Città della Spezia Liguria News Genova Post Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
telefono redazione massa carrara 0585 027167
PUBBLICITA'
pubblicità massa carrara Richiedi contatto
Edizione del weekend

Facebook La Voce Apuana Twitter La Voce Apuana RSS La Voce Apuana

La produzione di blocchi è stabile, ma le terre restano al monte

Il miglioramento è poco sensibile. Per blocchi e scaglie il dato è lineare

terre in cava
La produzione di blocchi è stabile, ma le terre restano al monte
Carrara - La produzione di blocchi di quest'anno resta in linea con l’ultimo decennio, ma le terre restano al monte. Questo è quanto emerso dall’analisi dei dati di produzione gennaio/agosto 2018 effettuata ieri dalla commissione marmo. Ad agosto siamo a 580 mila tonnellate di blocchi prodotti, una cifra sostanzialmente in linea con gli anni passati. Anche il dato delle scaglie bianche è lineare; rimangono costanti anche le scaglie scure. Veniamo invece alle terre asportate dalle cave: da gennaio ad agosto 2018 esse si quantificano in 170 mila tonnellate, un dato che appare in leggera crescita rispetto agli anni passati. Il totale di terre a fine 2017 era di 144 mila tonnellate. “Bisogna però considerare che in queste 170mila tonnellate vengono incluse le terre stoccate al piano, a Ponti di Vara – ha commentato il consigliere dem Cristiano Bottici – quindi c’è un lieve miglioramento rispetto agli ultimissimi anni e soprattutto al 2015, annus horribilis; ciò è tuttavia ben poca cosa rispetto alla quantità di terre che venivano asportate 2005-2010, molto superiori. Dobbiamo ammettere che le terre restano a monte e restano un problema. Il cambio di passo che veniva sbandierato non è avvenuto. ” Gli insoluti rispetto all’anno scorso sono in leggera crescita: il dirigente Guirardo Vitale ha fatto sapere di che sono partiti presolleciti e ingiunzioni per le aziende insolventi. Da segnalare anche che la prossima settimana sarà portato all’esame della commissione un nuovo regolamento per la riscossione dei contributi. Entrerà in vigore sicuramente prima di gennaio, ma gli uffici sperano che possa essere adottato già prima di dicembre. Alcuni oneri, come ad esempio i diritti di pesatura e i contributi per la scuola del marmo, potrebbero essere trasformati nel nuovo testo in una forma di contribuzione volontaria.
Martedì 9 ottobre 2018 alle 08:00:00
© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie Massa Carrara




-


























Testata giornalistica registrata presso il tribunale di Massa n° 4/2017
Direttore responsabile: Matteo Bernabè

Contatta la Redazione

Privacy e Cookie Policy

Liguria News