Città della Spezia Liguria News Genova Post Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
telefono redazione massa carrara 0585 027167
PUBBLICITA'
Contattaci
Ultimo aggiornamento ore 12.02 del 22 Agosto 2019

Facebook La Voce Apuana Twitter La Voce Apuana RSS La Voce Apuana

Spiagge inaccessibili, ChiAma Carrara: «Dal Comune meno annunci e più servizi essenziali»

L'associazione no profit è critica: "grottesco parlare di grandi bandi"

Accesso al mare
Spiagge inaccessibili, ChiAma Carrara: «Dal Comune meno annunci e più servizi essenziali»
Carrara - L'associazione ChiAma Carrara, no profit di promozione sociale per il miglioramento del comune di Carrara, interviene in merito alla notizia apparsa sulla stampa relativa alle condizioni di accesso delle spiagge libere comunali: "un diritto - scrive l'associazione - non solo dei disabili ma anche di tante altre persone che dovrebbero potere arrivare in spiaggia e al mare senza difficoltà".

"Il Comune di Carrara presentava come imminente la pubblicazione di bandi per la creazione di strutture efficienti e dotate di servizi sportivi e di ristoro, mentre a fine giugno la situazione delle tre spiagge libere è molto distante da queste aspettative. Il Comune si è occupato solo dell’affidamento delle prestazioni essenziali (vigilanza e salvataggio, pulizia spiaggia, bagni e docce), con una procedura di gara partita solamente a maggio: ad oggi tali prestazioni non sono ancora completamente garantite e in ogni caso saranno garantite in ritardo. Tali servizi, oltretutto, saranno previsti solo per la spiagge denominate “Fossa Maestra” e “Rotonda”, per la
spiaggia “Idrovora” occorre attendere il rilascio della concessione al Comune da parte dell’Autorità Portuale, proprietaria dell’area. Nessuna traccia, ad oggi, della più volte annunciata realizzazione nelle spiagge libere di servizi di ristoro e attività sportive. La stagione balneare è abbondantemente iniziata e si sta attendendo soltanto per servizi che dovrebbero essere scontati, di pulizia e vigilanza, che riguarderanno solo due spiagge libere su tre”.

“Auspichiamo, pertanto, che i bandi da tempo promessi prima o poi vengano davvero realizzati e suggeriamo all’amministrazione di essere più cauta con gli annunci di grandi progetti e inizi con il garantire almeno i servizi essenziali. È piuttosto grottesco parlare di grandi bandi e progetti quando nemmeno si concludono per tempo le gare per l’affidamento di pulizia spiaggia e bagni, così come pare azzardato annunciare ad aprile progetti per la spiaggia libera “Idrovora” senza che nemmeno sia stata rilasciata la concessione della spiaggia da parte
dell’Autorità Portuale”.

“Da tempo - commenta Cristina Padolecchia, surfista e iscritta all’Associazione “ChiAma Carrara” - sollecitiamo una soluzione per la spiaggia della Fossa Maestra. Abbiamo anche inviato una lettera al Comune, per ribadire l’importanza anche sociale di ricostituire un luogo dedicato alle associazioni sportive, così come esisteva 5 anni fa il gruppo del “Superbank”, per poter assicurare attività sportive a turisti e non, e riprendere le attività di scuola surf anche in aree pubbliche come le spiagge libere. La presenza di un presidio fisso tutto l’anno garantirebbe la sorveglianza e pulizia della spiaggia anche in inverno”.
P
Martedì 25 giugno 2019 alle 10:42:26
© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie Massa Carrara





-


























Testata giornalistica registrata presso il tribunale di Massa n° 4/2017
Direttore responsabile: Matteo Bernabè

Contatta la Redazione

Privacy e Cookie Policy

Liguria News