LA REDAZIONE
telefono redazione massa carrara 0585 027167
PUBBLICITA'
pubblicità massa carrara Richiedi contatto
Ultimo aggiornamento ore 11.31 del 22 Settembre 2017

Facebook La Voce Apuana Twitter La Voce Apuana RSS La Voce Apuana

Lanciano sassi dal fiume Magra sull'autostrada per "divertimento". Danneggiati alcuni mezzi | Foto

Coinvolti otto giovanissimi, quattro denunciati dalla Polizia

Lanciano sassi dal fiume Magra sull´autostrada per `divertimento`. Danneggiati alcuni mezzi<span class=´linkFotoA1Articolo´> | <a href=´/fotogallery/Ragazzini-lanciano-sassi-sull-86_1.aspx´ class=´FotoVideoA1´>Foto</a></span>
Lunigiana e Apuane - In quattro lanciavano i sassi dal greto del fiume verso l'autostrada, mentre gli altri assistevano divertiti alla scena. E' il quadro agghiacciante ricostruito dalla Polizia stradale ieri pomeriggio quando hanno trovato al chilometro 93 della Genova- Rosignano, tra Santo Stefano e Ceparana nel punto dove scavalca il fiume Magra, otto adolescenti che per passare la giornata hanno cominciato a lanciare dei sassi sulla strada.
Hanno tutti tra i 16 e i 17 anni e nel loro folle "gioco" hanno colpito anche il parabrezza di un mezzo pesante. Ed è stato proprio un autista il primo ad accorgersi che qualcosa non andava.
L’autista, che viaggiava in direzione Genova , ha avvertito un forte colpo nella parte anteriore ed accostando in corsia di emergenza si è rivolto al 113, avvisando la Polizia Stradale di Spezia dell’accaduto.

Verificando il parabrezza ha notato che un sasso gli aveva infranto parte di esso. Il conducente non è si insospettito ed ha presunto che il corpo contundente fosse stato sollevato, come talvolta accade, da un altro veicolo circolante in autostrada. Mentre gli agenti della Stradale rilevavano il tutto, è giunta la notizia che un altro mezzo pesante, nel medesimo posto, era incappato nella stessa situazione: colpito da un sasso sul parabrezza.
Non vi è nulla sopra quel ponte che scavalca il torrente Magra, ma gli uomini della Stradale spezzina si sono insospettiti e sono andati a perlustrare il greto del fiume sottostante.
Giunti sul posto hanno notato degli scooter posteggiati lungo la strada sterrata: i sospetti si sono fatti sempre più concreti e sono diventati certezza quando hanno trovato, proprio lì sotto le carreggiate, otto ragazzini, tutti diciassettenni della zona, intenti a lanciare sassi sull’autostrada.

Più precisamente quattro di questi assistevano divertiti alla sfida che gli altri quattro si erano lanciati: sorvolare con i sassi le due carreggiate per farli ricadere dall’altra parte.
Tutto ciò senza considerare i veicoli che avrebbero potuto, come accaduto effettivamente, essere colpiti.
Per i quattro diciassettenni, tutti riaccompagnati a casa ed affidati agli imbarazzati genitori chiamati dalla Polizia Stradale, è scattata la segnalazione in stato di libertà per danneggiamento ed attentato alla sicurezza dei trasporti.

Questa vicenda, nonostante le dinamiche siano lievemente differenti, riporta alla mente un altro terribile fenomeno che negli anni '90 colpì le strade italiane. Il 27 dicembre 1996 Maria Letizia Berdini, all'epoca 31enne, mori per un masso lanciato da un gruppo di giovanissimi sull'autostrada A21, Torino-Piacenza.
Dietro al quel gesto folle un gruppetto di giovani tra i 18 e i 25 anni che per noia, decisero di lanciare un masso da un cavalcavia. Colpirono l'auto del marito di Letizia e lei morì.
Giovedì 24 agosto 2017 alle 15:10:40
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Fotogallery


Notizie Massa Carrara





FOTOGALLERY


VIDEOGALLERY
























Testata giornalistica registrata presso il tribunale di Massa n° 4/2017
Via Fratelli Rosselli, 33 - 19121 La Spezia
Direttore responsabile: Luca Borghini

Contatta la Redazione

Privacy e Cookie Policy

Liguria News