Città della Spezia Liguria News Genova Post Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
telefono redazione massa carrara 0585 027167
PUBBLICITA'
Contattaci
Ultimo aggiornamento ore 21.40 del 16 Luglio 2019

Facebook La Voce Apuana Twitter La Voce Apuana RSS La Voce Apuana

Ripulito il "cimitero" delle auto: rimosse oltre 150 vetture

Una buona notizia per il territorio: le analisi escludono la contaminazione del suolo. Era stato sequestrato nel 2017

bonifica
Ripulito il `cimitero` delle auto: rimosse oltre 150 vetture
Lunigiana e Apuane - Era la fine del 2017 quando i militari della Stazione carabinieri Forestale di Fivizzano e del Gruppo Carabinieri Forestale di Massa-Carrara, insieme ai tecnici dell'Arpat di Massa erano intervenuti presso una nota concessionaria di auto con autofficina/carrozzeria della Lunigiana sul retro della quale, nel corso di anni, era cresciuto un "cimitero di auto" con decine di mezzi abbandonati, ammassati alla rinfusa ed esposti alle intemperie.

Era così scattato il sequestro penale dell'area e la denuncia a carico dell’attuale titolare dell'impianto per gestione irregolare dei rifiuti. Oltre alle auto abbandonate all'aperto, nei locali dell'officina erano stati rinvenuti rifiuti di vario genere, anche pericolosi (olii esausti, batterie, vernici, etc.) stivati alla rinfusa, senza rispettare le regole imposte dalle norme ambientali.
Il responsabile dell’attività si era però dichiarato sin da subito disponibile a rimediare ad uno stato di fatto frutto di anni di trascuratezza. Così, su disposizione della Procura di Massa, sotto la direzione tecnica di Arpat ed il controllo del CC Forestali, nel corso dei mesi si è proceduto alla progressiva bonifica dell'area esterna, provvedendo a rimuovere ed a smaltire a norma di legge le carcasse di auto, recuperando le poche che avevano valore come auto d'epoca.

Parallelamente è stata sistemata anche la situazione nei luoghi di deposito e stoccaggio, provvedendo a sistemare adeguatamente sia i materiali che i rifiuti in attesa di smaltimento, separando questi ultimi per tipologie, etichettandoli con i codici CER e mantenendoli nelle condizioni idonee ad evitare possibili dispersioni e contaminazioni.

In questi giorni i lavori sono stati portati a termine e le analisi di suolo e sottosuolo hanno escluso ogni inquinamento. La Comandante del Nucleo Investigativo di Polizia Ambientale e Forestale di Massa ha verificato, insieme ai tecnici Arpat, che la gestione dei numerosi rifiuti prodotti fosse ricondotta alla normalità, rispettando tutti gli adempimenti di legge.

Il titolare della Ditta sarà ora soggetto alle pene previste dalle norme ambientali, applicate anche tenendo conto dell’impegno nell’adempiere le prescrizioni dell’Autorità giudiziaria e del Comune. Una porzione della Lunigiana, il cui patrimonio è costituito soprattutto dai valori paesaggistici ed ambientali, è stata così recuperata da una situazione di grave degrado e potenziale pericolo. Un "lieto fine" frutto della stretta collaborazione tra differenti istituzioni sotto l’attenta regia dell’Autorità giudiziaria.
Sabato 6 luglio 2019 alle 16:20:33
© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie Massa Carrara





-


























Testata giornalistica registrata presso il tribunale di Massa n° 4/2017
Direttore responsabile: Matteo Bernabè

Contatta la Redazione

Privacy e Cookie Policy

Liguria News