LA REDAZIONE
telefono redazione massa carrara 0585 027167
PUBBLICITA'
pubblicità massa carrara Richiedi contatto
Ultimo aggiornamento ore 21.55 del 21 Settembre 2017

Facebook La Voce Apuana Twitter La Voce Apuana RSS La Voce Apuana

Bandiera fascista sul Sagro, ANPI: "Il docente sa cosa successe a Vinca?"

La sezione "Gino Lombardi" cita il processo di Perugia alla Brigata Nera di Apuania

Bandiera fascista sul Sagro, ANPI: `Il docente sa cosa successe a Vinca?`
Lunigiana e Apuane - "Il docente che ha sventolato sul monte Sagro il vessillo di chiara marca neofascista sa quello che è accaduto nel sottostante paese di Vinca dal 24 al 27 agosto 1944? – scrive in una nota la sezione ANPI "Gino Lombardi" di Pietrasanta. "Se lo sa è uno spregevole e squallido erede morale degli assassini che in sanguinarono il paese, se non lo sa è un mentecatto ignorante, e ci meraviglia che sia un docente cui è affidata l'educazione e la formazione degli alunni".

Di seguito, il comunicato cita un breve passo della sentenza del processo celebrato a Perugia ai componenti della Brigata Nera di Apuania (pubblicata integralmente sul sito internet della sezione ANPI Gino Lombardi): "Vinca, miserando paese, fu devastato e saccheggiato, incendiato e distrutto insieme con quasi tutti gli abitanti, essendo scampati alla strage solamente taluni di coloro che poterono darsi alla fuga tra i boschi e le montagne".

"I morti di Vinca furono quasi duecento, tra cui ventinove donne e bambini uccisi con mitraglia e bombe a mano in un chiuso denominato Mandrione; una bimba di due mesi (Battaglia Nunziatina) uccisa al volo dopo essere stata lanciata in aria; una donna (Papa Ercolina) uccisa, poi denudata e impalata; una donna incinta (Marchi Alfierina) uccisa e poi squartata, una vecchia sessantacinquenne bruciata viva con lanciafiamme (teste Marchi Ilma); due vecchi bruciati vivi nelle loro case date alle fiamme (Boni Silvio e Mattei Paris); un cieco della prima guerra mondiale abbattuto mentre tentava di nascondersi in un campo prossimo all’abitato; altre donne uccise malgrado avessero invocato pietà".

"Gli autori di così efferate carneficine asportarono dallo sventurato paese camion di roba, parte della quale gettarono nel fiume (teste Pinelli Paolina e Micheli Lina); e diversi brigatisti tornanti da Vinca furono notati in possesso di asciugamani, lenzuola e biancheria e oggetti casalinghi (teste Croci Alfredo). Per condurre a termine la spietata rappresaglia furono bloccate le strade d’accesso tutt’intomo al paese (teste Giananti Palmiro)."
Venerdì 25 agosto 2017 alle 11:01:07
© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie Massa Carrara





FOTOGALLERY


VIDEOGALLERY
























Testata giornalistica registrata presso il tribunale di Massa n° 4/2017
Via Fratelli Rosselli, 33 - 19121 La Spezia
Direttore responsabile: Luca Borghini

Contatta la Redazione

Privacy e Cookie Policy

Liguria News