Città della Spezia Liguria News Genova Post Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
telefono redazione massa carrara 0585 027167
PUBBLICITA'
pubblicità massa carrara Richiedi contatto
Edizione del weekend

Facebook La Voce Apuana Twitter La Voce Apuana RSS La Voce Apuana

Nuove scuole, Comune escluso dalla graduatoria regionale

All'attacco il consigliere di Fi Lapucci. L'assessore Raggi vuole verificare i punteggi perché qualcosa non torna e dice: «I nostri progetti sono una risorsa»

Nuove scuole, Comune escluso dalla graduatoria regionale
Carrara - «Il Comune di Carrara è stato escluso dalla graduatoria regionale per l'edilizia scolastica». La denuncia arriva dal consigliere comunale di Forza Italia Lorenzo Lapucci. Dal canto suo l'amministrazione, invece, tramite l'assessore ai lavori pubblici, Andrea Raggi, fa sapere che ha richiesto alla Regione di verificare i punteggi perché qualcosa secondo Palazzo civico non torna.

«Forza Italia esulta – ha scritto Lapucci – più di 6 milioni di euro per il polo unico di Marina di Pietrasanta, la nuova scuola che sarà la più moderna e green della Versilia sarà realizzata applicando i principi della bioedilizia e del risparmio energetico. Il progetto che è inserito nei primi posti della graduatoria per i finanziamenti dell’ edilizia scolastica 2018 2020 era stato presentato dal Comune di Pietrasanta dall‘Amministrazione con Sindaco Mallegni, oggi parlamentare di Forza Italia. Era il 22 Giugno di questo anno, quando invece, a Carrara con una gloriosa e autocelebrativa conferenza stampa il Sindaco De Pasquale e l’ Assessore ai lavori pubblici Andrea Raggi annunciavano alla cittadinanza il più grande piano di edilizia scolastica degli ultimi 30 anni! Quasi 40 milioni di euro di opere scolastiche! Nella sintesi del fantasmagorico annuncio venivano riportati gli interventi che” l’abile Amministrazione grillina “ da li a poco, grazie al piano triennale di edilizia scolastica della Regione Toscana, avrebbe posto in essere. Il fiore all’occhiello dei progetti presentati in Regione era sicuramente la dislocazione delle scuole presenti nel complesso di Villa Ceci nell’area del Viale da Verrazzano, con un intervento di oltre 24 milioni di Euro e la demolizione e ricostruzione della scuola Buonarroti per una cifra di poco superiore ai 7 milioni di euro. Il sottoscritto aveva già avuto modo di criticare la scelta dell’Amministrazione sull’annuncio fatto, mettendo in evidenza come il “grande piano” fosse sostanzialmente un libro dei sogni e che annunciarlo come un elemento certo fosse una mossa di pura propaganda, di marketing politico e che si sarebbe dovuto aspettare per avere un riscontro sull’ottenimento dei finanziamenti da parte di Regione Toscana. La graduatoria è stata stilata ed approvata il 3 di Agosto, come al solito l ‘ Amministrazione 5 Stelle non ha comunicato alcunché nel merito anche perché, per il Sindaco De Pasquale e l’ Assessore Raggi, non ci sono buone notizie. La graduatoria del piano triennale di edilizia scolastica approvata con decreto dirigenziale numero 12838 del 7 Agosto 2018, infatti vede il completo fallimento dei progetti presentati dall’Assessorato Opere Pubbliche. Sui 40 milioni di euro richiesti dalla totalità dei progetti, la Regione Toscana non concederà neanche un euro, nemmeno quelli che De Pasquale/Raggi hanno speso in consulenze per definire gli studi di fattibilità. Più di 300 mila euro. Entrando nel dettaglio della graduatoria pubblicata, riusciamo a rintracciare il Comune di Carrara alla posizione 64 - scuola dell'infanzia Felice Cavallotti/adeguamento sismico, richiesti 50.500 euro. Al 66esimo posto individuiamo la scuola Primaria Giromini/adeguamento sismico , richiesti 784.815 euro. Fino ad arrivare al 365esimo posto Talierico/sostituzione edilizia, richiesti 10.424.000 euro e al 373esimo posto Buonarroti/sostituzione edilizia, richiesti 7.100.000 euro. Detto questo va da sé che Il totale fallimento del “ più grande progetto di edilizia scolastica degli ultimi 30 anni” è stato certificato. Il Sindaco De Pasquale e l’ Assessore Raggi hanno perso una occasione per la nostra città di mettere a norma gli edifici che accolgono migliaia di studenti carraresi. Oggi Carrara purtroppo si risveglia dalla lettura del “libro dei sogni” scritto dal duo De Pasquale/Raggi e si accorge che ad essere fortunati i tecnici del Comune dovranno ripensare ad intervenire sull‘esistente. La scuola del futuro sul Viale da Verazzano resterà una storia di fantascienza da raccontare ai nipoti. De Pasquale e Raggi dovranno rispondere del risultato negativo e rivalutare la già ventilata ipotesi delle settimane scorse, prima che fosse definita la graduatoria, di cercare fondi con altre strade di finanziamento. Anche se la soluzione alternativa non li metterà certamente al riparo dalla gravissima responsabilità del pessimo risultato ottenuto. Nel frattempo i rappresentanti del Comitato Villa Ceci dovranno capire cosa riserverà loro il futuro! Senza programmazione ed indirizzi politici seri, tra la perdita del finanziamento dei progetti del Bando delle Periferie e la beffa del bando sull’edilizia scolastica, l'Amministrazione De Pasquale pare proprio allo sbando».

«I progetti messi a punto nell’ambito del bando per l’edilizia scolastica regionale – ha replicato Raggi – sono una risorsa e come avevamo detto fin da subito rappresentano le fondamenta per l’avvio del più grande piano di edilizia scolastica mai realizzato negli ultimi decenni. Al momento abbiamo solo la graduatoria, senza il dettaglio dei punteggi. Senza guardare i risultati degli altri comuni, devo dire che il posizionamento delle nostre scuole desta perplessità. In assenza di un quadro più chiaro e dettagliato, dunque è impossibile commentare l’esito del bando» ha dichiarato Andrea Raggi annunciando che l’amministrazione ha intenzione di fare domanda di accesso agli atti per avere ed eventualmente valutare ogni dovuta azione giudiziale. Al di là dell’esito della graduatoria regionale però, l’assessore ai Lavori Pubblici conferma la bontà della scelta di investire su questo settore: «I progetti che abbiamo preparato e presentato per questo bando restano comunque una risorsa, un punto di partenza fondamentale per realizzare un piano di edilizia scolastico di grande respiro. Avevamo detto fin da subito e lo ribadiamo adesso – insiste Raggi - che quello regionale non sarebbe stato l’unico canale di finanziamento possibile. E infatti ci siamo già attivati su altri percorsi».
Il lavoro fatto nella fase di preparazione dei progetti, conclude l’assessore «non è stato affatto sprecato ma al contrario rappresenta un’importante freccia al nostro arco per avviare la costruzione di scuole più sicure e moderne».
Sabato 11 agosto 2018 alle 22:46:18
© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie Massa Carrara




-

























Testata giornalistica registrata presso il tribunale di Massa n° 4/2017
Direttore responsabile: Matteo Bernabè

Contatta la Redazione

Privacy e Cookie Policy

Liguria News