Genova 24 La Voce del Tigullio Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
telefono redazione massa carrara 0585 027167
PUBBLICITA'
Contattaci
Ultimo aggiornamento ore 08.06 del 30 Marzo 2020

Facebook La Voce Apuana Twitter La Voce Apuana RSS La Voce Apuana

Beni estimati, Legambiente: «Ecco perché non abbiamo infierito»

L'associazione risponde alle accuse degli ultimi giorni: "Noi mai adagiati nell'attesa che il Parlamento legiferi sul tema"

"accuse pretestuose"
Beni estimati, Legambiente: «Ecco perché non abbiamo infierito»
Carrara - "Siamo stati rimproverati sui giornali di aver dimenticato, nelle nostre osservazioni alla bozza di Regolamento degli agri marmiferi, il tema dei beni estimati, adagiandoci nell’attesa che il Parlamento legiferi sul tema". Così esordisce Legambiente Carrara replicando alle critiche degli ultimi giorni. "In questo modo, poiché i beni estimati pagano solo il contributo d’estrazione e non il canone di concessione, saremmo corresponsabili della perdita di 4 milioni l’anno di entrate comunali. A queste facili accuse, peraltro comodamente lanciate senza sbilanciarsi nell’indicare soluzioni concrete, rispondiamo con il buonsenso che da sempre ci caratterizza, senza alcuna acrimonia.

Certo, il comune avrebbe potuto disporre che anche i titolari dei beni estimati pagassero il canone di concessione e, magari, mettere a gara anche queste cave, affermandone così la proprietà pubblica. Nessuno, tuttavia, può farsi illusioni: queste cave avrebbero certamente impugnato il provvedimento, facendosi forti anche della sentenza di primo grado del tribunale di Massa (febbraio 2018) che, per il momento, ne ha riconosciuto la proprietà privata. Con ogni probabilità il provvedimento sarebbe stato respinto dal TAR e ne sarebbe seguita una lunga vicenda giudiziaria, dall’esito incerto e potenzialmente disastroso per il comune. Questa è la semplice ragione per cui, nell’ambito delle nostre osservazioni al Regolamento, la cui particolare durezza è ben argomentata e motivata, non ci siamo sentiti di infierire sul Comune per non aver compiuto una scelta sui beni estimati certamente coraggiosa, ma altrettanto azzardata.

Respingiamo peraltro l’accusa di esserci adagiati nell’attesa che il parlamento legiferi. Ricordiamo soltanto che la prima richiesta al parlamento fu la lettera del 24 febbraio 2017 con la quale Rossella Muroni, allora presidente nazionale di Legambiente, chiese ai presidenti delle commissioni parlamentari di Camera e Senato di proporre un intervento legislativo che riconoscesse i beni estimati come patrimonio indisponibile del comune. In seguito abbiamo chiesto ai parlamentari locali di attivarsi in tal senso e, anche recentemente, nel dicembre 2019, ci siamo attivati a livello nazionale (senza clamore) per sollecitare la calendarizzazione della legge. Considerato che PD e M5S, pur divisi a Carrara, governano assieme a livello nazionale, un loro intervento per avviare l’iter della legge sarebbe certamente più produttivo per la città del lanciare accuse a Legambiente, del tutto pretestuose.

Per inciso - chiude Legambiente - altrettanto produttivo sarebbe portare a termine la ricognizione dei beni estimati risalendo al 1731, anziché fermandosi al catasto del 1823. Non va infatti dimenticato che in quegli oltre 90 anni altri beni estimati sono sorti come funghi, come testimonia l’editto delle usurpazioni del 1771, redatto proprio con l’intento (purtroppo non realizzato) di porre fine alle continue usurpazioni di cave. Cominciare a revocare i beni estimati usurpati sarebbe già un buon passo avanti".
Domenica 15 marzo 2020 alle 08:27:37
© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie Massa Carrara







-


























Testata giornalistica registrata presso il tribunale di Massa n° 4/2017
Direttore responsabile: Matteo Bernabè

Contatta la Redazione

Privacy e Cookie Policy
Impostazioni Cookie

Liguria News