Città della Spezia Liguria News Genova Post Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
telefono redazione massa carrara 0585 027167
PUBBLICITA'
pubblicità massa carrara Richiedi contatto
Ultimo aggiornamento ore 23.08 del 25 Settembre 2018

Facebook La Voce Apuana Twitter La Voce Apuana RSS La Voce Apuana

Marchi (Usi): «Chi ha distrutto il Regina Elena non parli. Nessun cambiamento con la nuova amministrazione»

Il segretario: «Basta strumentalizzazioni. Usi enti locali da sempre contraria alla trasformazione in azienda speciale»

Marchi (Usi): «Chi ha distrutto il Regina Elena non parli. Nessun cambiamento con la nuova amministrazione»
Carrara - Ilregina Elena non può più essere oggetto di bieche strumentalizzazioni elettorali: questa l'opinione di Gianni Marchi, dipendente della casa di riposo e segretario nazionale del sindacato USI enti locali. "Si tratta di persone che vivono il momento più delicato e bisognoso dell’esistenza – scrive Marchi – assistite da personale impegnato in una dura opera per offrire dignità, rispetto e benefica umanità. Questo principio dev’essere ben chiaro a chi governa e all’opposizione."

"Oggi si presenta un quadro svilente: da una parte l'irritante atonia della nuova amministrazione che non dà seguito alle intenzioni, dall'altra blog zeppi di irrispettoso sarcasmo e richieste tragicomiche provenienti direttamente da palazzo rosso. Immobilismo, o quasi, nel piccolo firmamento a 5 stelle, a cui si contrappone un dissennato sproloquio dell'impasto rosso sbiadito, unica e sola causa del disastro regina Elena. Ci sembra troppo. Chi ha veramente voce in capitolo sulla questione sono il personale, principalmente all'assistenza di base, e soprattutto chi si riconosce in questo sindacato."

"USI enti locali, in tempi non sospetti, dichiarò pubblicamente che la trasformazione dell'Istituzione in Azienda speciale sarebbe stata una catastrofe. Con precisione e regolarità denunciammo che l’operazione d’ingegneria capitalistica non avrebbe assolutamente giovato al bene comune, semmai a un bene privato. Fummo gli unici (assieme al M5S che votò contro la trasformazione) a mettere ripetutamente in guardia politici e opinione pubblica sui gravi rischi."

"Non vogliamo equiparare la vecchia amministrazione alla nuova, ma affermare con forza che la nuova amministrazione, nei fatti, mantiene e foraggia lo status quo precedente. Non è più ammissibile e eticamente contrario ai principi del M5S continuare a pagare 90.000 euro per un direttore che ha portato 240.000 euro di deficit rivestendo per giunta un altro incarico in quel di Massa."

"Non è più ammissibile continuare ad elargire "gratuitamente" posizioni organizzative e premi di risultato a collaboratori amministrativi frutto di passate e gentili concessioni della vecchia casta. A maggior ragione se costoro sono insigniti d’incarichi non proprio legittimi e di poteri che penalizzano personale e residenti. Sono le vecchie logiche del "do ut des" tanto disprezzate e invise dal movimento a 5 stelle. Non è più ammissibile procrastinare le sacrosante assunzioni di tutti e due gli infermieri in graduatoria, che fra l’altro ricoprono due posti vacanti."

"Non è più tollerabile vedere le opposizioni blaterare sul regina Elena. È bene ricordare alla vecchia maggioranza che lo scrivente, in un disperato e accorato tentativo in Consiglio comunale, tentò d’impedire la trasformazione, ma fu completamente ignorato. Non vogliamo tralasciare che l'operazione di "distruzione regina Elena” vide la complicità dei sindacati confederali: essi rivestirono un ruolo fondamentale, sostenendo con forza l'ipotesi della trasformazione. Quindi, che i rappresentanti della vecchia amministrazione abbiano la decenza di tacere, evitando sordide strumentalizzazioni politiche sulla pelle di persone anziane."

"Concludendo: USI enti locali non è più disposta ad attendere oltre. Invitiamo la nuova amministrazione a essere concretamente coerente con le intenzioni, per il bene dei nostri anziani. Se così non fosse, per il bene comune e non per meschini interessi privati, questo sindacato ricorrerà a tutte le forme di lotta possibili, se necessario anche estreme," conclude la nota.
Giovedì 15 febbraio 2018 alle 22:00:00
© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie Massa Carrara




-


























Testata giornalistica registrata presso il tribunale di Massa n° 4/2017
Direttore responsabile: Matteo Bernabè

Contatta la Redazione

Privacy e Cookie Policy

Liguria News