Genova 24 La Voce del Tigullio Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
telefono redazione massa carrara 0585 027167
PUBBLICITA'
Contattaci
Edizione del weekend

Facebook La Voce Apuana Twitter La Voce Apuana RSS La Voce Apuana

Attività chiuse e strade deserte, Marina di Carrara si adegua al decreto | Foto

Chi rimane aperto fa rispettare le regole per limitare il contagio da Covid-19. Intanto, i titolari di partita Iva si recano alla Camera di Commercio

le voci degli operatori
Carrara - Forze dell'ordine posizionate ai caselli autostradali, strade e piazze quasi deserte, cartelli esposti fuori dai locali, quelli che hanno scelto di rimanere aperti, con chiare e semplici regole da rispettare: entrare tre, massimo cinque alla volta, e mantenere almeno un metro di distanza l'uno dall'altro. Gli effetti delle misure di contenimento del contagio da Covid-19 contenute nel nuovo decreto firmato dal premier Conte, a Marina di Carrara sono più che evidenti.

Nella zona di via Rinchiosa, dove solitamente si concentra la movida, alcuni esercizi hanno deciso di chiudere, fino al 3 aprile o comunque a data da destinarsi. Si fermano il BonPro-Bonproncino e il Porfirio di Giacomo Timbro e Arianna Bianchi, che tramite i canali social comunicano: "Restiamo a casa, per chi non sta bene, per i nonni e i più grandicelli, per non far diventare questo virus una catastrofe, e anche per noi". Diversa la scelta dell'adiacente friggitoria "Fish&Chips Finger Food". "La mia è una di quelle attività che possono continuare anche alla sera - spiega il gestore Fabrizio - Posso fare sia take away che asporto, le persone possono entrare una per volta. E' ovvio che comunque l'affluenza, da domenica in particolare, è nettamente calata".

Servizio al tavolo garantito nei bar, posti a sedere sistemati nel rispetto delle norme di distanza, e chiusura al pubblico dalle 18. "La situazione non è bella - racconta Giulia, barista al Bristol Lounge Caffè - anche durante l'orario di apertura si presenta poca gente. In media conto 3 o 4 persone all'interno del bar. Mi auguro che passi tutto velocemente". Chiusa per il momento la storica gelateria Rosellini, in piazza Menconi, mentre, a pochi metri di distanza, la Theobroma Nanus opta per un'altra soluzione: aperti, sì, ma senza dipendenti. Presente soltanto il proprietario Roberto Molinari: "A fine mese abbiamo delle spese, non ci possiamo permettere di chiudere definitivamente. Apro alle 13, perché essendo solo mi devo occupare anche della produzione e della pulizia. Stiamo rispettando le disposizioni, i clienti possono stare tranquilli".

Intanto, nella giornata di ieri una delegazione di titolari di partita Iva si è recata in Camera di Commercio di Massa-Carrara per un incontro con il presidente Dino Sodini al fine di presentare alcune istanze, tra cui la sospensione totale di almeno 180 giorni di tutte le imposte dirette, l'azzeramento delle imposte locali (Imu, Tari, Ics, Tosap, addizionali regionali e comunali), la sospensione del pagamento per almeno 12 mesi delle rate di Agenzia delle entrate e l'erogazione di prestiti di liquidità studiati ad hoc con rimborsi rateali a tasso zero.
Mercoledì 11 marzo 2020 alle 07:00:02
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Fotogallery


Notizie Massa Carrara




-


Sondaggio

Chi è il miglior giocatore della Pontremolese?






















Chi è il miglior giocatore della San Marco Avenza?








































Testata giornalistica registrata presso il tribunale di Massa n° 4/2017
Direttore responsabile: Matteo Bernabè

Contatta la Redazione

Privacy e Cookie Policy
Impostazioni Cookie

Liguria News