Città della Spezia Liguria News Genova Post Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
telefono redazione massa carrara 0585 027167
PUBBLICITA'
Contattaci
Ultimo aggiornamento ore 17.18 del 19 Aprile 2019

Facebook La Voce Apuana Twitter La Voce Apuana RSS La Voce Apuana

«Aggredita e minacciata da un uomo: mi ha tirato una bottiglia in faccia»

È successo giovedì sera in pieno centro a Carrara a una ristoratrice Il racconto in un post su Facebook: «Presenterò denuncia ai carabinieri»

violenza sulle donne
«Aggredita e minacciata da un uomo: mi ha tirato una bottiglia in faccia»
Carrara - È stata aggredita in pieno centro a Carrara. È successo ieri sera a Giada Petriccioli, ex-pallavolista e responsabile della pizzeria Otto che ha aperto da poco a Carrara. La vicenda è stata resa nota direttamente dall'aggredita con un post su Facebook che riportiamo integralmente di seguito.

Prima di scrivere questo post ci ho pensato tanto, poi mi sono detta che spesso tacere equivale ad essere complici. Questa sera (ieri, ndr) alle 21.00 sono stata aggredita da un uomo, in mezzo a via Roma, mentre stavo andando tranquillamente a prendere un caffè. Ovviamente non farò nomi per rispetto della privacy e della querela che seguirà domani, i motivi di questa aggressione non mi sono chiari o meglio ne ho un'idea ma tale rimane, dato che non ne ho le prove. I fatti sono questi: un uomo, un nostro concittadino, mentre camminava alle mie spalle (eravamo soli in via Roma) mi grida "che cazzo hai da guardare?!", io mi giro stupita e chiedo "ma chi io?", il signore non mi risponde e mi ripete "che cazzo hai da guardare!?", io ripeto "scusa ma ce l'hai con me? Cosa ti ho fatto?", a quel punto il signore comincia a gridare di non rompergli il cazzo, che sta parlando da solo, che non mi caga nemmeno.

Ovviamente, gli ho fatto notare che non serviva arrabbiarsi, bastava un semplice "no, non ce l'ho con te", invece niente, gli girano proprio e quindi rincara la dose usando insulti ed offese trite e ritrite, facili da dire ad una donna, difatti un particolare attira la mia attenzione, lo riconosco, so chi è.

Lo mando a quel paese, me ne vado incavolata nera, entro in un locale dove il signore mi segue urlando e minacciandomi, a quel punto perdo il lume dagli occhi e non ci sto più perché mi spiace, ma certe parole, certe minacce senza motivo con così tanta cattiveria gratuita a me no, non ti devi permettere e quindi ribatto in tre lingue diverse compreso il sanscrito al contrario. Il gentil signore vede bene di venire minaccioso verso di me, faccia a faccia, pensando di farmi tanta paura ma gli va male, perché a me i vigliacchi in realtà non hanno mai fatto paura per niente ed infatti glielo faccio notare.

Ci dividono, il gentil signore, forte del fatto che mi stavano tenendo le mani mi tira in faccia una bottiglia d'acqua, mi fa cadere gli occhiali che si rompono, ne esce fuori una lite assurda durante la quale mi dice che se non ero una donna mi avrebbe "gonfiata di botte" e che lui non "ha paura di nessuno". La verità è che un uomo così non è che deve aver paura, uomo così deve aver tanta tanta vergogna, la verità è che un uomo così se non ci fossero stati testimoni a dividerci mi avrebbe messo le mani addosso, la verità è che se un uomo così si azzardasse a toccarmi sicuramente io andrei all'ospedale ma lui tornerebbe a casa con i coglioni in un sacchettino perché, qua lo dico e lo confermo, la sottoscritta non permette a nessuno di metterle le mani addosso. Vien da se che poi ho chiamato i carabinieri e che domani formalizzerò la querela, mi fido delle forze dell'ordine e soprattutto non voglio soprassedere, non esiste proprio.

Risultato: il gentil signore ha fatto una bella figura del cavolo, io probabilmente ho capito che la mia colpa sta nel lavorare troppo e con passione, nel non essere invidiosa di nessuno, nel farmi i fatti miei, nel sorridere a tutti, nell'amare la mia città e nel godere quando vedo i locali/negozi pieni di gente. Sapete come si dice? Male non fare, paura non avere, mai. A domani...


Dopo la pubblicazione del post, la donna è stata raggiunta da una lunga serie di messaggi di solidarietà e vicinanza per questa vicenda che ha ancora una volta messo in luce che il problema della violenza sulle donne è purtroppo ancora troppo presente nella nostra società.
Venerdì 8 febbraio 2019 alle 14:12:02
© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie Massa Carrara





-


























Testata giornalistica registrata presso il tribunale di Massa n° 4/2017
Direttore responsabile: Matteo Bernabè

Contatta la Redazione

Privacy e Cookie Policy

Liguria News