Genova Post La Voce del Tigullio Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
telefono redazione massa carrara 0585 027167
PUBBLICITA'
Contattaci
Ultimo aggiornamento ore 22.01 del 15 Ottobre 2019

Facebook La Voce Apuana Twitter La Voce Apuana RSS La Voce Apuana

Cardoselli: «Questa è la Carrarese più forte»

Parla il centrocampista azzurro: «Forza inespressa? Riparliamone tra qualche settimana»

L'INTERVISTA
Cardoselli: «Questa è la Carrarese più forte»
Carrara - Quando in campo non c'è Ciccio Tavano, è lui a indossare la fascia da capitano: Cassio Cardoselli, centrocampista scuola Lazio, si gode i suoi primi anni tra i professionisti nella città che, da tre stagioni a questa parte, lo ha praticamente adottato. Negli anni passati Silvio Baldini lo ha sempre schierato nella coppia di mediani tipica del suo 4-2-3-1. Quest'anno, con l'arrivo di Damiani, il classe '98 si muove tra la posizione di mezzala e quella più avanzata di trequartista, alle spalle di un tridente di tutta qualità.

Cassio, nelle ultime partite ti abbiamo visto spesso arrivare a concludere in porta. Quanto rammarico c’è, alla luce del risultato finale, per quel tiro che ti sei visto respingere nel primo tempo in casa del Renate?
"Effettivamente ultimamente sto spingendo molto in avanti, arrivando spesso alla conclusione. Ho avuto 3 occasioni importanti con Pistoiese, Olbia e Renate, ma purtroppo nessuna si è realizzata. Spero di sfatare presto questo tabù. A Renate avrei potuto sbloccare il risultato se solo fossi stato più lucido, e portare avanti la mia squadra in un campo dove le altre difficilmente sono riuscite a fare punti".

Che effetto ti fa indossare la fascia da capitano con questa maglia?
"E’ un grande onore entrare in campo con la fascia che fino a un'attimo prima stava indossando Ciccio Tavano. Indosso questa maglia da tanto tempo e in fin dei conti credo di essermi meritato almeno un "pizzico" di quella fascia. Ricordiamoci però che quello che è fondamentale è il carisma, l'atteggiamento da leader che mostrano giocatori come Maccarone, Tavano, Murolo. E' l'utilità, l'esperienza che porti all'interno del gruppo a fare la differenza. La fascia ha un'importanza relativa".

Pensi che questa Carrarese abbia ancora del potenziale inespresso, che ancora non sia riuscita a tirar fuori quella qualità, quella forza che la deve contraddistinguere quest’anno?
"Questa è la Carrarese più forte degli ultimi anni, a livello di singoli e di gruppo. Se scende in campo al 100%, sa che ogni partita dipende da lei. Probabilmente in questo momento c’è del valore inespresso, ma stiamo attraversando una fase iniziale. Tra qualche settimana arriveremo a essere la Carrarese che tutti si attendono per poter competere in alto, soprattutto andando a vincere queste sfide importanti anche con squadre di media classifica".

Dopo il punto di Renate, vi aspetta una seconda trasferta. Cosa chiedete a voi stessi dalla sfida di Gozzano?
"Innanzitutto è sempre importante dare continuità a una serie di risultati positivi. Facile dire tre punti, più difficile realizzarlo, ma dobbiamo provarci. Una vittoria ci proietterebbe a domenica prossima con grande entusiasmo. Vincere fuori casa non è mai facile, ma abbiamo lavorato duramente tutta la settimana e andremo a Gozzano per fare la nostra partita".
Giovedì 3 ottobre 2019 alle 14:23:49
© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie Massa Carrara





-


























Testata giornalistica registrata presso il tribunale di Massa n° 4/2017
Direttore responsabile: Matteo Bernabè

Contatta la Redazione

Privacy e Cookie Policy

Liguria News