Città della Spezia Liguria News Genova Post Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
telefono redazione massa carrara 0585 027167
PUBBLICITA'
pubblicità massa carrara Richiedi contatto
Ultimo aggiornamento ore 12.49 del 14 Novembre 2018

Facebook La Voce Apuana Twitter La Voce Apuana RSS La Voce Apuana

Pusher scappa in Marocco dopo l'arresto. Poi ci ripensa e torna: di nuovo in manette

I carabinieri di Carrara avevano trovato nella sua auto 40 dosi di cocaina e 500 euro in contanti. Adesso è ai domiciliari

preso all'aeroporto di pisa
Pusher scappa in Marocco dopo l´arresto. Poi ci ripensa e torna: di nuovo in manette
Carrara - È terminata la fuga di un 21enne originario del Marocco che da circa tre mesi era ricercato, dopo essere sfuggito ai carabinieri che lo avevano fermato alla guida di un’autovettura “imbottita” di dosi di cocaina. Dopo averlo cercato in lungo e in largo, i militari dell’arma, hanno scoperto che il giovane nel frattempo aveva lasciato il territorio nazionale, ma alla fine ha fatto rientro in italia. I carabinieri lo hanno arrestato martedì sera, appena sceso dall’aereo proveniente dal marocco.

La vicenda risale all’agosto di quest’anno, quando i Carabinieri di Carrara, al termine di un’indagine antidroga, hanno stretto il cerchio su un 21enne originario del Marocco che all’epoca abitava in pieno centro storico, a poca distanza dalla caserma dell’Arma. Il giovane, già i primi di agosto, era finito in manette sempre per mano dei Carabinieri, che lo avevano “pizzicato” a spacciare cocaina vicino un circolo ricreativo della città, insieme ad un complice finito in manette insieme a lui.

Dopo la sua scarcerazione, però, i militari dell’Arma avevano pensato bene di continuare a tenerlo d’occhio. Così facendo, avevano raccolto una serie di indizi molto importanti a suo carico. Fra l’altro, un obiettivo non facile, in quanto nonostante la giovane età, si comportava in maniera molto scaltra ed esperta, a maggior ragione dopo il suo arresto.

Il giorno della “resa dei conti”, i Carabinieri hanno organizzato un servizio ad hoc per intercettare il giovane. L’operazione però, era riuscita soltanto a metà, infatti appena fermato dai Carabinieri del Nucleo Operativo, il 21enne aveva abbandonato l’auto e con uno scatto da centometrista si era dato alla fuga, riuscendo a seminare i militari dell’Arma che avevano inutilmente provato a rincorrerlo. Nel perquisire l’auto del giovane, i carabinieri avevano anche smontato i pannelli delle portiere, arrivando a prendere da quel nascondiglio quasi 40 dosi di cocaina pronte per la vendita, del peso complessivo superiore ai 20 grammi, nonché quasi 500 euro in contanti, ritenuti provento dell’attività di spaccio, occultati vicino la droga.

Da quel giorno, il giovane era sparito dalla circolazione e di lui si erano perse completamente le tracce, ma l’indagine era andata avanti, tant’è che alla fine, i carabinieri avevano depositato in Procura una dettagliata informativa di reato, con tutte le prove raccolte a suo carico.
Il Pubblico Ministero Roberta Moramarco, titolare del fascicolo, a settembre aveva poi ottenuto dal Gip Giovanni Maddaleni, un’ordinanza di custodia cautelare, affidando ai Carabinieri di Carrara il compito di ricercare il 21enne e di arrestarlo.

Dalle nuove indagini, però, è emerso che il 21enne, dopo la clamorosa fuga di un mese prima, aveva lasciato l’Italia per rifugiarsi in Marocco, notizia poi confermata anche dal suo legale di fiducia.

L’epilogo della vicenda risale a martedì sera, quando i carabinieri di Carrara hanno arrestato il 21enne, pochi istanti dopo il suo arrivo in aereo a Pisa. Il giovane, che dovrà rispondere dell’accusa di “detenzione illecita di stupefacenti”, è stato quindi sottoposto agli arresti domiciliari presso l’abitazione dei suoi famigliari a Carrara, così come stabilito dal Giudice che ha emesso la misura cautelare.
Sabato 10 novembre 2018 alle 17:23:20
© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie Massa Carrara




-


Sondaggio

Sei favorevole o contrario all'erogazione del reddito di cittadinanza per i più poveri?

























Testata giornalistica registrata presso il tribunale di Massa n° 4/2017
Direttore responsabile: Matteo Bernabè

Contatta la Redazione

Privacy e Cookie Policy

Liguria News