Città della Spezia Liguria News Genova Post Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
telefono redazione massa carrara 0585 027167
PUBBLICITA'
pubblicità massa carrara Richiedi contatto
Ultimo aggiornamento ore 12.49 del 14 Novembre 2018

Facebook La Voce Apuana Twitter La Voce Apuana RSS La Voce Apuana

Crociere, dal 2020 la stazione marittima al porto di Marina di Carrara | Video

Arriveranno almeno 70mila crocieristi all'anno. È il progetto dell'Autorità di Sistema Portuale del Mar Ligure Orientale per la banchina Taliercio: presentato il bando di gara

IL FUTURO DELLA CITTà
Crociere, dal 2020 la stazione marittima al porto di Marina di Carrara<span class=´linkFotoA1Articolo´> | <a href=´/videogallery/una-stazione-marittima-per-il-porto-di-marina-di-carrara-intervista-a-carla-roncallo-203.aspx´ class=´FotoVideoA1´>Video</a></span>
Marina di Carrara - Almeno 70mila passeggeri all'anno e un investimento minimo di 250mila euro per realizzare una stazione marittima provvisoria di circa 400 metri quadri. È questo il progetto dell'Autorità di Sistema portuale del Mar Ligure orientale per il porto di Marina di Carrara e in particolare per la parte della banchina Taliercio riservata alle crociere.

Il bando di gara che riguarda in primis la nuova stazione marittima del porto della Spezia, prevede anche questo, e i dettagli sono stati presentati nel corso di una conferenza stampa tenutasi alla sede centrale dell'Authority alla presenza della presidente Carla Roncallo, insieme al governatore della Regione Liguria, Giovanni Toti, e al sindaco della Spezia Pierluigi Peracchini.

Si tratta nello specifico di un bando di gara per l'affidamento in concessione mediante project financing del servizio assistenza passeggeri e realizzazione della nuova stazione marittima del porto ligure. «È la prima volta che avviene per un porto italiano» ha sottolineato Roncallo. In aggiunta a questo «se ci saranno le condizioni» ha specificato la presidente «l'Autorità di sistema portuale si riserva, infatti, la possibilità di negoziare con l'aggiudicatario l'affidamento in concessione di parte della banchina Taliercio, al fine di realizzare lì un analogo servizio rivolto ai crocieristi. Ciò per rendere ancora più armonico lo sviluppo dell'intero comparto crociere del sistema portuale, che potrà contare su un ulteriore accosto, in una zona anch'essa caratterizzata da un territorio molto interessante. Il vincitore della gara, per avere in concessione anche la banchina di Carrara, dovrà realizzare un terminal provvisorio sulla Taliercio, a proprie spese, dalle dimensioni di circa 400 metri quadrati, per un investimento non inferiore a 250.000 euro, oltre a garantire un traffico passeggeri non inferiore a 70mila annui».

Al termine della conferenza stampa abbiamo approfondito i dettagli legati allo scalo marittimo apuano direttamente con la presidente Roncallo. «I proponenti di questo project (Msc, Royal Caribbean e Costa Crociere, ndr) – ha dichiarato alla Voce Apuana – ci hanno chiesto di lavorare anche su Carrara. Non avremmo voluto che Marina fosse presa come una banchina di supporto da usare una volta ogni tanto. Se ci garantiranno un certo numero di toccate navi, un numero minimo di passeggeri minimo e un piccolo investimento per creare la stazione marittima, noi saremo disponibili a mettere in gioco la banchina Taliercio. Se invece la vogliono solo per avere una banchina di supporto, non saremo disponibili ad assegnarla e quindi occorrerà una gara apposita con cui assegnarla».

Sarà obbligatoria la realizzazione della stazione marittima sulla Taliercio per la società aggiudicataria?
«Se la società che vincerà ci darà queste garanzie, noi affideremo a questa la banchina e la realizzazione della stazione marittima sarà obbligatoria. Altrimenti faremo una gara a parte».

Perché nel bando si parla di «terminal provvisorio»?
«Perché il progetto è quello di far crescere questo porto e dedicare al comparto crocieristico tutta la banchina Taliercio una volta che sarà prolungata rispetto all'attuale configurazione. Per cui, se le navi arriveranno da subito, sarà necessario un terminal provvisorio. Il terminal definitivo sarà realizzato poi una volta che il nuovo piano regolatore sarà pronto».

Quanto tempo ci vorrà per la nuova stazione marittima e per vedere arrivare le prime navi del "nuovo corso"?
«Le tempistiche saranno molto più veloci rispetto al progetto della Spezia. A Marina gli spazi e la banchina sono già disponibili, quindi le navi potrebbero arrivare già dal 2020, quando i numeri potrebbero aumentare in maniera significativa. Il 14 gennaio scade il termine per presentare le offerte e contiamo già da fine marzo di iniziare col nuovo soggetto».
Giovedì 25 ottobre 2018 alle 19:37:15
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Video

25/10/2018 - Una stazione marittima per il porto di Marina di Carrara. Intervista a Carla Roncallo



Notizie Massa Carrara




-


Sondaggio

Sei favorevole o contrario all'erogazione del reddito di cittadinanza per i più poveri?

























Testata giornalistica registrata presso il tribunale di Massa n° 4/2017
Direttore responsabile: Matteo Bernabè

Contatta la Redazione

Privacy e Cookie Policy

Liguria News