Città della Spezia Liguria News Genova Post Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
telefono redazione massa carrara 0585 027167
PUBBLICITA'
pubblicità massa carrara Richiedi contatto
Ultimo aggiornamento ore 19.46 del 12 Novembre 2018

Facebook La Voce Apuana Twitter La Voce Apuana RSS La Voce Apuana

Scontro in Consiglio comunale: non viene concessa la proroga all'opposizione

I 5 Stelle: «Gesto forte per limitare comportamenti scorretti». In tre escono dall'aula

Scontro in Consiglio comunale: non viene concessa la proroga all´opposizione
Carrara - Scontro nel consiglio comunale di Giovedì 17: all'opposizione non è stata concessa una proroga allo spazio concesso alle interrogazioni. In chiusura, intorno alle 21:30 consigliere Lorenzo Lapucci non era riuscito a presentare la sua mozione sull’educazione civica nelle scuole. “Un’ora e mezza di tempo è abbondantemente scaduta, ” ha obiettato Michele Palma. L’opposizione chiede una proroga di un quarto d’ora, respinta in blocco dai consiglieri pentastellati, esclusa la favorevole Elisa Serponi e gli astenuti Daniele Raggi e Palma. Lapucci, per protesta, è uscito dall’aula, seguito da Giuseppina Andreazzoli e Massimiliano Bernardi. “Una brutta pagina – ha commentato Andrea Vannucci – non capisco perché non rimanere dieci minuti in più.” Anche Roberta Crudeli del PD ha protestato: “Voi sbandierate di continuo la partecipazione. Se fosse successa la stessa cosa cinque anni fa, sarebbe stata la fine del mondo.”

I 5 stelle hanno protestato: è stato un consiglio-fiume. “Oggi è il 17 maggio,le scuole verranno chiuse il 19 di giugno,” ha osservato il sindaco De Pasquale. “Stasera si è abusato del diritto di replica – ha dichiarato il capogruppo Daniele Del Nero – a partire da stasera anche il Movimento 5 stelle prenderà il suo spazio per le interrogazioni. Una proposta da brividi, secondo Vannucci: “Minacciare di usare un diritto come quello di interpellanza in questo contesto significa voler limitare il nostro diritto di tribuna."

Il Movimento 5 stelle replica in un comunicato: "Essere opposizione impone il dovere di prendersi delle responsabilità anche in relazione ai lavori di Consiglio, e nel caso specifico abbiamo sentito il
dovere di mettere in campo un gesto forte, pur immaginando le successive e fin troppo facili
strumentalizzazioni. Perché non farlo avrebbe significato avallare di fatto certi
comportamenti che purtroppo, e sempre più frequentemente da qualche tempo, superano il
limite della correttezza e del buon gusto.”

Non è ammissibile, secondo i consiglieri a Cinque Stelle, né che qualcuno monopolizzi lo
spazio riservato agli interventi con passerelle personali che incidono pesantemente sulla
libertà di espressione lasciata agli altri consiglieri, di fatto quasi residuale, nè che qualcuno in
tali eccessi di protagonismo assuma continuamente comportamenti maleducati ed offensivi.
Il riferimento è ovviamente a Massimiliano Bernardi ed ai suoi continui attacchi all’assessore
Galleni. “Il consigliere Bernardi - prosegue la nota – ci ha ormai abituato a questi spettacoli,
molto simili ai nostri occhi alle gesta di un pugile di scarsissima qualità ma con innegabili doti
di incassatore. Raramente centra il bersaglio, quasi sempre si scopre e viene puntualmente
colpito a sua volta dai colpi precisi dell’avversario, che raramente ammettono replica. Ma lui
va avanti imperterrito, e continua a tentare di colpire e ad essere colpito senza neanche
accorgersene. Ci dispiace però che quella foga agonistica, fuor di metafora, trascenda in toni e
parole che nulla dovrebbero avere a che fare con un aula istituzionale.”
E circa le accuse di aver di fatto impedito la discussione di una mozione, la posizione del M5S
sembra fin troppo chiara. “Non abbiamo concesso la proroga – sottolinea il capogruppo
Daniele Del Nero – per dare un segnale assolutamente necessario, in presenza di
comportamenti non più tollerabili. E’ una questione troppo importante, il Consiglio Comunale
non può continuare ad essere teatro di rivalse che a volte sembrano avere connotazioni più
personali che politiche, e spesso condite da comportamenti ben poco educati. La mozione
presentata dal consigliere Lapucci avrebbe potuto essere peraltro discussa in coda alle
delibere, come confermato dal Segretario Generale su mia richiesta, ma a quel punto,
stranamente, non è stata ripresentata. Evidentemente, si è colta l’occasione per far finta di
non capire e si è scelto volutamente, ancora una volta, di rimanere sul piano della sterile
contrapposizione anziché provare a tornare sul piano della proposta. Ed è un atteggiamento
che non stupisce più di tanto, questi mesi di consiliatura in fondo, se si eccettua qualche
piacevole eccezione, parlano chiaro.”

“Ringrazio per le attenzioni i consiglieri – è la replica di Bernardi – che hanno trovano nel mio comportamento una bella scusa antidemocratica per non aver prolungato il tempo di discussione. Il mio atteggiamento nei loro confronti è e sarà sempre questo. Soprattutto dopo che, avendo cercato per mesi il dialogo, ho ricevuto risposte allusive e insinuanti. Che nascondono un’incapacità amministrativa spaventosa.”

Crudeli risponde: “Mi sono risentita perché non hanno dato all’opposizione la possibilità di illustrare una mozione già presentata. Il rispetto delle istituzioni parte dal riguardo verso la minoranza. La maggioranza ora vuole farsi interrogazioni da sola per evitare il contraddittorio. Vogliono soffocare chi non la pensa come loro.”
Sabato 19 maggio 2018 alle 08:07:43
© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie Massa Carrara




-


Sondaggio

Sei favorevole o contrario all'erogazione del reddito di cittadinanza per i più poveri?

























Testata giornalistica registrata presso il tribunale di Massa n° 4/2017
Direttore responsabile: Matteo Bernabè

Contatta la Redazione

Privacy e Cookie Policy

Liguria News