Ultimo aggiornamento ore 08.53 del 23 Agosto 2017

Facebook La Voce Apuana Twitter La Voce Apuana RSS La Voce Apuana

Incendio Costa, non ci sarà blocco attività

Il sindaco Valettini annuncia ricorso al Tar

Incendio Costa, non ci sarà blocco attività
Lunigiana e Apuane - A distanza di un anno ad Albiano torna a bruciare la contestata ditta di trattamento rifiuti Costa. Proprio pochi giorni fa il neo sindaco di Aulla, Roberto Valettini, nel corso di un'assemblea pubbica, ha garantito il suo impegno sulla vicenda Costa agli albianesi. Rabbia ed esasperazione oggi nella popolosa frazione aullese incastonata nella provincia spezzina. L'incendio, originatosi verso le 14, ha aggredito i rifiuti stoccati nelle aree esterne dell'azienda. Secondo una prima valutazione, si tratterebbe soprattutto di rifiuti ingombranti, e solo in minima parte di plastica, materiale da cui si sprigiona la temuta diossina. Il rogo, dal quale si è alzata una copiosa colonna di fumo puzzolente (il vento l'ha tirata in direzione Caprigliola), dopo pochi minuti era già saldamente nelle mani dei Vigili del fuoco. Un evento che ha destato preoccupazione ma fortunatamente circoscritto. Nessun intossicato da mettere a referto. Ma, come accennato, un crescente mix di rabbia e frustrazione. Sentimenti che il primo cittadino Valettini, sul posto con i membri della giunta - in primis il vice sindaco Roberto Cipriani, storico militante 'No Costa' - non ha esitato a raccogliere, confrontandosi con i cittadini (ce n'era almeno una trentina a guardare da un centinaio di metri l'increscioso spettacolo delle fiamme sulle cataste di rifiuti) i quali sono tornati a chiedere a gran voce provvedimenti e più controlli sul materiale scaricato dai mezzi nei piazzali.

"E' chiaro che questo non è il posto dove dovrebbe operare l'azienda - ha sottolineato Valettini -. Noi siamo qui da un mese e stiamo facendo il possibile per gestire al meglio la situazione". Le conseguenze dell'incendio? Il sindaco ha spiegato che probabilmente non sarà emessa un'ordinanza di chiusura - paiono non essercene i presupposti per via del tipo di materiale bruciato -, ma un'ordinanza a tutela della salute pubblica". Inoltre, il primo cittadino ha annunciato che il Comune ha deciso di fare ricorso al Tar per veder annullata la sospensiva del provvedimento che lo scorso inverno aveva bloccato l'attività di Costa. Della pratica a cura dell'avvocato Lenzetti, e non dell'avvocato Conti - quello segnalato dai 'No Costa' - in quanto il professionista, con studio a Parma, al momento non può occuparsene.
Sabato 29 luglio 2017 alle 15:32:44
© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie Massa Carrara






VIDEOGALLERY
























Testata giornalistica registrata presso il tribunale di Massa n° 4/2017
Direttore: Luca Borghini

Privacy e Cookie Policy