Città della Spezia Liguria News Genova Post Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
telefono redazione massa carrara 0585 027167
PUBBLICITA'
Contattaci
Ultimo aggiornamento ore 11.17 del 23 Luglio 2019

Facebook La Voce Apuana Twitter La Voce Apuana RSS La Voce Apuana

Il prezzo della Libertà. Carrara ha commemorato la sua Liberazione | Foto

Istituzioni, studenti, partigiani e il console degli Stati Uniti presente in Consiglio comunale. De Pasquale: «Non possiamo dimenticare chi ha sacrificato la propria vita»

«lunga amicizia tra italia e usa»
Il prezzo della Libertà. Carrara ha commemorato la sua Liberazione<span class=´linkFotoA1Articolo´> | <a href=´/fotogallery/il-74-anniversario-della-liberazione-di-carrara-499_1.aspx´ class=´FotoVideoA1´>Foto</a></span>
Carrara - Istituzioni, studenti, partigiani e rappresentanti degli Stati Uniti. A Carrara si è celebrato il 74° anniversario della Liberazione della città, avvenuto l’11 aprile del 1945. La commemorazione si è avviata intorno alle 10, in piazza 2 Giugno: dopo gli onori ai Gonfaloni, è stata deposta una corona al cippo del Comune di Carrara decorato di Medaglia d’Oro al Merito Civile, mentre la banda comunale “Giuseppe Verdi” ha eseguito l’inno nazionale. La cerimonia è proseguita con la convocazione in adunanza straordinaria “aperta” e in forma solenne del Consiglio comunale al quale hanno preso parte anche il console generale degli Stati Uniti a Firenze Benjamin V. Wohlauer e il prefetto di Massa-Carrara Paolo D’Attilio.

«Il racconto diretto di questo periodo storico inevitabilmente si perderà – ha detto il presidente del Consiglio comunale Michele Palma – la libertà ha avuto prezzi altissimi e non dobbiamo darla per scontata. L’11 aprile le truppe statunitensi trovarono già libero il centro città perché liberato dai partigiani, mentre la zona di Fontia venne liberata due giorni più tardi da un massiccio intervento degli americani, quando sfondarono la linea gotica e liberarono così tutto il territorio comunale. Una storia anche di accoglienza quella di Carrara: in quegli anni si sfiorarono i 100mila abitanti».

La parola è poi passata al sindaco Francesco De Pasquale che ha voluto ricordare il sacrificio delle donne carraresi: «La rivolta delle nostre donne del 7 luglio che mise un punto fermo alla lotta di liberazione che culminò poi con gli atti che ricordiamo oggi, un giorno di festa ma in tono minore: non possiamo dimenticare chi ha sacrificato la propria vita».

«È un onore essere qui presente – ha detto il console americano – Carrara fu tra le ultime città a essere liberate sulla linea gotica e quel momento fu caratterizzato da una grande collaborazione tra italiani e americani, una lunga amicizia che prosegue. Questa esperienza rappresenta un nostro comune sacrificio che ricordiamo oggi. Tutti valori che ci uniscono e ci guidano in tempo di pace».

Il presidente dell’Anpi di Carrara Nando Sanguinetti, invece, dopo aver ringraziato i partigiani combattenti presenti in sala come Giorgio Mori, si è rivolto agli studenti: «Non vi aspetta un bel domani, l’aiuto che possiamo darvi è il ricordo. Venite a trovarci nella nostra nuova sede». Gli interventi sono proseguiti con la professoressa Marzia Dati che ha ricostruito la storia della presenza del Consolato americano a Carrara e degli studenti del liceo linguistico Montessori-Repetti. Presente alla commemorazione anche il presidente del Consiglio regionale Eugenio Giani.
Giovedì 11 aprile 2019 alle 22:42:40
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Fotogallery


Notizie Massa Carrara





-


























Testata giornalistica registrata presso il tribunale di Massa n° 4/2017
Direttore responsabile: Matteo Bernabè

Contatta la Redazione

Privacy e Cookie Policy

Liguria News