Città della Spezia Liguria News Genova Post Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
telefono redazione massa carrara 0585 027167
PUBBLICITA'
pubblicità massa carrara Richiedi contatto
Ultimo aggiornamento ore 21.01 del 22 Luglio 2018

Facebook La Voce Apuana Twitter La Voce Apuana RSS La Voce Apuana

Progetto Carrara, Martinelli: «Trattamento equo per tutti i lavoratori»

«Stupito per l'interrogazione parlamentare di Martina Nardi che interviene dopo anni di silenzio e dopo aver votato il Jobs Act»

«LA VERTENZA SI CHIUDERÀ POSITIVAMENTE»
Progetto Carrara, Martinelli: «Trattamento equo per tutti i lavoratori»
Carrara - Un trattamento equo per tutti i lavoratori di Progetto Carrara, al di là dell'iscrizione a questa o quella sigla sindacale e una gestione oculata della vertenza, mirata a garantire continuità occupazionale a tutti nel rispetto della legge e degli equilibri economici. Il vicesindaco Matteo Martinelli, titolare della delega a bilancio e società partecipate, replica così alle critiche sul trattamento dei lavoratori della municipalizzata che ha costruito la Strada dei marmi.

Martinelli contesta innanzitutto la mossa di Martina Nardi, parlamentare del Pd, che ha presentato un'interrogazione al governo proprio sulla vertenza dei lavoratori: "Mi stupisce molto che l'onorevole Nardi intervenga al riguardo dopo anni di silenzio. Lei che non si è mai preoccupata di assicurarsi se i 130 milioni di soldi pubblici investiti nella Strada dei Marmi siano stati spesi bene o male, lei che non si è mai interessata dei tanti contenziosi che ditte, lavoratori e consulenti hanno sollevato contro la Progetto Carrara, si fa avanti ora a difesa dell'occupazione. Forse prima di intervenire doveva consultare i referenti locali del suo partito. Per una che ha votato il Jobs Act sollevare un polverone sulla vertenza della Progetto Carrara, dove sono stati salvati tutti i posti di lavoro, è una posizione poco credibile" attacca il vicesindaco.

Martinelli ricorda che la delicata situazione in cui si trova la Progetto Carrara è figlia di "anni e anni di politiche clientelari, nel corso dei quali si sono costruiti carrozzoni, gonfiando il numero di posti di lavoro per accontentare gli amici degli amici. La Progetto Carrara è stata una sorta di mangiatoia dove si sono sfamati in tanti, in troppi direi. Non è un caso – rilancia il vicesindaco - che tutto il vecchio consiglio di amministrazione della partecipata sia finito nel mirino della magistratura per le modalità per così dire dubbie con cui è stato stabilizzato il personale".

Tratteggiato il contesto generale Martinelli entra nel merito della vertenza e ricorda: "La precedente amministrazione aveva firmato un accordo che prevedeva 4 esuberi. Noi l'abbiamo modificato e abbiamo salvato tutti i posti di lavoro. Non mi sembra sia un risultato di cui un sindacato si possa lamentare". Il vicesindaco garantisce che l'operazione è stata gestita in modo da "tutelare tutti i lavoratori, indipendentemente dalla sigla sindacale di riferimento. A qualche sindacalista però questo non è piaciuto perché gli ha impedito di garantire ai suoi iscritti i vecchi privilegi di cui hanno sempre goduto, a discapito del resto del personale, dell'azienda, delle casse del municipio e dunque contro l'interesse di tutti i cittadini".

Il vicesindaco replica poi direttamente a Marco Tonarelli, uno dei dipendenti di Progetto Carrara, che lamenta il trattamento ricevuto in fase di ricollocamento: "Dovrebbe essere soddisfatto che gli è stata garantita continuità occupazionale, un risultato raggiunto dopo una lunga trattativa grazie alla quale abbiamo salvato tutti i posti di lavoro, cosa che non eravamo obbligati a fare. Sappiamo che lui lamenta una riduzione di stipendio ma il suo salario sostanzialmente resterà invariato. In ogni modo i sindacati sono stati messi a conoscenza dei dettagli del nuovo trattamento del signor Tonarelli ormai quasi un anno fa. Abbiamo consegnato loro una "proiezione" della nuova busta paga in cui si evidenziava una differenza minima di retribuzione. In questi mesi non sono state avanzate contestazioni di merito ed è sconcertante che il caso Tonarelli scoppi proprio oggi, il giorno in cui si sarebbe dovuto firmare l’accordo per il ricollocamento dei lavoratori di Progetto Carrara. Il tutto con una manovra meramente politica che tiene conto solo degli interessi di bottega e non del destino occupazionale dei 24 lavoratori di Progetto Carrara" conclude Martinelli assicurando che l’amministrazione ha intenzione di proseguire sulla propria strada e di chiudere positivamente e in tempi rapidi la vertenza.
Lunedì 2 luglio 2018 alle 20:15:27
© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie Massa Carrara




-

























Testata giornalistica registrata presso il tribunale di Massa n° 4/2017
Direttore responsabile: Matteo Bernabè

Contatta la Redazione

Privacy e Cookie Policy

Liguria News