Città della Spezia Liguria News Genova Post Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
telefono redazione massa carrara 0585 027167
PUBBLICITA'
pubblicità massa carrara Richiedi contatto
Ultimo aggiornamento ore 11.02 del 13 Dicembre 2018

Facebook La Voce Apuana Twitter La Voce Apuana RSS La Voce Apuana

Contro il gioco d'azzardo, gli studenti del Gentileschi per il logo "No Slot"

Finalità è informare i ragazzi sulle conseguenze del Gap e sensibilizzare sul tema gli esercenti del territorio comunale

l'iniziativa sociale
Contro il gioco d´azzardo, gli studenti del Gentileschi per il logo `No Slot`
Carrara - Al liceo Artistico Artemisia Gentileschi di Carrara, ha preso ufficialmente il via il progetto “No Slot”, proposto dalla Commissione 4 - Politiche sociali e dall’amministrazione comunale, che prevede il coinvolgimento di numerosi soggetti, la prioritaria finalità è informare i ragazzi sulle conseguenze del gioco d’azzardo patologico e sensibilizzare sul tema gli esercenti del territorio comunale.

Con il supporto di Serd Carrara, ieri mattina, lunedì, alle 11 si è svolto il primo incontro presso il liceo Artistico Artemisia Gentileschi di Carrara al quale hanno preso parte le classi seconde di liceo artistico e della scuola del marmo. Alla conferenza hanno assistito anche l’assessore al sociale Anna Galleni e la presidente della commissione sociale Tiziana Guerra, che hanno presentato il progetto ad inizio incontro.

Tra le finalità del progetto la creazione di un logo, a cura degli studenti del liceo coinvolti, che possa identificare i locali pubblici che al loro interno non hanno slot-machine. Il logo che verrà selezionato da docenti e rappresentanti dell’Amministrazione sarà realizzato in marmo dai ragazzi dell’Istituto Professionale Tacca. L’oggetto sarà successivamente donato ai proprietari dei locali “No Slot” individuati sul territorio, nel numero dei lavori che i ragazzi riusciranno a preparare.

Soddisfatta per l’avvio di questo importante progetto la presidente della Commissione Sociale, consigliere Tiziana Guerra commenta «grazie a questo progetto si va a creare una filiera di informazione importantissima che può dar modo ai ragazzi di conoscere le problematiche legate al gioco d’azzardo patologico. Una patologia che, purtroppo, risulta essere già presente in buona percentuale nella fascia d’età tra i 18 e i 20 anni.»

«Un ringraziamento - continua Guerra - al dottor Varese del Serd Carrara per aver dato la sua disponibilità e aver organizzato l’incontro coi ragazzi, alla dirigente dottoressa Vatteroni per aver accolto subito l’idea, e alla referente di progetto professoressa Tiziana Corbani per aver gestito la programmazione scolastica e l’integrazione del progetto nella programmazione delle attività didattiche, inserendo anche i ragazzi della scuola media Leopardi nelle successive fasi del progetto. Un ringraziamento all’assessore al sociale Anna Galleni e al dirigente dottor Mazzelli per l’appoggio dato al progetto. È importante che si creino occasioni che coinvolgano istituzioni e cittadinanza, volte ad aumentare l’informazione su problematiche sociali e che partano dall’informazione per creare momenti di riflessione per e con i giovani»
Martedì 4 dicembre 2018 alle 11:23:54
© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie Massa Carrara




-


























Testata giornalistica registrata presso il tribunale di Massa n° 4/2017
Direttore responsabile: Matteo Bernabè

Contatta la Redazione

Privacy e Cookie Policy

Liguria News