Genova 24 La Voce del Tigullio Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
telefono redazione massa carrara 0585 027167
PUBBLICITA'
Contattaci
Ultimo aggiornamento ore 08.16 del 13 Luglio 2020

Facebook La Voce Apuana Twitter La Voce Apuana RSS La Voce Apuana

Imprese lunigianesi in difficoltà, la proposta del Comune di Aulla

Tra i punti fondamentali l'estensione temporale del credito di imposta sugli affitti e congelamento totale del sistema dei protesti sino a fine anno

il dettaglio
Lunigiana e Apuane - L’assessore al Commercio del comune di Aulla Giada Moretti chiede aiuto alle istituzioni per quel che riguarda le situazione delle attività commerciali. La proposta parte - spiega Moretti - dalla condizione delle attività economiche ad Aulla e in Lunigiana ma si estende a gran parte del territorio nazionale, che siamo certi troveranno come sempre un grande spirito e la forza per ripartire, ma che oggi devono essere messe in condizione di poterlo fare con provvedimenti urgenti e di impatto, per i quali vogliamo farci portavoce, tramite i nostri rappresentanti, verso il Governo Regionale e Nazionale.

Di seguito i punti fondamentali:
- Estensione temporale fino al termine dell’emergenza a tutte le categorie commerciali ed artigianali che hanno dovuto sospendere le proprie attività, e per tutte le categorie di immobili, del credito di imposta sugli affitti (attualmente al 60%), che potrebbe inoltre essere riquantificato nella misura dell’80%;
- Estensione delle garanzie dello stato su prestiti alle aziende attualmente già previste per i prossimi 6 mesi con necessario prolungamento oltre i 72 mesi del piano di restituzione;
- Congelamento totale fino a fine anno del sistema dei protesti, oltre alla sospensione dei rateizzi con l’Agenzia delle Entrate,
- Previsione ulteriore di contributi a fondo perduto e crediti di imposta a talune categorie di attività come bar e ristoranti, che saranno costrette ad una ripartenza ancor più rallentata.

Per le imposte comunali le Amministrazioni locali devono essere messe in condizione di poter operare per una sostanziale riduzione delle tassazioni comunali su insegne e suolo pubblico, TARI, IMU, di notevole impatto soprattutto su bar e ristorazione. Tutto questo per garantire la liquidità necessaria a rendere possibile una ripartenza già fragile e piena di incertezze.

Visto inoltre che probabilmente nulla sarà più come prima - aggiunge l'assessore -, chiediamo da parte delle istituzioni l’attivazione di un fondo che incentivi i comparti commerciali territoriali a riorganizzarsi con efficaci piattaforme e reti locali di e-commerce, con presentazione prodotti, vetrine virtuali, modalità di prova e di consegna, modalità di pagamento on-line, che costituiscano da un lato una valida soluzione per possibili future emergenze, dall’altro lato una importante evoluzione rispetto alla attuale struttura di piccolo commercio tradizionale.
Martedì 28 aprile 2020 alle 17:04:04
© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie Massa Carrara




-


















Testata giornalistica registrata presso il tribunale di Massa n° 4/2017
Direttore responsabile: Matteo Bernabè

Contatta la Redazione

Privacy e Cookie Policy
Impostazioni Cookie

Liguria News