Genova 24 La Voce del Tigullio Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
telefono redazione massa carrara 0585 027167
PUBBLICITA'
Contattaci
Ultimo aggiornamento ore 22.50 del 9 Aprile 2020

Facebook La Voce Apuana Twitter La Voce Apuana RSS La Voce Apuana

Pontremoli 1938-1945, l’applicazione delle leggi razziali

da lunedì 27 gennaio
Pontremoli 1938-1945, l’applicazione delle leggi razziali
Lunigiana e Apuane - In occasione delle celebrazioni della giornata della memoria, ricorrenza internazionale celebrata il 27 gennaio di ogni anno per commemorare le vittime dell'Olocausto, la Sezione di Pontremoli dell’Archivio di Stato di Massa ha allestito una mostra documentaria dal titolo: Pontremoli 1938-1945. L’applicazione delle leggi razziali nei documenti dell’Archivio di Stato.
La mostra si pone l’obiettivo di sensibilizzare il pubblico alla conoscenza e all’approfondimento di un momento importante e molto dibattuto della storia nazionale e locale nel periodo dell’Italia fascista, attraverso un itinerario che attesti la ricerca e il recupero della memoria storica che i documenti conservati presso la Sezione di Pontremoli dell’Archivio di Stato di Massa riescono a testimoniare.
L’esposizione documentaria, che si concentra sul lungo processo persecutorio messo in atto dallo Stato fascista a partire dal 1938, affronta, dopo un inquadramento generale dovuto all’emanazione delle Leggi razziali e il Censimento dell’agosto 1938, le conseguenze di tale legislazione discriminatoria nei confronti degli ebrei attraverso l’accertamento della “razza” con conseguenze nella limitazione dei diritti del lavoro, dell’accesso a forme di sostegno economico (mutui, case popolari), della requisizione dei beni e infine nell’internamento nei campi di concentramento.
Attraverso la lettura dei comunicati, delle circolari e delle disposizioni inviate dagli organi di controllo del territorio nazionale, per l’accertamento della “razza” ebraica, agli uffici anagrafe del Comune di Pontremoli, si ricostruirà il destino atroce di una parte della popolazione che dimorava stabilmente nel territorio pontremolese e che si è trovata improvvisamente costretta a cambiare le proprie abitudini di vita, ad emigrare, a scomparire nel nulla (attraverso la falsificazione delle proprie generalità), o venire internata nelle carceri del territorio o nei campi di concentramento.
La mostra, allestita presso i locali della Sezione di Pontremoli dell’Archivio di Stato di Massa, sarà inaugurata il giorno 27 gennaio e proseguirà fino al 7 febbraio. Gli orari di apertura sono: lunedì, mercoledì e venerdì dalle ore 8:15 alle ore 13.45 e il martedì e giovedì dalle ore 8:15 alle ore 17:15. Per informazioni o per visite guidate telefonare al numero 0187 831559 o scrivere al seguente indirizzo di posta elettronica: as-ms.pontremoli@beniculturali.it
Venerdì 24 gennaio 2020 alle 17:44:55
© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie Massa Carrara




-


Sondaggio

Coronavirus, mascherina obbligatoria in Toscana. Tu sei d'accordo?

Chi è il miglior giocatore del Podenzana?




















Chi è il miglior giocatore dell'Atletico Carrara?





































Testata giornalistica registrata presso il tribunale di Massa n° 4/2017
Direttore responsabile: Matteo Bernabè

Contatta la Redazione

Privacy e Cookie Policy
Impostazioni Cookie

Liguria News