Città della Spezia Liguria News Genova Post Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
telefono redazione massa carrara 0585 027167
PUBBLICITA'
pubblicità massa carrara Richiedi contatto
Ultimo aggiornamento ore 15.34 del 21 Gennaio 2019

Facebook La Voce Apuana Twitter La Voce Apuana RSS La Voce Apuana

«Fondazione Crc, persi 50 milioni in 4 anni. Serve un cambio»

Bufera nomine, il capogruppo di maggioranza a Carrara, Daniele Del Nero (M5s): «Il malato è grave, serve un medico, meglio se è uno bravo»

«ragioniamo sui numeri»
«Fondazione Crc, persi 50 milioni in 4 anni. Serve un cambio»
Carrara - «Visto che il tema è caldo, visto che mi sta a cuore, visto che in Cassa di Risparmio ci sono entrato ragazzo e ne sono uscito ormai adulto, mi prenderò il lusso di spostare il focus e ragionare di numeri, tralasciando gli aspetti politici. Che sono peraltro, se saranno confermate quelle indiscrezioni ormai date per certezze, gravissimi. E non perché si tratta di uno strappo istituzionale, ma per l’ennesima manfrina politica consumata alle spalle della città. Carrara, che ha già perso la sua Banca, perderà anche la sua Fondazione. Pazienza, speriamo che questi eroici difensori di ciò che (loro) resta se ne rendano almeno conto». Si apre così il post in cui il capogruppo di maggioranza in Consiglio comunale, Daniele Del Nero, ha pubblicato su Facebook.

«Mi sembra ieri – ha scritto il consigliere del Movimento 5 Stelle – quando, in nome di quella sana e prudente gestione che doveva contraddistinguere un istituto bancario ben amministrato, venivano negati o limitati gli affidamenti a quelle aziende che non avessero numeri sufficienti o garanzie adeguate. Salvo chiudere un occhio, all’occorrenza, su chi potesse contare – pur con numeri peggiori o minori garanzie – su un’adeguata sponsorizzazione politica, su una telefonata dall’alto, su una comprovata appartenenza. Sono passati tanti anni, le facce – neanche tutte - sono cambiate, le appartenenze no, la politica ha continuato a farsi sentire, a far danni, la Cassa non c’è più, c’è rimasta la Fondazione. E vale sempre meno, e sempre meno varrà».

«"Ma è normale", dirà qualcuno, "in piena crisi finanziaria è assolutamente normale che gli asset delle fondazioni bancarie perdano di valore". Ed in effetti, se guardiamo ai nostri vicini, vediamo che è proprio così. Più o meno. Il valore delle attività finanziarie di Fondazione Cr Spezia è passato dai 193,2 milioni di euro del consuntivo 2013 ai 188,9 milioni di euro del consuntivo 2017, con una contrazione di poco superiore al 2,2%. Per Fondazione Cr Lucca è andata peggio, dai 1.133 milioni di euro di fine 2013 ai 1.048 milioncini del 2017, con una contrazione del 7,5% circa».

«Ecco, visto che almeno in questo siamo riusciti a distinguerci, a primeggiare, passando dai 129 milioni del 2013 ai 77.6 del 2017 - con una performance assoluta di “meno circa 40%”, che lucchesi e spezzini son lì che friggono d’invidia! - non vorrete mica pensare – ha scritto ironicamente – di non confermare la stessa consorteria di sempre? Non vorrete mica lasciare la gestione di un tale record in mano a “quelli di ora”, che poi magari sarebbero anche capaci di dare la colpa a “quelli di prima”? O non vorrete mica ragionare per competenza, affidando la presidenza ad un soggetto di cui è provata la competenza tecnica e non la fede politica? No dai, quando il malato si aggrava ci vuole un medico, meglio se è uno bravo».
Lunedì 7 gennaio 2019 alle 20:40:13
© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie Massa Carrara




-


























Testata giornalistica registrata presso il tribunale di Massa n° 4/2017
Direttore responsabile: Matteo Bernabè

Contatta la Redazione

Privacy e Cookie Policy

Liguria News