Genova 24 La Voce del Tigullio Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
telefono redazione massa carrara 0585 027167
PUBBLICITA'
Contattaci
Ultimo aggiornamento ore 22.21 del 7 Luglio 2020

Facebook La Voce Apuana Twitter La Voce Apuana RSS La Voce Apuana

Cosa sta succedendo al fotovoltaico? Le conseguenze della crisi sul settore

Cosa sta succedendo al fotovoltaico? Le conseguenze della crisi sul settore
Fuori Provincia - Il fermo delle imprese a causa del Coronavirus sta determinando uno stallo operativo anche sulla produzione di pannelli fotovoltaici. Ma il problema più grave sembra essere quello causato dall’impossibilità a muoversi e operare le necessarie installazioni sul territorio. Tra l’altro la situazione che si profila, a causa della doppia produzione carbone e green, è che l’offerta sta superando la domanda, determinando un calo dei prezzi al dettaglio. Una situazione che, se alle famiglie fa rientrare qualche euro di risparmio, fa mancare contemporaneamente una fetta di risorse al comparto.

Gli effetti del Coronavirus sul fotovoltaico
Il settore della produzione di energia green, e nello specifico quello legato al fotovoltaico, ha fatto registrare ultimamente un calo delle richieste e, conseguentemente, delle vendite. Si tratta di una crisi che non colpisce solo il settore della distribuzione, ma che sta mettendo in crisi tutta la filiera che parte dalla produzione, distribuzione e installazione finale. Un indotto che vede coinvolte numerose figure professionali come installatori, progettisti, distributori, sviluppatori e produttori, insieme a tutta la rete capillare della promozione e vendita sul territorio. A subirne le conseguenze sono tutte le realtà che gestiscono questi processi e che nell’ultimo periodo avevano visto aumentare gli indotti. Di recente, infatti, la richiesta di impianti fotovoltaici aveva subito un’accelerata soprattutto per via, da un lato, della convenienza dal punto di vista del risparmio energetico, dall’altro, della loro sostenibilità ambientale. Senza dimenticare che oggi è diventato sempre più semplice e rapido installare un impianto fotovoltaico con realtà come Green Network Energy, che offrono assistenza e supporto personalizzati. Infatti, guardando al 2018, in un solo anno sono entrati in esercizio più di 48.000 impianti fotovoltaici su un totale di oltre 822.301 impianti dislocati su tutto il territorio nazionale che coprono oltre il 20% dell'energia prodotta da fonti rinnovabili. Sempre nello stesso anno, inoltre, si è registrato un aumento di impianti del 9,8% rispetto all'anno precedente e una crescita della potenza installata pari al 6,2%. Dal Rapporto Statistico sul Solare Fotovoltaico 2018 del GSE, emerge poi come più della metà degli impianti siano collocati nelle regioni del Nord Italia, con Lombardia, Veneto ed Emilia-Romagna in testa, mentre in quanto a volumi di produzione è la Puglia a detenere il primato nazionale. Nel nostro Paese di sole ce n’è parecchio e non mancano le occasioni di mettere a frutto questa risorsa, eppure si continua ad importare energia dai paesi vicini come la Francia.

Le proposte per il rilancio del settore
Pur essendo ancora in fase di stand by, bisogna pensare alla ripartenza e farlo in maniera propositiva. Proprio per questa ragione alcune associazioni del settore hanno inviato una lettera al Presidente del Consiglio, suggerendo la giusta strategia per fare ripartire il settore e dare una spinta anche all’economia del Paese. Si tratta di una serie di iniziative che potrebbero dare lavoro a oltre 100.000 addetti e che andrebbero sbloccate con agevolazioni e incentivi. Si verrebbe a realizzare un vero e proprio Green Deal, che riporterebbe nelle casse dello Stato, sotto forma di entrate fiscali, ben più di ciò che dovrebbe essere investito per attuarlo. In pratica è stato chiesto di sospendere il Decreto Controlli, sbloccando i pagamenti congelati degli incentivi e di far partire immediatamente le comunità energetiche. E poi di ridimensionare gli oneri burocratici per i nuovi impianti, riattivare la cessione del credito, agevolare repowering e revamping. Infine sostenere e incentivare le soluzioni di accumulo privato. Da ciò si capisce come il settore del fotovoltaico che oggi sta vivendo un momento di crisi a causa della pandemia, domani potrebbe rappresentare un traino non indifferente per il rilancio dell’economia nazionale.
Mercoledì 22 aprile 2020 alle 14:28:25
© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie Massa Carrara




-


Sondaggio

Contagi e vittime sono in calo da tempo in Italia e i numeri del Covid sono quelli che si registravano a febbraio nei primissimi giorni della futura pandemia. Voi quali sensazioni avete oggi?


















Testata giornalistica registrata presso il tribunale di Massa n° 4/2017
Direttore responsabile: Matteo Bernabè

Contatta la Redazione

Privacy e Cookie Policy
Impostazioni Cookie

Liguria News