Genova 24 La Voce del Tigullio Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
telefono redazione massa carrara 0585 027167
PUBBLICITA'
Contattaci
Ultimo aggiornamento ore 19.28 del 6 Luglio 2020

Facebook La Voce Apuana Twitter La Voce Apuana RSS La Voce Apuana

Coronavirus, anche Gabbani si unisce all'appello: «State a casa!»

Il cantautore di Carrara poi annuncia un live casalingo dopo la cancellazione di tutti i suoi impegni per l'emergenza sanitaria

«torneremo più uniti di prima»
Carrara - «State a casa, io sto a casa». È l'appello che ha lanciato il cantautore carrarese, Francesco Gabbani, ieri sera a "Che tempo che fa". La trasmissione di Rai2 condotta da Fabio Fazio, infatti, ha mandato in onda un videomessaggio in cui il cantante si fa portavoce e megafono dell'appello lanciato dalle autorità sanitarie e governative: «State a casa!».

È importante infatti stare a casa e non avere contatti ravvicinati per fermare il contagio che sta aumentando esponenzialmente, causando enormi problemi alle strutture sanitarie. Il cantante ha poi pubblicato un post sulla sua pagina Fb: «Nel rispetto delle norme che ci vengono date e che invito tutti a rispettare per poter superare questa emergenza sanitaria, dobbiamo obbligarci alla distanza l'uno dall’altro».

«Ho pensato – ha annunciato – di fare un live casalingo martedì in diretta su Instagram, per sentirvi più vicini dopo la cancellazione di tutti i miei impegni dei giorni scorsi e prossimi, ed esprimere ancora una volta il concetto del Viceversa. La mia grande speranza è che, quando supereremo questa crisi, la distanza forzata tra le persone possa divenire un motore per farci riavvicinare ed essere più uniti rispetto a prima. Ho letto che, nella lingua cinese, la parola crisi è composta da due ideogrammi, il primo “wei” che significa problema, e il secondo “ji” che significa opportunità».

Lunedì 9 marzo 2020 alle 12:16:20
© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie Massa Carrara




-


Sondaggio

Contagi e vittime sono in calo da tempo in Italia e i numeri del Covid sono quelli che si registravano a febbraio nei primissimi giorni della futura pandemia. Voi quali sensazioni avete oggi?


















Testata giornalistica registrata presso il tribunale di Massa n° 4/2017
Direttore responsabile: Matteo Bernabè

Contatta la Redazione

Privacy e Cookie Policy
Impostazioni Cookie

Liguria News