LA REDAZIONE
telefono redazione massa carrara 0585 027167
PUBBLICITA'
pubblicità massa carrara Richiedi contatto
Edizione del weekend

Facebook La Voce Apuana Twitter La Voce Apuana RSS La Voce Apuana

Siccità, le dighe di Teglia e Arlia per bagnare i campi della Val di Magra

Situazione critica, venerdì tavolo dal Consorzio di irrigazione e bonifica del Canale Lunense

Siccità, le dighe di Teglia e Arlia per bagnare i campi della Val di Magra
Lunigiana e Apuane - A questo giro la siccità non è la classica grana che, per quanto patema d'animo possa dare, è destinata a rimanere cosa altrui. Di altre zone, di altre regioni, di altra gente. Nossignore, il problema è anche sotto i nostri piedi, e sopra le nostre teste. Lo dimostra la lettera inviata oggi dal Consorzio di bonifica e irrigazione Canale lunense alle Regioni Liguria e Toscana, al Parco di Montemarcello Magra e Vara, all'Autorità di bacino, alle associazioni del mondo agricolo (Cia, Coldiretti, Unione agricoltori Cisl, Unione provinciale agricoltori), al Consorzio Albiano Ceparana e ai Comuni di Ameglia, Arcola, Aulla, Bolano, Carrara, Castelnuovo, Fosdinovo, Lerici, Ortonovo, Santo Stefano, Sarzana, Vezzano.

"Il protrarsi delle condizioni climatiche con l'assenza di precipitazioni - scrive nella missiva Massimo Morachioli, presidente del Lunense - sta mettendo a rischio la capacità di questo Consorzio di svolgere il servizio d'irrigazione garantito per la bassa Val di Magra oltre che per la piana di Albiano e Ceparana". Spiegando "che le previsioni meteo non evidenziano precipitazioni consistenti sul medio periodo che consentano di migliorare la situazione in essere", il geologo conclude la lettera convocato tutti i destinatari al numero 2 di Via Paci venerdì mattina, alle 11, per discutere sul da farsi per fronteggiare questa difficile situazione.

E un'idea c'è. Al momento il Consorzio sta infatti studiando una soluzione - con l'auspicio che il tavolo convocato per venerdì la accetti - che prevede il rilascio controllato dalle dighe di Teglia (nel Pontremolese) e Arlia (località fivizzanese famosa per il suo antico mulino). "Ciò consentirebbe di garantire il prosieguo della nostra attività istituzionale di irrigazione a supporto delle attività agricole della piana della bassa Val di Magra, nel rispetto dell'ambiente", spiega Morachioli.
Giovedì 3 agosto 2017 alle 09:35:24
© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie Massa Carrara





























Testata giornalistica registrata presso il tribunale di Massa n° 4/2017
Via Fratelli Rosselli, 33 - 19121 La Spezia
Direttore responsabile: Luca Borghini

Contatta la Redazione

Privacy e Cookie Policy

Liguria News