Genova Post La Voce del Tigullio Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
telefono redazione massa carrara 0585 027167
PUBBLICITA'
Contattaci
Ultimo aggiornamento ore 22.01 del 15 Ottobre 2019

Facebook La Voce Apuana Twitter La Voce Apuana RSS La Voce Apuana

Comitato per la difesa dei pini al Friday For Future: "giovani unitevi a noi"

"Per garantire parcheggi abbattiamo le piante. Poi dichiariamo lo stato di emergenza climatica"

La lettera
Comitato per la difesa dei pini al Friday For Future: `giovani unitevi a noi`
Marina di Carrara - Pubblichiamo di seguito la lettera aperta scritta dal comitato per la difesa dei pini di vial Colombo e indirizza al movimento Friday For Future - Carrara contro i cambiamenti climatici.

"Siamo contenti che anche nella nostra città - scrive il comitato - sia presente il movimento Friday For Future. Senza la partecipazione dei giovani, diretta e massiccia, alla res publica non c’è futuro . Il lungo impegno di molti di noi nelle problematiche ambientali ci fa osare qualche consiglio e l’invito a prendere posizione su un tema direttamente connesso ai cambiamenti climatici. Per valorizzare la partecipazione e le più che legittime e condivisibili aspettative crediamo sia efficace, se vogliamo davvero un cambiamento, denunciare i mutamenti climatici a livello globale ma soprattutto proporre e favorire soluzioni a livello locale, anche attraverso il contrasto di scelte politiche sbagliate, già effettuate o in fase di attuazione. Una scelta sbagliata, secondo noi ma non solo, è il progetto di abbattimento di 63 pini, sani e maturi, sul Viale Colombo a Marina di Carrara di cui sicuramente siete a conoscenza".

"Motivazione della delibera, che noi abbiamo contestato, è il rifacimento del marciapiede che continua ad essere ad uso promiscuo: di pedoni ma, soprattutto, di auto. In sintesi: per garantire i parcheggi, si abbattono piante. Si attuano, così, in un sol colpo, due azioni entrambe antagoniste (e che si potenziano sinergicamente nel loro effetto negativo) alla rivoluzione culturale proposta dal movimento di cui siete attori: limitare l’uso e i consumi di carburante dell’auto privata e aumentare il verde in città per i benefici ambientali di riduzione dell’inquinamento che le piante, soprattutto adulte, producono".

"Al momento sono stati abbattuti 7 pini che hanno fatto posto, con una scelta improvvida sia da un punto di vista storico-paesaggistico che ecologico, a 18 palme, varietà Washingtonia.
Comprendiamo l’esigenza di sistemare il marciapiede (quel marciapiede, così come tantissimi altri marciapiedi anche più dissestati) per la migliore accessibilità di tutti (ma non certo delle auto, essendo un “marciapiede”), e i progressi tecnologici forniscono soluzioni senza abbattere piante. Come cittadini abbiamo evidenziato invano al Comune che i pini offrono un grande servizio ecologico: produzione di ossigeno, abbattimento di CO2, contenimento delle polveri sottili e del rumore, ombra, rifugio per gli animali e, dunque, difesa della biodiversità, e che è dunque folle abbatterli per esigenze che addirittura contrastano con il bene collettivo e del Pianeta".

"A nulla sono valsi incontri, lettere, esposti, interrogazioni parlamentari, articoli sui quotidiani, locali e nazionali. Il Comune da un lato dichiara “l’emergenza climatica” (forse è di moda e dichiarare non costa nulla), dall’altro abbatte filari di alberi storici, sani e dal grande valore ecologico! Qualcosa non torna. “Think globally, act locally” è sempre più attuale oltre che valido: la consapevolezza ecologica inizia nel proprio giardino, nella propria casa; solo scelte singole e individuali sono in grado di determinare ripercussioni globali. Non possiamo cambiare il mondo se non partiamo da casa nostra, dalle nostre abitudini, dal nostro stile di vita, dalle cose sbagliate e anti-ecologiche nella nostra città! Nel nostro piccolo possiamo fare la nostra piccola parte. In tutto il mondo si cerca di piantumare nuovi alberi, noi non difendiamo neppure quelli che ci sono. Li abbattiamo per un marciapiede che accolga meglio più macchine.
Vi chiediamo, in coerenza con lo spirito che anima il movimento, di unirvi a noi per pretendere dal Comune la sospensione di questa decisione non giustificabile in alcun modo".
Martedì 17 settembre 2019 alle 11:04:59
© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie Massa Carrara





-


























Testata giornalistica registrata presso il tribunale di Massa n° 4/2017
Direttore responsabile: Matteo Bernabè

Contatta la Redazione

Privacy e Cookie Policy

Liguria News