellaggi importanti sul lapideo, in crescita per i contenitori e i rimorchi, e rispetto alle previsioni sotto le aspettative per le merci generali.

La linea sulla Tunisia è in grado di gestire tre categorie di carico: i rotabili, i contenitori e il general cargo, ovvero carichi speciali quali grosse apparecchiature, bobine d’acciaio, bancali di marmo. Grazie ad una frequenza finora mai offerta dall’Europa verso i porti di Sfax, Sousse e a breve Zarzis, "la linea – spiegano da Grendi – rappresenta una soluzione innovativa sia per l’export verso la Tunisia di macchinari, prodotti di consumo, prodotti semi-finiti, acciaio, marmo oltre a tutte le categorie merceologiche esportate dall’Europa, che per l’Import dalla Tunisia di prodotti finiti, agro-alimentari, sabbie silicee".

L'ambasciatore ha messo in evidenza come questo non sia solo uno scambio commerciale fra nord e sud del Mediterraneo, ma anche una cooperazione tra esseri umani. Sinaoui ha fatto i migliori auguri affinché "questa linea sia vincente per tutti".

"La notizia dell’avvio da parte del Gruppo Grendi di nuove rotte tra Marina di Carrara e i porti della Tunisia conferma le tante potenzialità della nostra città. Si tratta di prospettive di crescita su cui anche noi come amministrazione vogliamo investire. Carrara può e deve essere un punto di riferimento internazionale non solo - come in questo caso - per il commercio ma anche per la cultura e il turismo". Lo ha detto il sindaco di Carrara Francesco De Pasquale in occasione dell’arrivo in città dell’ambasciatore tunisino.

"Il legame con la Tunisia si fa sempre più stretto. Qualche tempo fa abbiamo deliberato il sostegno della nostra amministrazione all’iniziativa promossa da UNDP Tunisia (il programma delle Nazioni Unite per lo sviluppo del Paese) per l’organizzazione di un corso rivolto ad un gruppo di formatori sul tema della filiera del gesso. Il progetto, battezzato “Sviluppo locale e servizi decentrati per la crescita sostenibile e la cittadinanza attiva in Tunisia”, prevede il coinvolgimento dell’Istituto professionale “Tacca” e di Cna e ricade negli obiettivi individuati dalla Regione Toscana per la cooperazione internazionale" ha ricordato l’assessore alle politiche del mare Andrea Raggi, presente anche lui all’iniziativa di questa mattina.

Giani, presidente del Consiglio regionale, ha ricordato come "l'Italia è il maggior partner commerciale della Tunisia e questo che celebriamo oggi è un consolidamento delle relazioni e dei rapporti tra la Toscana e il paese nordafricano".
Lunedì 17 settembre 2018 alle 21:42:09
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Fotogallery


Notizie Massa Carrara




-


























Testata giornalistica registrata presso il tribunale di Massa n° 4/2017
Direttore responsabile: Matteo Bernabè

Contatta la Redazione

Privacy e Cookie Policy

Liguria News