Ultimo aggiornamento ore 19.23 del 23 Agosto 2017

Facebook La Voce Apuana Twitter La Voce Apuana RSS La Voce Apuana

Zanetti (Pd): "Su beni estimati l'amministrazione faccia chiarezza"

I democratici: "De Pasquale convochi gli stati generali del marmo o un consiglio comunale a tema"

Zanetti (Pd): `Su beni estimati l´amministrazione faccia chiarezza`
Carrara - L'ex candidato sindaco Andrea Zanetti e il gruppo consiliare Pd tornano a chiedere chiarezza sul regolamento degli agri marmiferi e sui beni estimati, veri e propri cavalli di battaglia dei pentastellati in campagna elettorale.

"Carrara ha bisogno di ponti e non di muri – scrive Zanetti – ha bisogno di rigenerazione e di un’identità condivisa, soprattutto attorno alla sua risorsa maggiore, il marmo. Da quel che si legge sulle cronache di questi giorni mi sembra invece vada in direzione del tutto contraria: e se continuerà così non sarà un bene per nessuno, certo non per la città". La nota arriva dopo le “frecciate a distanza” fra attuali ed ex amministratori e i vertici di Assindustria.

"Nel programma – sottolinea Zanetti – avevamo scritto chiaramente che Carrara aveva, e ha, bisogno di un nuovo modello di sviluppo: un modello “sostenibile” non solo sul piano ambientale ma anche economico e sociale".

Per fare questo avevamo detto che, se eletti, uno dei primi atti della giunta sarebbe stata la convocazione degli “stati generali del marmo” – prosegue il capogruppo dem – un’occasione per mettere assieme allo stesso tavolo tutti i diversi portatori di legittimi interessi (dai soggetti pubblici agli imprenditori, dai rappresentanti dei lavoratori al mondo dell’associazionismo) per discutere e trovare punti condivisi di azione sulle grandi questioni del pianeta lapideo: dal tema del gettito e del ritorno economico a quello dell’ambiente e della sicurezza in cava, dalla riduzione del rischio idrogeologico allo sviluppo delle attività produttive di filiera".

"Vedo, purtroppo, che così non è: si sceglie di lanciare ancora una volta frecciate a distanza quasi come se la dimensione “mediatica” fosse l’unico vero interesse," chiosa Zanetti. "Non servono le “bolle” o gli anatemi: ma non serve nemmeno la difesa arroccata delle imprese. Errori ne sono stati fatti tanti, da più parti, in un lasso di tempo “pluricentenario” (non certo negli ultimi soli dieci anni e tanto meno nell’ultimo mese): non è per cerchiobottismo che diciamo questo. Lo diciamo perché siamo convinti che sia arrivato il tempo di cambiare davvero le politiche sia istituzionali sia di impresa e che lo scontro, dopo tanti proclami, sia solo la dimostrazione che alla fine qualcuno ha preferito cambiare tutto perché nulla cambiasse".

Zanetti e il suo gruppo invitano dunque il sindaco a convocare gli “stati generali”. "O quanto meno convochino un consiglio comunale dedicato a questi temi e riferiscano alle assise e alla città quali proposte concrete hanno intenzione di formulare su beni estimati, nuovo regolamento e periodo transitorio, durata delle concessioni e modalità di tassazione dell’escavato," concludono i democratici.
Venerdì 4 agosto 2017 alle 09:54:58
© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie Massa Carrara






VIDEOGALLERY
























Testata giornalistica registrata presso il tribunale di Massa n° 4/2017
Direttore: Luca Borghini

Privacy e Cookie Policy