Città della Spezia Liguria News Genova Post Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
telefono redazione massa carrara 0585 027167
PUBBLICITA'
pubblicità massa carrara Richiedi contatto
Ultimo aggiornamento ore 08.03 del 21 Settembre 2018

Facebook La Voce Apuana Twitter La Voce Apuana RSS La Voce Apuana

Assalto alle lavanderie: inchiodati dalle telecamere, uno è minore

È successo a Bonascola e Avenza. Denunciati a piede libero due marocchini di 26 e 16 anni. Complessa operazione della polizia che adesso è sulle tracce di un terzo uomo

INDAGINE TRA CARRARA E PONTEDERA
Assalto alle lavanderie: inchiodati dalle telecamere, uno è minore
Carrara - Assalto alle lavanderie self service delle frazioni carraresi di Bonascola e Avenza. Sono stati inchiodati dalle telecamere due marocchini di 26 e 16 anni, la cui identificazione e denuncia a piede libero è stata portata a termine dal Commissariato di polizia di Carrara dopo una complessa operazione.

Dall'esame dei filmati delle telecamere di sorveglianza a circuito chiuso, è emerso che per i colpi, i due avevano utilizzato lo stesso modus operandi, impiegando circa mezz'ora per entrambi gli obiettivi. Nello specifico, dopo aver fatto ingresso all’interno dei locali delle lavanderie ed aver sfondato a calci il muro in cartongesso sottostante la cassa centralizzata, uno dei due s’insinuava all’interno del vano retrostante prelevandovi le chiavi della suddetta cassa e consegnandole al complice; questi, quindi, apriva la cassa e vi asportava il contenitore in alluminio contenente l’intero incasso; una volta terminata l’azione furtiva, entrambi raggiungevano tempestivamente un’autovettura parcheggiata in prossimità dell’ingresso, con alla guida un terzo soggetto mai inquadrato dalle telecamere, adesso ricercato.

La conseguente attività investigativa, sviluppata prevalentemente sull'analisi delle immagini e dei transiti veicolari e avvalorata dal prezioso e puntuale raccordo informativo con altri organi investigativi della regione Toscana, ha consentito di pervenire alla compiuta identificazione dell’intestatario del veicolo, 26enne cittadino del Regno del Marocco residente nel Comune di Pontedera (Pi), e del complice, 16enne marocchino residente nel Comune di San Miniato (Pi), anch’egli annoverante pregiudizi per rapina, furto aggravato ed atti persecutori. Entrambi risultavano, peraltro, gravati da diversi procedimenti penali per furti perpetrati, con le medesime modalità sopra descritte, ai danni di ulteriori lavanderie self service nelle province di Prato, Pisa e Firenze.

Con la comparazione dei frammenti estrapolati dalle registrazioni delle telecamere a circuito chiuso di entrambe le lavanderie con le foto segnaletiche dei due sospettati, si è notata una notevole somiglianza malgrado i due nordafricani avessero il volto parzialmente travisato da cappuccio ed occhiali da sole con lenti scure. Questo ha portato all’emissione, da parte dell’Autorità giudiziaria procedente, ordinaria e minorile, di due decreti di perquisizione nei loro confronti, ai fini del ritrovamento di capi di vestiario compatibili con quelli indossati dagli stessi in occasione dei due furti.

L’attività di perquisizione svolta con l’ausilio di personale della squadra di Polizia giudiziaria del Commissariato di Pontedera, ha avuto esito positivo, permettendo di vincolare a sequestro svariati capi d’abbigliamento perfettamente compatibili con quelli utilizzati, e andando così a corroborare un già robusto impianto accusatorio funzionale alla proficua promozione, nei confronti di entrambi gli indagati, della misura di prevenzione del foglio di via obbligatorio con divieto di ritorno nella provincia di Massa-Carrara per la durata di tre anni. Questo, affermano dal Commissariato, «al fine di elidere ogni ulteriore situazione di potenziale rischio per l’incolumità e il patrimonio dei cittadini, offrendo una incisiva risposta repressiva alle connesse esigenze di sicurezza determinate dai consumati episodi delittuosi».
Giovedì 30 agosto 2018 alle 18:07:03
© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie Massa Carrara




-


























Testata giornalistica registrata presso il tribunale di Massa n° 4/2017
Direttore responsabile: Matteo Bernabè

Contatta la Redazione

Privacy e Cookie Policy

Liguria News