Genova 24 La Voce del Tigullio Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
telefono redazione massa carrara 0585 027167
PUBBLICITA'
Contattaci
Ultimo aggiornamento ore 12.15 del 8 Luglio 2020

Facebook La Voce Apuana Twitter La Voce Apuana RSS La Voce Apuana

Il 2019 della Carrarese: gioie, delusioni e... un sogno ancora vivo | Foto

12 mesi ricchi di emozioni per Baldini e gli azzurri. Una su tutte: la vittoria di Vercelli

l'anno in breve
Il 2019 della Carrarese: gioie, delusioni e... un sogno ancora vivo <span class=´linkFotoA1Articolo´> | <a href=´/calcio-massa-carrara/fotogallery/il-2019-della-carrarese-702_1.aspx´ class=´FotoVideoA1´>Foto</a></span>
Carrara - E’ stato un 2019 ricco di emozioni quello vissuto in casa Carrarese. Un anno intenso, iniziato con una vittoria, quella del 20 gennaio in casa della Juventus U23. Era la seconda giornata di ritorno della passata stagione, che gli azzurri avrebbero chiuso con un settimo posto. Una posizione che ha fatto discutere, specialmente se confrontata con gli obiettivi di inizio campionato, apertamente dichiarati nel pre-season. Suona ancora nelle orecchie dei tifosi quel grido di mister Baldini sul palco di piazza Alberica, di fronte a centinaia di carrarini: “Serie A”. Sì, perché parlare di Serie B, a detta del tecnico massese, sarebbe stato addirittura riduttivo. Carrara è la città di chi non scende a compromessi, è la culla degli anarchici, di chi vive di passioni. E’ il territorio ideale per sognare in grande. E proprio per questo la sana follia di Baldini è stata condivisa da molti. Ma nel momento in cui si tratta di analizzare il concreto, di accostare aspettative e risultati, di andare a vedere se quel sogno si è tramutato in qualcosa di reale, inevitabilmente subentra la delusione.

La Carrarese di Big Mac Maccarone, approdato sotto le apuane dopo gli anni di Empoli e l’esperienza in Australia, di Ciccio Tavano, confermatosi bomber spietato anche alla sua seconda stagione in azzurro con 19 reti in 35 presenze, e di Giuseppe Caccavallo, fuoriclasse indiscusso e idolo dei tifosi, deve accontentarsi di arrivare settima. Il girone di andata, tuttavia, aveva fatto presagire tutt’altro: la coppia inarrestabile Tavano-Caccavallo viaggiava con una media di un gol a testa a partita tenendo il passo ai tandem d’Europa Mbappé-Neymar e Messi-Suarez, e la Carrarese stazionava fissa nell’altissima classifica. Poi gli infortuni dello stesso Caccavallo e di Giovanni Foresta a dicembre hanno frenato la corsa degli azzurri. Da gennaio a maggio i punti totalizzati sono stati 31 in 18 gare, con una media gol di 0,8 a partita, più o meno un terzo rispetto all’andata (2,26).

E’ una Carrarese in evidente difficoltà quella che si trova a giocarsi il tutto per tutto ai playoff, che però, tutto sommato, segnano una svolta. Conquistato il passaggio al secondo turno dopo aver battuto in casa la Pro Patria, è il momento della trasferta di Vercelli. E probabilmente proprio quella vittoria, conquistata al 93’ con un gol di Biasci e il conseguente accesso ai turni nazionali, ha rappresentato l’emozione più grande del 2019 per i tifosi gialloazzurri, giunti in più di 400 in terra piemontese. A quel punto, il sogno chiamato Serie B sembrava davvero assumere forma, ma a interrompere la favola è arrivata la doppia sfida contro il Pisa, che tanti ricorderanno con rammarico soprattutto per quel doppio vantaggio annullato in soli 2 minuti dalla rimonta nerazzurrra. Poi, nella gara di ritorno all’Arena Garibaldi, la resa definitiva. E con lei, l’eliminazione dagli spareggi promozione per il secondo anno consecutivo.

Al terzo anno del progetto Baldini la rosa viene rivoluzionata, con gli addii importanti di Rosaia, Biasci, Borra, Ricci e Piscopo e gli arrivi di giocatori di grande esperienza del calibro di Pasciuti, Conson, Calderini e Infantino. La società di Piazza Vittorio Veneto deve però fare i conti con il Monza di Berlusconi e Galliani, autentica corazzata dal valore di circa 12 milioni che, senza troppe difficoltà, si ancora fin da subito al primo posto in solitaria. Il vantaggio dei lombardi si fa sempre più importante e la Carrarese capisce che deve puntare al secondo posto, per il quale comunque dovrà combattere con Pontedera, Renate, Novara, Siena ed Alessandria. Arrivati a dicembre, i numeri parlano chiaro: 31 punti, frutto di 8 vittorie, 7 pareggi e 4 sconfitte, e un secondo posto distante 5 punti. Un risultato parziale che sicuramente non rispecchia a pieno le potenzialità di una squadra costruita per vincere e che deve ancora dire la sua in questo campionato. Tutto viene rimandato all’imminente inizio di 2020, per il quale il miglior augurio è che la Carrarese di Baldini 3.0 si renda protagonista, in positivo, di un girone di ritorno pieno di soddisfazioni.
Martedì 31 dicembre 2019 alle 10:28:58
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Fotogallery


Notizie Massa Carrara




-


Sondaggio

Contagi e vittime sono in calo da tempo in Italia e i numeri del Covid sono quelli che si registravano a febbraio nei primissimi giorni della futura pandemia. Voi quali sensazioni avete oggi?


















Testata giornalistica registrata presso il tribunale di Massa n° 4/2017
Direttore responsabile: Matteo Bernabè

Contatta la Redazione

Privacy e Cookie Policy
Impostazioni Cookie

Liguria News