Genova Post La Voce del Tigullio Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
telefono redazione massa carrara 0585 027167
PUBBLICITA'
Contattaci
Ultimo aggiornamento ore 21.35 del 14 Novembre 2019

Facebook La Voce Apuana Twitter La Voce Apuana RSS La Voce Apuana

«Non ancora al 100%, ma in campo voglio dare tutto»

Infortunio alle spalle, Giovanni Foresta è tornato più forte di prima: «Dire grazie è troppo facile. Risponderò con le prestazioni»

L'INTERVISTA
«Non ancora al 100%, ma in campo voglio dare tutto»
Carrara - Un motorino inesauribile, un enorme coraggio e una forza inarrestabile. Anche dopo un infortunio che l'ha tenuto lontano dal campo per 9 mesi non ha perso la grinta e il carattere che lo contraddistinguono. Perché lui è il guerriero del centrocampo, quello che non perde un contrasto, quello che aggredisce l'avversario, recupera il pallone e mette in porta il suo compagno, come accaduto la scorsa domenica a Siena. E' Giovanni Foresta, l'anti-eroe, come lo ha definito mister Baldini, «un giocatore che non muore mai». Sì, perché "Forestino" (così lo chiamano i suoi compagni) è tornato a correre sul rettangolo verde, e nonostante non sia ancora al 100%, non lascia trasparire alcun segnale di convalescenza.

Ho ancora qualche fastidio che spero vada via presto. E' stato un anno difficile, 9 mesi non sono pochi e l'infortunio in sé è stato brutto: un mese di gesso, quattro-cinque mesi di riabilitazione... E' stata dura. Ma quando ti metti in testa che devi rientrare perché hai un obiettivo e inizi a lavorare duramente, riesci piano piano a superare tutto.

La Carrarese ti è rimasta vicino in questi mesi e ti ha fatto firmare un rinnovo promesso proprio quel 9 dicembre, qualche istante dopo il tuo infortunio...
Sì, la società mi è stata vicino da subito. Non so se da un'altra parte sarebbe accaduto lo stesso. In fondo il mio contratto era in scadenza e l'infortunio davvero brutto, ma loro hanno creduto in me e mi hanno dato la possibilità di fare un altro anno qua. Il mister? Anche lui mi ha sempre dato fiducia e per questo lo ringrazio tantissimo, se oggi sono qua è anche merito suo.

Adesso come ti senti fisicamente e mentalmente?
Come dice il mister, sono ancora al 50%. Penso sia normale dopo un infortunio di 9 mesi, che ti lascia un po' di dolore e un po' di paura all'inizio. Ma con le partite, l'adrenalina e la voglia di giocare, il dolore passa in secondo piano. La caviglia va meglio, sento miglioramenti giorno dopo giorno. Poi, in ogni caso, anche se non sono ancora al 100%, so che in partita devo sempre dare tutto. Dopo quello che ha fatto la Carrarese per me, il minimo per ripagare la loro fiducia è attraverso le mie prestazioni in campo.

Cosa pensi invece di questo avvio di campionato un po' in sordina, che pare però avere avuto una svolta positiva con la vittoria di Siena?:
La partenza che abbiamo avuto ci poteva stare. Siamo una squadra nuova e ci si può aspettare di perdere o pareggiare qualche partita all'inizio. Il calcio d'agosto poi, si sa, è un calcio strano. Già da domenica si è visto qualcosa in più: la prestazione, la voglia di andare a vincere, che fanno di noi la squadra che siamo. Questa vittoria fa capire che possiamo lottare per vincere il campionato o, comunque, per arrivare nelle prime posizioni, e dà ai tifosi la dimostrazione che siamo una squadra forte, che in campo mette sempre l'anima.

Domenica un derby toscano, quello contro la Pistoiese. Cosa ti aspetti?
La Pistoiese viene da noi per fare la sua partita. Sappiamo quanto è importante la gara e sappiamo che, se giochiamo come abbiamo fatto al Franchi, possiamo vincerla. Dopo Siena siamo rimasti concentrati: giocheremo anche noi a testa alta e alla fine dei 90 minuti faremo i conti.

Un'ultima domanda sui tifosi azzurri, che a te sono molto affezionati. Cosa ti senti di dire loro?:
Devo dire che non mi hanno mai lasciato solo, soprattutto quando mi sono fatto male, e ricevere un tale affetto da parte di tutti per me è stato bellissimo. So che c'è stima da parte loro nei miei confronti ma è un sentimento reciproco. Dire grazie è troppo facile, il modo migliore per dimostrare la mia riconoscenza è in campo, dando il massimo partita dopo partita.
Giovedì 12 settembre 2019 alle 11:42:16
© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie Massa Carrara





-


























Testata giornalistica registrata presso il tribunale di Massa n° 4/2017
Direttore responsabile: Matteo Bernabè

Contatta la Redazione

Privacy e Cookie Policy

Liguria News