Genova Post La Voce del Tigullio Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
telefono redazione massa carrara 0585 027167
PUBBLICITA'
Contattaci
Ultimo aggiornamento ore 14.10 del 12 Novembre 2019

Facebook La Voce Apuana Twitter La Voce Apuana RSS La Voce Apuana

«Comune meno indebitato di 9 milioni». Approvato il bilancio ma è scontro

Il vicesindaco Martinelli: «Bilancio costruito secondo coscienza». Vannucci dalla minoranza: «Nulla è stato fatto, manca una linea». E una donna, che dagli spalti dà dei ladri ai consiglieri di opposizione, rischia la denuncia

i conti di carrara
«Comune meno indebitato di 9 milioni». Approvato il bilancio ma è scontro
Carrara - In Consiglio comunale di lunedì 29 aprile è stato approvato il bilancio consuntivo dell'anno 2018. Un bilancio costruito "secondo coscienza e non per fare propaganda", secondo il vicesindaco e assessore al bilancio Matteo Martinelli. «Il rendiconto 2018 ha tenuto conto di una serie di fattori di rischio che da anni incidono negativamente sui conti dell’ente e che sono stati lungamente ignorati da chi ci ha preceduto alla guida della città. In particolare siamo intervenuti sulla riduzione dell’indebitamento che a Carrara è molto alto, è che grazie al nostro intervento è sceso in due anni di 9 milioni, passando da 155 milioni al 31/12/2016 a 146 milioni al 31/12/18» il vicesindaco Matteo Martinelli, titolare della delega al Bilancio ha illustrato così davanti al consiglio comunale il rendiconto dell’ente per il 2018.

«Oltre a un debito ingente abbiamo ereditato un altissimo livello di contenzioso che riguarda non solo il lapideo ma anche anni di scellerata gestione delle partecipate, e in particolare di Progetto Carrara. Senza trascurare altre cause di valore ingente» ha proseguito il numero due dell’amministrazione. «Quando ci siamo insediati abbiamo trovato un fondo per il contenzioso non arrivava a 4 milioni di euro – ha ricordato Martinelli - In questi due anni per fronteggiare i rischi a cui l’ente è esposto abbiamo accantonato quasi 12milioni di euro, oltre a quelli previsti di per legge. Questa linea politica si pone in netta discontinuità con chi ci ha preceduto e che, con un’amministrazione improvvisata, si permetteva di diminuire la pressione fiscale senza prevedere le coperture e senza dotare l’ente degli accantonamenti necessari a far fronte ai rischi a cui il nostro comune era esposto» ha aggiunto il vicesindaco.
«Si tratta di un bilancio costruito secondo coscienza che parla alla testa persone e non alla mera ricerca del consenso. Nonostante tutto siamo comunque riusciti a realizzare gli investimenti necessari, per un totale di quasi 6 milioni di euro» ha concluso Martinelli.

“Di prudenza a volte si muore anche – ha commentato Andrea Vannucci – Difficile vedere l’impronta dell’amministrazione, si è fatto persino meno del previsto. Sul marmo quali sono i frutti del vostro breve periodo di governo? Nessuno. Sul fronte urbanistica non c’è alcuna novità. Al sociale sono arrivate risorse nazionali attraverso le quali si poteva immaginare di ridisegnare un sistema, ma nulla è stato fatto. La nuova condotta fognaria su viale XX Settembre a Marina è ferma da due anni.” Come ha ricordato la consigliera Giuseppina Andreazzoli (PSI) il bilancio ha subito ben 17 variazioni nel corso dell’anno: “L’impressione è che i soldi in più del previsto vengano gestiti man mano che arrivano da chi ha in mano i cordoni della borsa – ha proseguito Vannucci – evidentemente il vicesindaco Martinelli in sede di bilancio previsionale ha usato troppa prudenza. Mancano il coraggio, le idee. C’è una bella canzone di De Gregori che parla di quattro cani: uno di loro non sa dove andare, ma comunque ci va. Così l’amministrazione.”
La capogruppo del PD Roberta Crudeli ha sottolineato la mancanza di una linea di governo e di una programmazione: “Ci sono state pochissime commissioni dedicate al bilancio, e i singoli settori non sono stati esaminati alla presenza degli assessori competenti. Da settembre aspettiamo i dati disaggregati di Apuafarma. In sette anni di consiglio comunale non ricordo così tante variazioni a un bilancio.”

Martinelli ha affermato di non comprendere “certi ragionamenti” da parte di chi ha amministrato la città per anni, lamentando tra le altre cose lo stato in cui la giunta pentastellata ha ereditato la progetto Carrara. “Continueremo a stilare un bilancio prudenziale per senso di responsabilità,” ha ribattuto. Vannucci ha osservato che la cittadinanza si sarebbe aspettata un cambiamento, sì, ma in meglio: “Ci si aspetta che chi oggi è al governo brilli più di chi lo ha preceduto con le stesse risorse, non che faccia le stesse cose aumentando le tasse e dimezzando i servizi. Il disastro che vi è piovuto sul capo in cosa è migliorato con la vostra azione?” Dagli spalti una donna ha gridato: “Almeno loro non rubano,” confrontando l’attuale maggioranza a 5 stelle con l’amministrazione uscente. La consigliera Crudeli ha giudicato molto grave tale insinuazione, chiedendo l’allontanamento dall’aula e l’identificazione della signora. Il presidente del consiglio comunale Michele Palma si è limitato a chiedere al pubblico di non intervenire, suggerendo a chi si fosse sentito offeso di rivolgersi alle forze dell’ordine. Più tardi, la donna ha lasciato spontaneamente l’aula, non prima di essere stata identificata dalla polizia municipale. Il vicesindaco Martinelli non ha replicato ulteriormente.
Martedì 30 aprile 2019 alle 18:25:42
© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie Massa Carrara





-


























Testata giornalistica registrata presso il tribunale di Massa n° 4/2017
Direttore responsabile: Matteo Bernabè

Contatta la Redazione

Privacy e Cookie Policy

Liguria News