LA REDAZIONE
telefono redazione massa carrara 0585 027167
PUBBLICITA'
pubblicità massa carrara Richiedi contatto
Ultimo aggiornamento ore 22.20 del 20 Settembre 2017

Facebook La Voce Apuana Twitter La Voce Apuana RSS La Voce Apuana

La proposta di Ugl metalmeccanici per l'ex Rational: "gli abiti dei richiedenti asilo alla lavanderia sociale"

Il presidente Gino Berti:"Un segno di accoglienza, porterebbe lavoro ad un progetto nato dal basso"

La proposta di Ugl metalmeccanici per l´ex Rational: `gli abiti dei richiedenti asilo alla lavanderia sociale`
Carrara - Dopo mesi di lotta da parte dei lavoratori ex Rational, si va verso la cooperativa: Legacoop sta predisponendo il piano di fattibilità. “Secondo noi ogni tentativo di creazione d'impresa, che preveda magari persino pratiche di partecipazione dei lavoratori agli utili d'impresa (tema che portiamo avanti da sempre) deve essere supportato non solo dalle istituzioni locali e regionali – scrive in una nota il segretario provinciale di Ugl Metalmeccanici Gino Berti – ma da tutto il tessuto sociale ed imprenditoriale del territorio”.

“Per fare questo è quindi prioritario che s’instauri un piano che preveda la creazione di filiere che portino sul territorio sia lavoro che ricchezza – prosegue il comunicato – Nel caso specifico stiamo seguendo in prima linea lo svolgimento della vertenza dei lavoratori ex Rational, che stanno cercando di creare una cooperativa sociale che prevede l'installazione di una lavanderia sociale che si occupi di lavaggio industriale”.

La proposta ulteriore di Ugl metalmeccanici è di inserire in questo circuito il vestiario dei richiedenti asilo della provincia: “a quanto risulta dai nostri primi approcci si tratterebbe di lavare gli indumenti dei richiedenti asilo ogni tre giorni e di lavare lenzuola e simili almeno una volta a settimana. Dato che questo basilare lavoro deve essere comunque compiuto da qualcuno, ci chiediamo perché non fare in modo che ciò venga dato in gestione alla nascente cooperativa sociale, che vedrebbe recapitarsi del lavoro (oltretutto ad alto impatto sociale) lasciando sul nostro territorio un segnale di accoglienza ma anche un forte segnale di coesione sociale, portando lavoro ad un progetto sociale nato dal basso”.

“Per fare ciò chiediamo che sia il sindaco che il signor prefetto si impegnino in tal senso al momento dell'individuazione delle strutture che ospitano e che ospiteranno i richiedenti asilo, finanche con le associazioni che poi si occupano fattivamente sul terrirorio della questione”.
Martedì 1 agosto 2017 alle 12:34:00
© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie Massa Carrara





FOTOGALLERY


VIDEOGALLERY
























Testata giornalistica registrata presso il tribunale di Massa n° 4/2017
Via Fratelli Rosselli, 33 - 19121 La Spezia
Direttore responsabile: Luca Borghini

Contatta la Redazione

Privacy e Cookie Policy

Liguria News