Città della Spezia Liguria News Genova Post Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
telefono redazione massa carrara 0585 027167
PUBBLICITA'
Contattaci
Edizione del weekend

Facebook La Voce Apuana Twitter La Voce Apuana RSS La Voce Apuana

Taglio pini in viale Colombo, Raggi incontra i manifestanti | Foto

L'associazione "ChiAma Carrara": «Con la partecipazione degli abitanti si sarebbe potuta evitare la solita contrapposizione tra guelfi e ghibellini»

iniziato l'abbattimento
Carrara - Anche ieri mattina, martedì, l’assessore ai Lavori Pubblici Andrea Raggi si è recato sul cantiere del rifacimento del marciapiede di viale Colombo per parlare con i cittadini che stavano protestando contro l’abbattimento dei pini. Il gruppo, composto da una decina di persone, ha contestato in modo a tratti anche acceso la scelta dell’amministrazione.

L’assessore Raggi ha spiegato che laddove è stato possibile, per spazi e numero di passaggi di pedoni o auto, l’amministrazione ha optato per la conservazione dei pini (vedi area adiacente il Camposcuola). In altre zone, come quella di viale Colombo, ha prevalso la necessità di tutelare la sicurezza di pedoni, ciclisti e automobilisti: non a caso diversi residenti della strada si sono espressi a favore del taglio, annoverando tra le criticità oltre l’emersione delle radici, con conseguente dissesto di marciapiedi e asfalto, la caduta delle pigne e i timori di cedimenti nelle giornate di vento forte.

«Per quanto riguarda la nota divulgata da Legambiente su questa vicenda, tengo a precisare che nel corso degli incontri avuti nei mesi scorsi l’associazione ambientalista si è sempre detta favorevole al taglio dei pini e ha condiviso le ragioni che hanno spinto l’amministrazione a questa decisione. Le divergenze riguardavano semmai la sola scelta delle piante da usare in sostituzione dei pini nella zona del lungomare. Dispiace che oggi davanti alle proteste di qualche cittadino, l’associazione non sia chiara come lo è stata con noi» ha concluso Raggi, rinnovando comunque la disponibilità a confrontarsi per i futuri interventi nel condividere una proposta ragionata, fondata su criteri ecologici, strutturali, estetici e di funzionalità urbana. L’assessore ha comunque smentito di aver mai anche solo pensato di impiantare delle palme in sostituzione dei pini che sorgono sul tratto di via Roma in zona San Ceccardo.

Intanto sull'argomento interviene anche l'associazione "ChiAma Carrara" al cui vertice c'è Nicola Codega, ideatore della "Carrozzabile", l'evento finalizzato a sensibilizzare sui temi della disabilità e contro le barriere architettoniche. Riportiamo di seguito l'intervento firmato, appunto, da Codega e da Lara Benfatto e Sirio Genovesi.

Non è mai bello dover abbattere alberi sani ma di fronte all’alternativa tra gli alberi da una parte e la sicurezza e l’accessibilità dall’altra, noi non abbiamo dubbi su come schierarci, tanto più se ciò non comporta l’abbattimento delle pinete di Marina o un aumento della cementificazione a scapito della vegetazione.
La decisione di sistemare i marciapiedi di viale Colombo è da noi condivisa in quanto rappresenta uno dei tanti tratti del nostro litorale completamente dissestato a causa delle radici dei pini che rompendo l’asfalto rendono molto difficoltoso il passaggio per chiunque, a maggior ragione per chi ha gravi problemi di deambulazione.
Scegliere di intervenire non è rifiuto di visioni romantiche e nostalgiche, è cercare di risolvere un problema annoso e non marginale per la nostra comunità, agevolando la vita anche alle persone anziane, in carrozzina o che spingono un passeggino.
Sorprendono tuttavia le tempistiche di questi interventi, che andranno ad impegnare tutta l’estate in un tratto oltretutto centrale, molto frequentato da turisti e residenti.
Scopriamo che, nonostante una delibera di giunta del 15 gennaio e una determinazione dirigenziale del 19 febbraio, soltanto il 20 maggio l’amministrazione ha provveduto a dare l’incarico ad un professionista esterno per la “redazione storico critica in contesto paesaggistico di fascia litoranea” richiesta dalla legge per l’ottenimento dell’autorizzazione paesaggistica relativamente alla sostituzione dei pini con le palme. Essendo questa una condizione necessaria per l’autorizzazione, perché muoversi così in ritardo per ottenerla?
Probabilmente, quindi, i lavori potevano essere eseguiti prima, così da terminarli per l’inizio della stagione estiva o comunque, visti i ritardi, ormai si poteva attendere settembre ed evitare così la presenza di cantieri in pieno centro a Marina durante l’estate.
In ogni caso, in questa come in altre occasioni, crediamo che con il coinvolgimento e la partecipazione degli abitanti si sarebbe potuta evitare la solita contrapposizione tra guelfi e ghibellini: sapere dell’inizio dei lavori soltanto due giorni prima tramite comunicato stampa e video su Facebook, non agevola sicuramente il confronto tra idee e la serenità del dibattito, contrastando con quei principi di trasparenza e partecipazione democratica che qualsiasi amministrazione dovrebbe sempre attuare, non solo enunciare.
Mercoledì 12 giugno 2019 alle 07:02:48
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Fotogallery


Notizie Massa Carrara





-


























Testata giornalistica registrata presso il tribunale di Massa n° 4/2017
Direttore responsabile: Matteo Bernabè

Contatta la Redazione

Privacy e Cookie Policy

Liguria News