Città della Spezia Liguria News Genova Post Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
telefono redazione massa carrara 0585 027167
PUBBLICITA'
Contattaci
Edizione del weekend

Facebook La Voce Apuana Twitter La Voce Apuana RSS La Voce Apuana

Immigrazione clandestina, bufera sullo Spezia: coinvolti due carraresi

L'accusa è relativa all'arrivo di calciatori nigeriani. Tra i quindici indagati anche due figure sportive di Carrara. Interdetti il presidente e l'amministratore delegato

atleti minorenni
Immigrazione clandestina, bufera sullo Spezia: coinvolti due carraresi
Fuori Provincia - Bufera sullo Spezia Calcio. Il sodalizio ligure è finito al centro di un’indagine che riguarda il proprio settore giovanile e l’immigrazione clandestina con 15 denunciati in tutto e la misura cautelare interdittiva per un anno nei confronti dell’amministratore delegato, Luigi Micheli, e del presidente dello Spezia, Stefano Chisoli.

Il giudice per le indagini preliminari del Tribunale e la Squadra Mobile della Spezia applicato tale misura, accusando i vertici del club ligure di violazioni sistematiche delle disposizioni in materia di immigrazione clandestina. Assieme ad altre tredici persone rischiano dai 5 ai 15 anni di reclusione. La Questura spezzina ha diffuso una nota sull’argomento: “Il complesso dell’attività investigativa ha messo in luce l’esistenza di un vero e proprio “sistema” finalizzato a far giungere e poi permanere in Italia giovani promettenti atleti minorenni, di nazionalità nigeriana, selezionati nella scuola calcio di Abuja.

La volontà dei vertici della dirigenza della squadra professionistica spezzina e di aggirare prima la normativa in materia di immigrazione e, successivamente, quelle sportive, mediante un tesseramento fittizio presso squadre dilettantistiche in attesa del compimento della maggiore eta’ dell’atleta selezionato, in vista del successivo tesseramento nella compagine professionistica dello Spezia Calcio e con il fine ultimo di ricavare importanti plusvalenze, anche milionarie, con la cessione dei calciatori ad importanti club professionistici, come riscontrato nel corso delle indagini”.

Secondo quanto riportato oggi da un quotidiano, tra i quindici indagati figurerebbe anche due figure sportive di Carrara, uno di questi è l'ex direttore sportivo della Carrarese Claudio Vinazzani a cui non è stata notificata alcuna informazione di garanzia.
Martedì 12 febbraio 2019 alle 15:21:21
© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie Massa Carrara





-


























Testata giornalistica registrata presso il tribunale di Massa n° 4/2017
Direttore responsabile: Matteo Bernabè

Contatta la Redazione

Privacy e Cookie Policy

Liguria News