Genova 24 La Voce del Tigullio Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
telefono redazione massa carrara 0585 027167
PUBBLICITA'
Contattaci
Ultimo aggiornamento ore 09.00 del 3 Aprile 2020

Facebook La Voce Apuana Twitter La Voce Apuana RSS La Voce Apuana

A tu per tu con... Leonardo Giulianelli

L'attaccante del Romagnano ha già vinto due campionati: “Se metteremo la fame e la cattiveria che abbiamo avuto nella semifinale di Coppa arriveremo primi”

A tu per tu con...
A tu per tu con... Leonardo Giulianelli
Seconda Categoria - Lo avevamo conosciuto con un'epica intervista ai tempi della trasmissione televisiva “Terzo Tempo”, quando nel “set” di Calcio Massa Carrara raccontava l'intesa con il reparto d'attacco del Don Bosco Fossone, all'epoca in lotta per i playoff di Prima Categoria. Ormai sono passati quattro anni, è arrivato alla trentina e con la moglie Sara deve badare al piccolo Alessandro, ma nonostante gli evidenti impegni quando c'è da buttarla dentro risponde presente. Nel salotto virtuale di Calcio Massa Carrara torna l'attaccante del Romagnano classe 1991 Leonardo Giulianelli, all'indomani del gol che ha sbloccato il risultato nella semifinale di Coppa Toscana, vinta con merito contro il Fonteblanda.

Leonardo, hai sbloccato la semifinale con un bellissimo gol di testa che non è la tua specialità... arrivato a 29 anni stai affinando anche questo colpo? ”Sinceramente ho fatto un gran bel gol di testa che come dici te non è il mio repertorio migliore. Diciamo in tutta onestà che non l’ho mai affinato come colpo nel tempo, non è nel mio DNA, ma contro il Fonteblanda è riuscito bene!”

Come sta andando il tuo campionato? ”Il mio campionato a livello personale sta andando molto bene: dopo una prima parte in cui ho fatto fatica perché fisicamente non stavo benissimo, a causa di problemi extra, piano piano ho ritrovato la forma fisica, e le giocate poi vengono da sole. Non ho segnato molto in campionato, per ora 6 gol, ma ho fatto parecchi assist. Ma quello che più mi importa è il bene della squadra ed essere sempre nel vivo del gioco”.

Come ti trovi con i compagni di reparto? ”Con i miei compagni di reparto mi trovo a meraviglia, faccio fatica a trovarne uno con cui ho un feeling particolare perché tutte e tre le altre punte hanno caratteristiche diverse, ma ci integriamo alla perfezione”.

Parlaci di te... riassumici la tua carriera. ”Diciamo che fino a questo momento ho vinto due campionati, di cui uno proprio col Romagnano, e ho fatto quattro finali play off di cui due con l'indimenticabile Alfio Spagnoli che lo ricordo molto volentieri e lo saluto ovunque sia. Peccato che ad oggi nelle finali non mi è mai andata troppo bene”.

Quali sono i ricordi più belli? ”I ricordi belli nel calcio ce ne sono stati parecchi, sicuramente quelli più belli sono stati quando ho guardato dall’alto verso il basso tutte le squadre vincendo due campionati. Vincere il campionato è sempre una bella emozione e non è mai facile vincerli, perché ad avere la targhetta con il numero uno è solo una squadra”.

Con Alberti non è la prima stagione, la squadra ha un gioco ben chiaro e proficuo. Credi che avete qualcosa in più rispetto alle altre squadre di categoria? ”È tanti anni che Paolo Alberti mi sopporta, mettiamola così... Abbiamo un gioco collaudato da parecchie stagioni, a livello tecnico credo che abbiamo qualcosa in più delle inseguitrici ma nonostante questo siamo solo a più 4 dalla seconda, o a più uno (se il Podenzana dovesse vincere il recupero con il Monzone). Questo dimostra che per vincere i campionati non serve solo la tecnica, ci sono svariate componenti e soprattutto vince chi ha più fame. Se il Podenzana e il Monzone sono ancora attaccate a noi (vuoi anche in alcune circostanze per demeriti nostri) vuol dire che hanno anche loro buoni valori calcistici. Credo comunque che se metteremo la stessa fame che abbiamo avuto nella semifinale di Coppa e la solita cattiveria vinceremo noi questo campionato”.

Vi aspetta un finale di stagione super, finalissima di coppa e rush finale per campionato... ”Un rush finale importante! La finalissima di Coppa è una bellissima soddisfazione ma le finali non si giocano si vincono, e noi faremo di tutto per riuscirci. In campionato sarà sicuramente appassionante fino alle ultime giornate, noi stiamo bene e la vittoria in Coppa ci ha dato ancor più consapevolezza”.

Quanto sarà importante la gara col Monzone? ”La gara col Monzone è un crocevia importante perché se li batti elimini una diretta concorrente al titolo, o meglio non è che la elimini del tutto ma gli fai sicuramente perdere delle certezze. Sicuramente memori dell’andata li aspetterà una squadra affamata che non li farà respirare, di questo ne sono certo”.
Giovedì 5 marzo 2020 alle 16:13:06
© RIPRODUZIONE RISERVATA
Questo post è a cura della A.S.D. Sportivamente


Notizie Massa Carrara






Testata giornalistica registrata presso il tribunale di Massa n° 4/2017
Direttore responsabile: Matteo Bernabè

Contatta la Redazione

Privacy e Cookie Policy
Impostazioni Cookie

Liguria News