Genova 24 La Voce del Tigullio Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
telefono redazione massa carrara 0585 027167
PUBBLICITA'
Contattaci
Edizione del weekend

Facebook La Voce Apuana Twitter La Voce Apuana RSS La Voce Apuana

«Ripetitori vicino all'asilo di Fosdinovo, siamo preoccupati»

Lo affermano dall'associazione Fosdinovo Bene Comune che auspica un percorso partecipato per il nuovo piano delle antenne

le richieste
«Ripetitori vicino all´asilo di Fosdinovo, siamo preoccupati»
Lunigiana e Apuane - «Dopo che come Fosdinovo Bene Comune abbiamo sollevato la questione delle apparecchiatura localizzate in prossimità dell’asilo di Fosdinovo e dopo che in nemmeno un giorno abbiamo raccolto più di cento firme, nel Consiglio Comunale del 27 dicembre 2019 si è nuovamente discusso della Delibera 41/26 che, come è noto, tratta dell'insediamento di apparecchiature per telecomunicazione in prossimità della Scuola dell’Infanzia di Fosdinovo». Inizia così la nota dell'associazione che auspica un percorso partecipato per il nuovo piano delle antenne.

«Dall’oggetto della Delibera (“Comodato d’uso di area comunale a favore di Open Fiber – Approvazione schema contrattuale”) è chiaro – affermano dall'associazione – che il contratto con Open Fiber è parte integrante della Delibera, così come ufficialmente pubblicato all’Albo Pretorio. Accogliamo con soddisfazione il fatto che nella seduta del Consiglio la sindaca Camilla Bianchi si sia impegnata a rivedere il testo del contratto e abbia precisato che vicino all’asilo si installeranno soltanto apparecchiature relative alla fibra ottica. Ci pare però davvero poco pertinente la decisione presa nella seduta consiliare del 27 dicembre di non portare nuovamente in Consiglio la stesura riveduta del contratto di comodato: che valore avrà la Delibera 41/26 (l’unica ufficialmente in vigore) e il Contratto come sua parte integrante, se non interviene un atto formale di annullamento e l’adozione formale di un nuovo contratto da parte del Consiglio? Il contratto non contiene solo l’opzione (che resta aperta) tra armadio/antenna, ma anche la possibilità per Open Fiber di installare (nei prossimi 40 anni!) tutto quanto riterrà necessario; e a cosa servirebbero 30 metri quadri per un semplice armadio?».

«Pertanto – aggiungono da Fosdinovo Bene Comune – riteniamo necessario al momento proseguire con la raccolta firme in base alla quale l’amministrazione, ai sensi dell’Art. 4 dello Statuto Comunale, dovrà decidere se accogliere la nostra istanza di annullamento della Delibera 41/26 oppure dare motivazione scritta di un motivato diniego. Non possiamo non essere preoccupati della disattenzione che l'intero Consiglio ha posto sulla questione. Chiediamo dunque che il nuovo testo: 1. preveda esplicitamente che Open Fiber possa installare esclusivamente un armadio per la fibra ottica; 2. non contenga la possibilità per Open Fiber di installare una struttura porta antenna; 3. non contenga la possibilità per Open Fiber di istallare nel futuro altre tipologie di strumenti senza preventiva autorizzazione; 4. circoscriva in modo puntuale l’ambito nel quale le informazioni date da Open Fiber possano essere coperte da riservatezza senza essere portate a conoscenza della cittadinanza».

«Auspichiamo – concludono – che il Comune adotti al più presto il Piano Antenne, così come previsto dalla Legge Regionale 49/2011 e che preveda un percorso realmente partecipato dai cittadini per ogni decisione che riguardi l’installazione di strumentazioni elettromagnetiche».
Lunedì 30 dicembre 2019 alle 11:43:16
© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie Massa Carrara




-


Sondaggio

Chi è il miglior giocatore della Pontremolese?






















Chi è il miglior giocatore della San Marco Avenza?








































Testata giornalistica registrata presso il tribunale di Massa n° 4/2017
Direttore responsabile: Matteo Bernabè

Contatta la Redazione

Privacy e Cookie Policy
Impostazioni Cookie

Liguria News