Genova 24 La Voce del Tigullio Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
telefono redazione massa carrara 0585 027167
PUBBLICITA'
Contattaci
Edizione del weekend

Facebook La Voce Apuana Twitter La Voce Apuana RSS La Voce Apuana

A Carrara 100mila euro per riaprire i fondi sfitti del centro

L'assessore Raggi: «L'obiettivo è la riapertura di un numero tra i 5 e i 10 fondi». Macchiarini: «Lavoreremo con le associazioni di categoria»

prossimamente il bando
A Carrara 100mila euro per riaprire i fondi sfitti del centro
Carrara - Finanziamenti a fondo perduto per riaprire i fondi sfitti del centro storico di Carrara. È questo il progetto "Carrara si-cura" presentato dagli assessori Andrea Raggi e Giovanni Macchiarini che ha permesso di ottenere 70mila euro dalla Regione Toscana a cui si aggiungeranno 30mila euro dal Comune e probabili altre risorse da associazioni di categoria e/o fondazioni.

Il progetto è stato illustrato questa mattina, venerdì, dagli assessori Raggi e Macchiarini, che si sono avvicendati alla guida del settore Commercio e dalla presidente della commissione competente Marzia Paita. Alla presentazione hanno partecipato i partner del progetto: per la Polizia di Stato Bruno Napoletano, per l’Arma dei carabinieri il Luogotenente Walter Calandri; il direttore dell’Accademia di Belle Arti Luciano Massari; la dirigente del Polo Artistico Ilaria Zolesi; Chiara Della Pina dell’Accademia Albericiana; per le associazioni di categoria, Paolo Bedini (presidente Cna), Gabriele Mascardi, (direttore Confartigianato), Adriano Rapaioli, (responsabile Massa-Carrara Confesercenti Toscana Nord), Rodolfo Pasquini (direttore Confcommercio Lucca Massa-Carrara).

«Ringrazio il personale degli uffici Commercio e Cultura per lo straordinario lavoro fatto. Si tratta di un risultato importante che segna un passo concreto nelle azioni di rilancio della nostra città. Nei prossimi mesi, come abbiamo già avuto modo di dire, partiranno i cantieri del Bando Periferie: inizieremo da Carrara est e via Verdi per poi avviare anche i lavori a Palazzo Pisani e palazzo Rosso. Siamo certi che questo, associato al progetto “Carrara si-cura” segnerà un’inversione di tendenza per il centro città» ha commentato Andrea Raggi.

«Ringrazio l’assessore Raggi e l’ex presidente della Commissione Commercio Gabriele Guadagni e l’attuale presidente Marzia Paita per questa bella eredità che mi hanno lasciato. È stata una gradita sorpresa. Sono certo che riusciremo a dare quella scossa che la città attende da tanto, troppo tempo. Per farlo vogliamo puntare sulla sinergia e sulla condivisione delle scelte, esattamente come è avvenuto per la preparazione del progetto. Lavoreremo con le associazioni di categoria, perché sono in prima linea e conoscono i nodi del commercio. E coinvolgeremo Accademia e Liceo Artistico perché il rilancio di una Città Creativa dell’Unesco, come Carrara, non può non avvalersi delle competenze e del contributo di questi istituti» ha aggiunto Giovanni Macchiarini.

«Questo è un grande successo. Si parlava da anni di incentivi alla riapertura di fondi sfitti e al commercio. Noi siamo riusciti a trovare le risorse per assegnarli. “Carrara si-cura, è un risultato concreto che con l’aiuto di tutti darà un nuovo impulso alla nostra città» ha concluso Marzia Paita, spiegando che nelle prossime settimane l’amministrazione comunale provvederà a dare notizia degli stati di avanzamento del progetto.

OBIETTIVO: RIAPRIRE TRA I 5 E I 10 FONDI
A Carrara arriveranno 100mila euro che saranno destinati al rilancio del centro città, individuato come “area bersaglio” per le sue caratteristiche di rarefazione delle attività economiche, di spopolamento e di insicurezza “percepita”.

La proposta presentata da piazza Due Giugno si è classificata al nono posto su 29 progetti ammessi (di cui solo 22 finanziati) a fronte di un totale di 34 domande presentate da altrettanti comuni per partecipare all’avviso pubblico. Le attività espositive e laboratoriali realizzate da Accademia di Belle Arti e Polo Artististico riceveranno un contributo per le spese di gestione, mentre il canone di locazione sarà a carico del Comune; per le attività commerciali, invece, sarà aperto un bando dove l’amministrazione, sentite le associazioni di categoria, individuerà i criteri di assegnazione delle risorse con l’obiettivo di valorizzare l’artigianato artistico e i prodotti tipici locali. «L'idea – ha spiegato Raggi – è quella di privilegiare l'apertura di nuove attività come quelle dell'artigianato artistico e dei prodotti enogastronomici tipici locali o attività in grado di rendere l'ambito urbano dignitoso, salutare e culturalmente stimolante. I dettagli però saranno inseriti nel bando di prossima pubblicazione. Il nostro obiettivo è quello della riapertura di un numero di fondi tra 5 e 10».

Tra le spese ammesse a contributo ci sono infatti quelle per utenze e affitti ma anche la pubblicità e il marketing per le nuove aperture. «Il progetto – spiega l'amministrazione carrarese – è stato elaborato dopo un accurato censimento svolto dagli uffici e sarà realizzato in una stretta collaborazione con le associazioni di categoria, alle quali sarà chiesto di contribuire ad ampliare il plafond delle risorse disponibili». Dalle associazioni di categoria, Bedini di Cna si è dichiarato disponibile a quest'ultima ipotesi «nel caso in cui anche le altre associazioni vorranno fare la loro parte» ha evidenziato.
Venerdì 10 gennaio 2020 alle 19:07:22
© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie Massa Carrara




-


Sondaggio

Chi è il miglior giocatore della Pontremolese?






















Chi è il miglior giocatore della San Marco Avenza?








































Testata giornalistica registrata presso il tribunale di Massa n° 4/2017
Direttore responsabile: Matteo Bernabè

Contatta la Redazione

Privacy e Cookie Policy
Impostazioni Cookie

Liguria News