LA REDAZIONE
telefono redazione massa carrara 0585 027167
PUBBLICITA'
pubblicità massa carrara Richiedi contatto
Ultimo aggiornamento ore 18.12 del 23 Febbraio 2018

Facebook La Voce Apuana Twitter La Voce Apuana RSS La Voce Apuana

Gabbani, l'intervista a Carrara: «Vi spiego la mia profonda leggerezza»

Il cantante rivela a Saverio Tommasi: «Prima di Sanremo ero in crisi, stavo per lasciare la musica»

Gabbani, l´intervista a Carrara: «Vi spiego la mia profonda leggerezza»
Carrara - Un giorno a Carrara con Francesco Gabbani. Un’intervista diversa, originale, quella del bravo Saverio Tommasi di Fanpage.it, che ha accompagnato il cantante carrarese nei luoghi a lui più cari, dal negozio di strumenti musicali di famiglia dove lavorava alle cave di marmo. Si parte dalla “tana del lupo”, un appartamento a metà tra uno studio e una sala prove, dove Gabbani crea ed espone i premi e i riconoscimenti ricevuti: “Così mi ricordo che ho fatto anche queste cose,” scherza. Il suo sorriso è sempre magnetico.

Dopo la visita a piazza Matteotti, Saverio chiede a Francesco di spiegare la sua espressione “profonda leggerezza”: “È come un verso di Occidentali’s karma: «Comunque vada panta rei and singing in the rain». Prima viene la citazione di Eraclito, poi il richiamo a un film, per dire che in qualche modo andremo avanti”. Un altro esempio? “Tutti pensano che nella canzone «Tra le granite e le granate» io dica “estate”, invece faccio un gioco di parole: di dove siete, com’è che state, ci state bene? E state!, che vuol dire: stateci! Tutti si affannano a programmare delle vacanze che poi si rivelano deludenti. Le sofferenze più grosse vengono dalla disattesa delle illusioni che uno si crea”. Quante persone capiranno a fondo questi testi? “Sono ottimista, un buon 80%”.

Inerpicandosi con la macchina sulla strada tortuosa che conduce al bacino delle cave di Colonnata, Francesco spiega perché le montagne gli sono così care: “Ne sono attratto, mi piace l’idea di osservare dall’alto. Mio nonno mi portava a fare le passeggiate in montagna, con le immancabili focaccine coi fioroni (grossi fichi, ndr)”. La montagna è anche il luogo del raccoglimento, della riflessione. Gabbani, in effetti, non ha mai amato immergersi nella a movida di Marina di Carrara di sabato sera: “Preferivo venirmene in motorino su per le cave.” Da bravo artista, nutriva già da adolescente un’insoddisfazione verso il mondo: la sua prima canzone, scritta a 12 anni, s’intitolava «Questa vita qua io la voglio cambiare».

Il tour “Magellano” ha avuto un successo enorme, e il concerto del 20 Gennaio a Firenze si preannuncia un trionfo. Due anni fa, però, Francesco era in piena crisi: “Prima di Sanremo ho avuto un momento di dubbio. Ero stanco, mi ero reso conto che la mia passione era troppo dipendente da un risultato finale – il successo – che non arrivava. Avevo deciso che da allora in poi avrei fatto solo l’autore. Quando ho smesso di cercare il successo personale… ecco che è arrivato”.
Mercoledì 31 gennaio 2018 alle 22:38:14
© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie Massa Carrara



FOTOGALLERY


-
























Testata giornalistica registrata presso il tribunale di Massa n° 4/2017
Direttore responsabile: Luca Borghini

Contatta la Redazione

Privacy e Cookie Policy

Liguria News