Città della Spezia Liguria News Genova Post Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
telefono redazione massa carrara 0585 027167
PUBBLICITA'
pubblicità massa carrara Richiedi contatto
Ultimo aggiornamento ore 13.33 del 24 Settembre 2018

Facebook La Voce Apuana Twitter La Voce Apuana RSS La Voce Apuana

Carrarese, Rosaia: "Siamo una grande famiglia, lavoriamo ogni giorno per il nostro sogno"

Ancora "Jack": "A Firenze con Berna e Piccini sono stati anni d'oro. Il mio idolo è Nainggolan"

Carrarese, Rosaia: `Siamo una grande famiglia, lavoriamo ogni giorno per il nostro sogno`
Carrara - Nella settimana che porta a Carrarese-Giana Erminio, abbiamo scambiato quattro chiacchiere con Giacomo Rosaia, centrocampista dei marmiferi.
Ai nostri microfoni “Jack”, ha parlato degli inizi all'Inter per poi proseguire con gli anni d'oro a Firenze con Bernardeschi e Piccini, dove ha vinto anche due titoli.
Il lungo racconto è proseguito con l'esperienza in azzurro, il rapporto con compagni e mister per poi concludersi con gli obiettivi futuri.

Possiamo dire che la carriera di Giacomo Rosaia parte da lontano...

“ Si, la mia carriera e il mio sogno di diventare calciatore inizia da bambino. Partì tutto a soli 7 anni, quando militavo nelle giovanili dell'Inter. Abitando a Milano dalla nascita ricevetti le richieste di Inter e Atalanta, preferendo però la prima proposta.
Sono approdato all'Inter iniziando a vivere questa bellissima avventura ovviamente come un gioco ma anche con tanti sacrifici da parte della mia famiglia. Ogni giorno finita la scuola, mia mamma mi veniva a prendere e mi accompagnava agli allenamenti; tutto di fretta per far combaciare tutti gli impegni. Non mi faceva mai mancare niente, ogni mio passo era sempre affiancato da una famiglia sempre molto presente e alla quale devo tutto. Trascorsero 5 anni molto importanti, fatti di crescita personale e tanto apprendimento sia dentro che fuori dal campo. Poi la decisione di venire ad abitare a Massa, zona dove ho tutti i miei parenti più stretti. Una scelta di vita, diciamo così. Milano era troppo lontana ed allora ecco la Fiorentina. Lì incominciò una nuova avventura, durata per ben 10 anni. Ore passate in pulmino, poi in treno dopo la scuola ed infine il trasferimento in cittá quando era arrivata l'età adatta. Così completai con i Viola il mio percorso di crescita, vincendo un campionato Allievi Nazionali e una Coppa Italia Primavera. Ecco poi finalmente il calcio dei grandi, passando per Treviso, Carrarese, Massese per poi tornare qui a Carrara due anni fa.


A Firenze hai conosciuto il “carrarino” Bernardeschi e Piccini che proprio qui all'ombra delle Apuane ha mosso i primi passi nel calcio professionistico. Parlaci un po' del vostro rapporto

“Il rapporto con Berna (Federico Bernardeschi, ndr) e Cris (Cristiano Piccini, ndr) nasce tutto dalle giovanili della Fiorentina...io e Fede prendevamo ogni santo giorno il pulmino per Firenze, quindi trascorrevamo tanto tempo insieme, eravamo ragazzi...ci piaceva divertirci, era un bellissimo rapporto di amicizia.
Poi quando ho smesso di fare il pendolare e mi sono trasferito a Firenze, ho convissuto con Cris, si abitava insieme...per me è sempre stato un punto di riferimento come lo è tutt'ora. Ci sentiamo spesso e abbiamo un bellissimo rapporto. Con entrambi si passava molto tempo insieme anche fuori dal campo!”


Come giudichi, fino a qui, la stagione della Carrarese?

“La nostra stagione è in crescita, lavoriamo sodo dal primo giorno di ritiro con obiettivi e ambizioni chiare. Siamo una famiglia, la prima parte di stagione è stata dettata da momenti di alti e bassi, ma non ci siamo mai disuniti e abbiamo lavorato, sapendo quale fosse il nostro obiettivo finale. Abbiamo una guida come mister Baldini che ogni giorno ci mette nelle condizioni di poterci migliorare ed ambire sempre al massimo, trasmettendoci la sua passione e determinazione per arrivare in alto, ed una società alle spalle che si è mostrata sempre presente.”

In questa parte di stagione, sia da centrocampista che da terzino destro, hai raccolto molti attestati di stima dagli addetti ai lavori che hanno visto nelle tue prestazioni un crescita importante...

”Fanno sicuramente piacere queste considerazioni. Vogliono dire che il percorso intrapreso è quello giusto, bisogna continuare a lavorare senza mai accontentarsi”.

Che rapporto hai costruito con mister Baldini?

”Il rapporto con il Mister come già dicevo, parte tutto da aver creato una sintonia comune a tutta la squadra, una vera famiglia. Da ogni piccola cosa, curata dalla colazione, passando per il campo fino a completarsi con la cena. Il mister è una persona con grandi valori ed ogni giorno li mette sul campo a nostra disposizione per il bene comune, per un sogno ed un obiettivo da raggiungere tutti insieme”.

Da fuori traspare anche un notevole senso di gruppo...

”Si, siamo un bel gruppo unito. Per me è come se fosse la mia anima, la mia seconda casa....ci confidiamo, lavoriamo e passiamo ogni momento insieme nel bene e nel male”.

Prossimo avversario la Giana Erminio, che gara sarà?

“Con la Giana ci aspetta una partita sicuramente molto dura da affrontare. Sono una squadra esperta, unità e che fa del gruppo la propria forza. Inoltre hanno ottime individualità, ci sarà da fare attenzione ad ogni particolare. Anche durante la sosta, la testa era già lì...ai tre punti. E' una partita sicuramente fondamentale per il nostro percorso e per dare la continuità che ci serve senza porci limiti”.

Qual'è il tuo giocatore preferito?

”Il mio giocatore simbolo è Nainngolan, un guerriero che non si tira mai indietro, sempre pronto al sacrificio, alternando alla perfezione le sue qualità tecniche e fisiche. E' anche molto duttile, lo considero un giocatore completo”.

Quali sono i tuoi obiettivi futuri?

”Le mie ambizioni sono quelle di continuare a crescere, con umiltà e tanto sacrificio a disposizione della squadra. Sono un ragazzo ambizioso, non mi pongo limiti.
Come del resto è ambiziosa la società Carrarese, punta in alto, vuole raggiungere un sogno per questa città e per i nostri splendidi tifosi che non ci fanno mai mancare il loro supporto”.
Mercoledì 28 febbraio 2018 alle 19:26:37
© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie Massa Carrara




-


























Testata giornalistica registrata presso il tribunale di Massa n° 4/2017
Direttore responsabile: Matteo Bernabè

Contatta la Redazione

Privacy e Cookie Policy

Liguria News