Città della Spezia Liguria News Genova Post Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
telefono redazione massa carrara 0585 027167
PUBBLICITA'
pubblicità massa carrara Richiedi contatto
Ultimo aggiornamento ore 23.54 del 18 Dicembre 2018

Facebook La Voce Apuana Twitter La Voce Apuana RSS La Voce Apuana

«L'incredibile favola (vera) di Cava Combratta» | Video

In un video Legambiente Carrara denuncia la situazione del bacino marmifero situato nel bosco del monte Brugiana

«il danno e la beffa»
«L´incredibile favola (vera) di Cava Combratta»<span class=´linkFotoA1Articolo´> | <a href=´/videogallery/-l-incredibile-favola-vera-di-cava-combratta-216.aspx´ class=´FotoVideoA1´>Video</a></span>
Carrara - Sulla vicenda della cava Fossa Combratta, Legambiente ha pubblicato una video-denuncia satirica (La vera favola di cava Combratta) scegliendo il genere narrativo della favola, poiché i fatti descritti, (purtroppo veri) appaiono, per la loro incredibilità, più propri di una fiaba.

Tra il serio e il faceto, viene ripercorsa la storia della cava, dalla richiesta di autorizzazione per 1370 m3 in tre anni (il massimo consentito dal Piano paesaggistico in attesa dell’approvazione dei piani attuativi di bacino estrattivo) ad oggi.

Il crollo di un ammasso roccioso nel 2016 e la presenza di un ammasso “gemello” instabile, oggetto di un’ordinanza dell’ASL di messa in sicurezza, suscita nel titolare un’idea geniale: spacciare la richiesta d’autorizzazione per una mega-cava come un lodevole progetto di messa in sicurezza.

«Così, per mettere in sicurezza un ammasso instabile di 400 m3 – afferma Legambiente – si propone di partire dall’alto ab-battendo 58.000 m3: si asporterebbero cioè tanti blocchi quanti, al ritmo degli anni precedenti, ne sarebbero stati estratti in un secolo. Un vero affare».

Il video denuncia anche la beffa della proposta avanzata dal servizio d’ingegneria mineraria dell’ASL e dall’ufficio marmo comunale per limitare l’impatto del progetto e superare in tal modo le resistenze degli altri componenti della conferenza dei servizi: autorizzare, per ora, “solo” circa 26.000 m3, lasciando però in posto l’ammasso pericolante (da rimuovere in una seconda fase, a seguito di una successiva autorizzazione).

In poche parole, con la finalità dichiarata di “mettere in sicurezza” l’ammasso roccioso, si scave-rebbe metà della mega-cava (eludendo il limite del volume ammissibile: 1730 m3), senza rimuove-re il pericolo! Un gioco di prestigio indubbiamente brillante!

Il video denuncia quindi il rischio che i provvedimenti di messa in sicurezza vengano sfruttati come una grande occasione per aggirare i vincoli del PIT e farsi approvare di tutto, scavalcando anche le leggi a tutela dell’ambiente e del paesaggio.
Sabato 24 novembre 2018 alle 19:04:01
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Video

24/11/2018 - «L'incredibile favola (vera) di Cava Combratta»



Notizie Massa Carrara




-


Sondaggio

A Massa tutte le sedute di Consiglio comunale si apriranno con l'inno nazionale. Sei favorevole o contrario?

Quanto spenderai per i regali di Natale?




























Testata giornalistica registrata presso il tribunale di Massa n° 4/2017
Direttore responsabile: Matteo Bernabè

Contatta la Redazione

Privacy e Cookie Policy

Liguria News