LA REDAZIONE
telefono redazione massa carrara 0585 027167
PUBBLICITA'
pubblicità massa carrara Richiedi contatto
Ultimo aggiornamento ore 21.58 del 22 Aprile 2018

Facebook La Voce Apuana Twitter La Voce Apuana RSS La Voce Apuana

Difendersi dalle truffe si può: attenti al «falso incidente»

L'incontro della commissione politiche e servizi sociali col maresciallo Anzalone: «Meglio prevenire»

Difendersi dalle truffe si può: attenti al «falso incidente»
Carrara - Il maresciallo maggiore Lorenzo Anzalone, comandante della stazione dei carabinieri di Carrara, ieri è stato ascoltato dalla commissione politiche e servizi sociali. Il tema dell’incontro era la creazione di uno sportello informativo sul territorio, che ascolti i cittadini e li indirizzi i cittadini su problematiche quali la violenza sulle donne, il bullismo, i disturbi alimentari e, per l’appunto, le truffe ai danni degli anziani. Ultimamente si è diffusa la frode cosiddetta del “falso incidente”. “Chiamano sul fisso presentandosi come avvocati – spiega il maresciallo – fingono che un parente stretto della vittima abbia appena avuto un incidente per cui di un’ingente somma di denaro. Poi inducono il malcapitato a chiamare i carabinieri: in realtà, trattengono la chiamata e risponde nuovamente un loro complice, che si finge un maresciallo o un capitano dei carabinieri.” Le persone anziane sono la categoria più esposta al rischio: “Essendo psicologicamente più fragili, sono più inclini a cedere a questo tipo di ricatti. Poi i truffatori sono attratti dall’utenza fissa, che oggi i giovani non utilizzano più. Abbiamo a che fare con professionisti che si spostano di zona in zona. A meno che non facciano capo a un’organizzazione più ampia, è molto difficile identificarli, dal momento che generano continuamente nuove sim con nomi fittizi”. Grazie all’attività di prevenzione e informazione capillare condotta dall’arma, ultimamente in zona sono stati sventate circa quattro truffe di questa tipologia.
Sono i comandanti delle cinque stazioni, essendo dislocati sul territorio, a prendere contatto coi centri d’aggregazione per coinvolgere gli anziani. Ma l’Arma lavora anche coi giovani: “Teniamo contatti con gli istituti scolastici di ogni ordine e grado. Un ufficiale si reca presso l’istituto e l’argomento da trattare si sceglie in concertazione con la direzione didattica. Sul tema del bullismo solitamente è il capitano Mario Ricciardi a tenere gli incontri”. È emerso anche il tema della delinquenza giovanile, in relazione ai lanci di bottigliette esplosive avvenuti in galleria: “Non credo si possa parlare di baby gang, si tratta di casi sporadici. Purtroppo la città non offre molto, i ragazzini si annoiano e fanno bravate come questa, particolarmente grave.” Lo stesso discorso vale per l’auto e i giochi incendiati nella notte di venerdì 6 aprile: “Eventi occasionali. Carrara non è certo una città in mano a bande criminali. Il territorio è molto ridotto e possiamo raggiungerne ogni punto in poco tempo, e la presenza di due forze dell’ordine è un deterrente notevole”.
Mercoledì 11 aprile 2018 alle 17:43:46
© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie Massa Carrara




-
























Testata giornalistica registrata presso il tribunale di Massa n° 4/2017
Direttore responsabile: Luca Borghini

Contatta la Redazione

Privacy e Cookie Policy

Liguria News