Genova 24 La Voce del Tigullio Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
telefono redazione massa carrara 0585 027167
PUBBLICITA'
Contattaci
Ultimo aggiornamento ore 10.32 del 27 Gennaio 2020

Facebook La Voce Apuana Twitter La Voce Apuana RSS La Voce Apuana

«La fortuna deve girare. Contro Siena e Pontedera 6 punti»

Carrarese, parola al centrocampista Damiani. "Possiamo vincerle entrambe. Importante imparare a gestire alcune fasi"

L'INTERVISTA
«La fortuna deve girare. Contro Siena e Pontedera 6 punti»
Carrara - E’ stato uno dei più apprezzati dai tifosi in seguito alla prestazione di Alessandria. Ma non è una novità, perché Samuele Damiani, mediano classe 98 di proprietà dell’Empoli, è ormai una garanzia per mister Baldini. Il tecnico degli azzurri difficilmente gli nega la maglia da titolare. Sarà per il suo senso della posizione, per la geometria, per l’intelligenza tattica. O perché, con un “motorino” come Giovanni Foresta, va a formare una coppia perfetta.

"Onestamente non mi aspettavo, una volta arrivato a Carrara, di trovare tutto questo spazio – racconta il centrocampista ex Viterbese a La Voce Apuana - Ho scelto di venire qua sulla base della convinzione che la Carrarese potesse essere un’ottima opportunità per esprimermi. Conoscevo già le idee di mister Baldini, che all’inizio ha fatto capire a tutti che non esiste chi vale più dell’altro. Siamo tutti uguali, veniamo valutati in base a quello che diamo in settimana e chi merita di più scende in campo la domenica. Il mister è solito effettuare molte rotazioni, in tutti i ruoli, ma a me ha dato molta fiducia facendomi giocare quasi sempre dal primo minuto. Non posso che esserne felice".

Si parla molto dell’atteggiamento offensivo tipico delle squadre di Baldini, atteggiamento che a volte tende a sacrificare centrocampo e difesa. Cosa ne pensi?
"Effettivamente la continua ricerca della profondità è stata la prima cosa che ho notato qui, questa volontà di verticalizzare che, comunque, penso sia fondamentale nel calcio. Non mi sento oerò di dire che noi centrocampisti e difensori siamo “sacrificati”. Probabilmente si fanno meno fraseggi, si gioca meno palla a terra e il centrocampista finisce per apparire meno agli occhi degli spettatori, ma al giorno d’oggi è importante che noi mediani sappiamo far bene entrambe le fasi ed io per primo so che devo concentrarmi anche sulla fase di non possesso".

Spostando il focus sul collettivo, domenica scorsa ad Alessandria, come accaduto già diverse volte quest’anno, la Carrarese si è fatta recuperare proprio negli ultimi minuti di gioco. Possiamo parlare a questo punto di un problema di mentalità?
"Ovviamente non può essere un caso, perché è già successo più di una volta e così abbiamo perso 7-8 punti negli ultimi 10 minuti. Sono situazioni che vanno sapute gestire e dobbiamo lavorarci, perché quando vinci 2-1 e manca poco alla fine devi fare in modo di non subire gol. Con Pianese e Arezzo abbiamo commesso i soliti errori. Ad Alessandria abbiamo giocato bene per 90 minuti e la rete del pari è arrivata su un episodio, su una deviazione dopo un tiro non irresistibile. Non siamo stati fortunati, anche perché qualche minuto prima avevamo avuto una grossa occasione con Valente per il 3-1".

L’Alessandria è una squadra che, come la Carrarese, punta al secondo posto e proprio per questo la gara del Moccagatta è stata un ottimo banco di prova. Quali consapevolezze vi ha lasciato?
"Oltre ad essere una delle nostre dirette avversarie nell’alta classifica, l’Alessandria è stata anche affrontata fuori casa, in un campo difficile e pesante. Questo ci fa capire che, quando restiamo concentrati, siamo in grado di mettere in difficoltà chiunque, anche quando non giochiamo nel nostro stadio. Le prossime partite però le abbiamo in casa e devono servire da stimolo, soprattutto se l’avversario si chiama Siena o Pontedera. E la Carrarese può vincerle benissimo entrambe".

A proposito di queste due sfide, cosa ti aspetti da parte della Carrarese?
"Sono entrambe partite molto complicate e dobbiamo scendere in campo con l’atteggiamento e le idee di Alessandria. E chissà, magari questa volta l’episodio a sfavore diventa a favore. Magari, anziché prendere gol all’ultimo saremo noi a farlo. Io penso si possano fare tranquillamente 6 punti in 2 partite, ma se non ci dovessimo riuscire, è importante non buttarsi giù. Affronteremo i nostri avversari con la consapevolezza che si tratta di scontri diretti importanti, che ci possono far guadagnare punti togliendoli al contempo alle nostre dirette avversarie".
Giovedì 16 gennaio 2020 alle 15:25:26
© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie Massa Carrara





-

FOTOGALLERY


Sondaggio

Vota il miglior azzurro di Pistoiese-Carrarese




































Testata giornalistica registrata presso il tribunale di Massa n° 4/2017
Direttore responsabile: Matteo Bernabè

Contatta la Redazione

Privacy e Cookie Policy

Liguria News