Genova Post La Voce del Tigullio Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
telefono redazione massa carrara 0585 027167
PUBBLICITA'
Contattaci
Ultimo aggiornamento ore 14.13 del 9 Dicembre 2019

Facebook La Voce Apuana Twitter La Voce Apuana RSS La Voce Apuana

Quel piccolo dono da Carrara per Nadia Toffa

Il dolce aneddoto sulla conduttrice delle Iene scomparsa prematuramente è stato raccontato dall’inviata del programma di Italia 1 Alice Martinelli

grave lutto
Quel piccolo dono da Carrara per Nadia Toffa
Carrara - Un dono, un piccolo dono da Carrara per Nadia Toffa. La compianta conduttrice delle Iene, scomparsa ieri a 40 anni per un tumore, e la città apuana sono state ricordate in un dolce aneddoto raccontato sui social da Alice Martinelli, inviata del programma di Italia 1. Fu proprio lei infatti ad arrivare a Carrara lo scorso febbraio per il servizio sul disabile preso a calci in pieno centro, un fatto che creò sgomento e indignazione in tutta Italia.

Ebbene nel suo ricordo, Alice Martinelli cita proprio un episodio avvenuto a Carrara, quando una persona da lei intervistata consegnò all’inviata un pacchetto di zafferano da portare proprio a Nadia Toffa. Ecco di seguito il ricordo di Alice Martinelli.

Ho conosciuto Nadia due anni fa, quando sono arrivata in quella che era appena diventata la mia nuova redazione. "Ciao Nadia io sono Alice una Iena nuova!", ti ho detto fermandomi in corridoio. Tu hai fatto un sorriso grande e mi hai stretto fortissimo la mano "Ciao Iena nuova, benvenuta!".
Ho pensato subito che eri una gran figa. Minuta e frizzante, non ti formalizzavi mai e non credo di averti mai visto corrucciata: eri sempre piena di colori, un giorno un cappotto verde, un altro un cappello arancione. E poi avevi quella garbata confidenza che faceva dubitare un attimo: "Aspetta, ma forse ci siamo già conosciute?". Forse anche perché le persone come te, Nadia, ti sembra di conoscerle da ben prima, perché per mille e mille sere avete popolato i nostri salotti, le nostre cucine e siete diventati un po' come dei vecchi amici.
Ho capito che questa cosa della confidenza, dell'empatia, non riguardava solo me. Ne ho avuto la prova a febbraio di quest'anno quando sono stata a Carrara a girare un servizio. Uno degli intervistati, che era da poco rientrato da Tunisi, mi ha regalato dello zafferano e mi ha chiesto di portartene un po': non ti aveva mai visto di persona, eppure ha arrotolato quei chiccini dall'odore fortissimo proprio per te. Le persone ti hanno amato, credo, perché ti hanno sempre sentita vicina.
Stamani, appena sveglia, ho saputo che che ci avevi lasciato e non son riuscita a far molto altro che piangere. Ma quando mi sono alzata dal letto, fuori c'era il sole e ho ripensato a tutti i tuoi colori e alle parrucche che avevi cominciato a indossare come fosse un gioco da bambine, quando invece il Bastardo ti stava mettendo a dura prova. Ne cambiavi una al giorno e, cazzarola, ti stavano bene tutte. E mi è venuto in mente il giorno in cui ti ho scritto: "Oh, col bob scuro spacchi!" e tu mi hai inondato il telefono di foto. Vanitosa!
Così, mi è passata un po' di tristezza e mi son detta: "Cazzo sbrighiamoci a vivere". Perché penso che sia questo che, alla fine, hai provato a insegnarci. Senz'altro lo hai insegnato a me che a volte sento mancare il coraggio, per cose che, magari, se le guardi con distacco sono davvero piccole e stupide.
Ti auguro buon viaggio, coloratissima Nadia.


Nella conversazione Whatsapp in cui Martinelli annunciava a Toffa del piccolo regalo, lei aveva risposto: «Ringrazia molto questo signore».
Mercoledì 14 agosto 2019 alle 12:56:45
© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie Massa Carrara





-


























Testata giornalistica registrata presso il tribunale di Massa n° 4/2017
Direttore responsabile: Matteo Bernabè

Contatta la Redazione

Privacy e Cookie Policy

Liguria News