LA REDAZIONE
telefono redazione massa carrara 0585 027167
PUBBLICITA'
pubblicità massa carrara Richiedi contatto
Edizione del weekend

Facebook La Voce Apuana Twitter La Voce Apuana RSS La Voce Apuana

La Lunigiana terra di risparmiatori. A Pontremoli deposito pro capite di 26mila euro

Complessivamente risparmi per 526 milioni di euro. Pontremoli ha il primato con 190 milioni

La Lunigiana terra di risparmiatori. A Pontremoli deposito pro capite di 26mila euro
Lunigiana e Apuane - Lunigianesi formichine. Hanno messo da parte oltre mezzo miliardo di euro (526milioni) in risparmi (+34%). Spetta a Pontremoli il podio per la città più risparmiona con 190milioni di euro (+56,8%) dove il deposito pro capite è il più alto di tutta la provincia con 26.087mila euro. Quasi 11mila euro in più rispetto a Carrara (15.435 euro) e quasi 15mila su Massa (12,866).

Ad evidenziarlo è l'ultimo rapporto dell'Istituto Studi e Ricerche della Camera di Commercio. "La Lunigiana – spiega Vincenzo Tongiani, Presidente Isr – è sempre di più il collettore di risposte per le banche che poi investono in altri territori. C'è però da evidenziare che in un lustro si è perso il 5% degli impieghi in provincia e quasi il 10% degli sportelli con Aulla la più penalizzata: ha due sportelli in meno rispetto al 2011".

In controtendenza Licciana Nardi dove gli impieghi, quindi gli investimenti, sono cresciuti del 30% così come i depositi. "Turismo, agricoltura e commercio – spiega ancora Tongiani – sono i tre settori su cui la Lunigiana si è progressivamente caratterizzata. Un esempio: a Licciana e Bagnone le attività commerciali sono cresciute rispettivamente dell'11% e del 17,4% a fronte di un dato negativo generale del 2,1%.

Il turismo, nonostante la flessione generalizzata, ha retto meglio in Lunigiana dove i posti letto sono aumentati dell'11%, circa 100 unità, così come l'agricoltura che ha vissuto una stagione molto favorevole". Tra gli indicatori che suscitano curiosità quello relativo alla presenza di ambulanti: "in Lunigiana vivono 72 operatori ogni 10mila residenti (sono 67 sulla costa) con Tresana – spiega ancora Tongiani – che ha un numero maggiore di ben 5 volte con 171 attività". La ragione della presenza di numerose attività di ambulantato è da ricercare nella distribuzione degli stranieri: "tre cittadini stranieri su dieci – commenta Dino Sodini, Presidente Camera di Commercio – vivono in Lunigiana. Ad Aulla sono quasi mille su una popolazione di 11mila residenti, a Pontremoli quasi 600".

Il lavoro e l'impresa sono elementi di integrazione importanti ai fini anche dell'ottenimento della cittadinanza, poi c'è da considerare il costo della vita che in Lunigiana è inferiore rispetto alla costa: motivazioni per cui la Lunigiana è preferita alla costa. La presenza degli stranieri rende meno pesante il saldo demografico che per il terzo anno consecutivo è stato negativo con le uniche note positive, e sono le uniche a livello provinciale, di Casola e Podenzana. La Lunigiana – conclude Sodini – ha risentito in maniera minore della crisi rispetto alla costa trainata anche dall'agricoltura e dal turismo che sono diventati i pilastri dell'economia del territorio. Pilastri su cui continua ad investire poiché il rapporto con la terra, intesa come paesaggio, storia, e tradizione, presuppone uno sviluppo sostenibile e rispettoso dell'ambiente. La Lunigiana ha tutte la carte in regola per affermarsi a livello internazionale".
Martedì 7 novembre 2017 alle 11:31:43
© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie Massa Carrara




FOTOGALLERY



VIDEOGALLERY
























Testata giornalistica registrata presso il tribunale di Massa n° 4/2017
Via Fratelli Rosselli, 33 - 19121 La Spezia
Direttore responsabile: Luca Borghini

Contatta la Redazione

Privacy e Cookie Policy

Liguria News