Città della Spezia Liguria News Genova Post Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
telefono redazione massa carrara 0585 027167
PUBBLICITA'
pubblicità massa carrara Richiedi contatto
Ultimo aggiornamento ore 22.51 del 19 Settembre 2018

Facebook La Voce Apuana Twitter La Voce Apuana RSS La Voce Apuana

E' morto Arrigo Petacco, giornalista e scrittore

Da “Joe Petrosino” (1972) e “Il prefetto di ferro” (1975) furono tratti altrettanti sceneggiati Rai di grande successo

VIVEVA A PORTO VENERE
E´ morto Arrigo Petacco, giornalista e scrittore
Lunigiana e Apuane - Si è spento all'età di 89 anni Arrigo Petacco, giornalista, scrittore e storico spezzino noto a livello nazionale. Il decesso è avvenuto dopo un periodo in cui le condizioni di salute erano peggiorate notevolmente.

Petacco era nato a Castelnuovo Magra il 7 agosto del 1929. Intrapresa la carriera giornalistica, che lo portò dal Lavoro alla direzione della Nazione negli anni Ottanta, si distinse soprattutto come saggista. Da “Joe Petrosino” (1972) e “Il prefetto di ferro” (1975) furono tratti altrettanti sceneggiati Rai di grande successo. Profondo fu il suo interesse per la storia risorgimentale e quella del Ventennio, nei confronti del quale espresse posizioni giudicate controverse che gli attirarono critiche da sinistra.

Alla sua città dedicò tra gli altri “La Spezia in guerra, 1940-45. Cinque anni della nostra vita” (1984) e “La Spezia nel Risorgimento” (2001). Nel 2016 forte eco ebbe anche “Ho sparato a Garibaldi. La storia inedita di Luigi Ferrari, il feritore dell'eroe dei due mondi”, scritto a quattro mani con Marco Ferrari. Nel 1986 ricevette la nomina a Commendatore Ordine al merito della Repubblica Italiana dal presidente della Repubblica Francesco Cossiga.

Viveva a Porto Venere da alcuni anni dopo essere rimasto vedovo nel 1989. Petacco doveva essere ospite d’onore all’omaggio dedicato a Gino Patroni, organizzato lo scorso autunno alla Mediateca Regionale per i venticinque anni dalla morte. Le sue condizioni di salute non gli permisero però neanche di lasciare il borgo e raggiungere il centro città. Gli sopravvivono due figlie.
Martedì 3 aprile 2018 alle 19:28:00
© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie Massa Carrara




-


























Testata giornalistica registrata presso il tribunale di Massa n° 4/2017
Direttore responsabile: Matteo Bernabè

Contatta la Redazione

Privacy e Cookie Policy

Liguria News