Genova 24 La Voce del Tigullio Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
telefono redazione massa carrara 0585 027167
PUBBLICITA'
Contattaci
Ultimo aggiornamento ore 12.14 del 7 Aprile 2020

Facebook La Voce Apuana Twitter La Voce Apuana RSS La Voce Apuana

Risarcimento in seguito a incidente stradale: i passaggi per ottenerlo

Risarcimento in seguito a incidente stradale: i passaggi per ottenerlo
Fuori Provincia - Fare un incidente mentre si è alla guida di un veicolo può capitare, purtroppo, a chiunque. Può dipendere da una disattenzione o da una manovra azzardata, ma in ogni caso alla fine ci si trova a dover fare i conti con danni al mezzo di trasporto e, nei casi peggiori, anche alle persone. In questi casi, è possibile avviare immediatamente le pratiche per chiedere il risarcimento dei danni.

Il diritto al risarcimento dei danni

Per legge i danni vanno risarciti da chi li causa, anche se non sono intenzionali. Infatti, come citato nell’articolo 2043 del Codice Civile, “qualunque fatto doloso o colposo, che cagiona ad altri un danno ingiusto, obbliga colui che ha commesso il fatto a risarcire il danno”. Se il danno avviene per strada con un veicolo allora si incorre nelle norme del Codice della Strada. In base al principio della responsabilità solidale, il risarcimento può essere chiesto sia al proprietario del veicolo che ha causato l’incidente che al guidatore nel caso in cui le due figure non dovessero coincidere. Altra cosa da considerare è che hanno diritto a chiedere il risarcimento per danni sia fisici che materiali anche i passeggeri che viaggiano sull’auto danneggiata, mentre quelli presenti nell’auto che causa l’incidente hanno diritto solo al risarcimento dei danni fisici. Ovviamente la quantificazione del risarcimento può essere ridotta a causa di alcune mancanze di chi lo chiede. Per esempio, se il danneggiato non stava rispettando le disposizioni di sicurezza personale, come casco e cintura, potrebbe vedere ridotta la cifra risarcitoria.

Come chiedere il risarcimento

Se si viene coinvolti in un sinistro il primo passo da fare è denunciare l’incidente entro tre giorni da quando è accaduto, inviando il modulo CAI, ovvero la Contestazione Amichevole dell’Incidente, compilato in ogni parte e firmato da ambedue le parti. Se il danno creato dall’incidente è solo sui veicoli o ci sono solo delle lesioni lievi, ci si può rivolgere direttamente alla propria Compagnia di Assicurazione, chiedendo un indennizzo diretto. Per conoscere meglio le modalità di richiesta e approfondire l’argomento, conviene consultare pagine dedicate online, ad esempio quella che spiega come ottenere l’indennizzo diretto con Helvetia. In tutti gli altri casi, invece, bisogna avviare la procedura ordinaria, soprattutto se ci sono danni fisici e biologici che superano la soglia del 9% di invalidità. In queste situazioni si dovrà inviare la richiesta per raccomandata. L’Assicurazione ha l’obbligo di rispondere entro 30 giorni, nel caso in cui il danno sia stato arrecato solo ai veicoli o altri oggetti e il modulo CAI sia stato firmato da ambedue i soggetti coinvolti.

Se la firma invece è apposta da un solo conducente, i termini per la risposta slittano a 60 giorni, che diventano 90 se ci sono anche delle lesioni fisiche.
Martedì 10 marzo 2020 alle 15:13:03
© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie Massa Carrara




-


Sondaggio

Chi è il miglior giocatore della Serricciolo?




















Chi è il miglior giocatore del Don Bosco Fossone?























Coronavirus, mascherina obbligatoria in Toscana. Tu sei d'accordo?

















Testata giornalistica registrata presso il tribunale di Massa n° 4/2017
Direttore responsabile: Matteo Bernabè

Contatta la Redazione

Privacy e Cookie Policy
Impostazioni Cookie

Liguria News