Città della Spezia Liguria News Genova Post Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
telefono redazione massa carrara 0585 027167
PUBBLICITA'
Contattaci
Ultimo aggiornamento ore 22.03 del 21 Luglio 2019

Facebook La Voce Apuana Twitter La Voce Apuana RSS La Voce Apuana

Playoff Serricciolo, Bertacchini: «Battuti tutti i record della società»

Il tecnico fa il punto sulla stagione prima della semifinale di domenica: «Ricordo che eravamo la rosa piu' giovane del girone e questo e' un gran motivo d'orgoglio per tutti noi»

Playoff Serricciolo, Bertacchini: «Battuti tutti i record della società»
Prima Categoria - Domenica 11 maggio, fischio d'inizio ore 16.00, al via le semifinali playoff di Prima Categoria. Il Serricciolo ospita all"Arcinaso" i lucchesi del Ponte a Moriano, mentre l’altro match sarà quello di di Altopascio fra il Tau e l'indomito Marginone. I "galletti", nonostante l'ultimo periodo avaro di risultati, hanno chiuso sul secondo gradino del podio (53 punti) e la società è assolutamente soddisfatta del loro rendimento. Per questo affronteranno gli spareggi con serenità e consapevolezza, ingredienti che nelle partite secche possono fare la differenza.

Prima dell'ultimo allenamento settimanale abbiamo avvicinato mister Paolo Bertacchini che analizza il campionato appena concluso e la difficile gara che li attende:

Mister, domenica la semifinale play off contro il Ponte a Moriano. Come arrivate a questo importante incontro? "Arriviamo con la consapevolezza di poter finalmente realizzare quello che all'inizio dell'anno sembrava impossibile. Ho visto nei ragazzi quel giusto entusiasmo e quella voglia che era venuta meno dopo la sconfitta a Castelnuovo Garfagnana, che aveva di fatto chiuso il campionato ed interrotto i nostri sogni. Scendere in campo per un'obiettivo chiaro e tangibile e' fondamentale per un ambiente come quello di Serricciolo".

Nonostante l'ultima parte di stagione col freno a mano tirato siete arrivati secondi. Un giudizio al vostro campionato... "Credo che la classifica parli da sola, nel girone vi erano almeno una decina di movimenti calcistici superiori al nostro, pertanto quello che hanno fatto i ragazzi e' qualcosa di straordinario, infatti sono stati battuti tutti i record della storia di una società". Cio' e' stato raggiunto anche con un atteggiamento morale e qualitativo del gioco che va' oltre il risultato, puntando su giovani 2000 e 2001. Mi piace ricordare che eravamo la rosa piu' giovane del girone e questo e' un gran motivo d'orgoglio per tutti noi."

In cosa potevate fare meglio? "Sicuramente a dicembre nella riapertura del mercato dovevamo fare di piu', la rosa era troppo corta e nel momento piu' importante della stagione i difetti sono venuti fuori uno dietro l'altro. Addirittura abbiamo anche perso il direttore sportivo, Matteo Taricco, per motivi futili che potevano tranquillamente essere risolti. Sono molto sincero, anch'io ho sbagliato perché mi sono fatto condizionare dai rapporti di amicizia instaurati negli anni con i dirigenti del Serricciolo che hanno prevalso sulle ambizioni e sulle decisioni, anche drastiche, che un allenatore dovrebbe saper prendere se vuole vincere. Detto questo, credo anche che dobbiamo avere pochi rimorsi perché ho visto un ambiente a Castelnuovo Garfagnana, giocatori, tecnici, magazzinieri, massaggiatori, dirigenti, stadio e tifosi che meritano il salto di categoria piu' di noi. A me piace essere molto diretto, purtroppo nella bassa Lunigiana soprattutto nel comune di Aulla sono ancora ancorati al fatto che se non gioca il figlio o il nipote allora vincere un campionato non interessa a nessuno, una mentalita' egoistica, di scarso livello culturale, una mancanza di rispetto totale per una collettivita', un paese, una societa' di persone che sacrificano se stessi e le loro famiglie per migliorare la vita degli altri".

Domenica col Ponte sarete al completo? "Purtroppo manchera' per infortunio quasi sicuramente Lorenz Skjipy, insieme a Lisi e Marchionna. Dispiace per Lorenz perché e' stato un protagonista assoluto della stagione, nonché il nostro punto di forza avanzato. Come vede, purtroppo a volte bisogna anche essere fortunati e noi, mi creda, siamo a credito con la dea bendata, dovremo consolarci con il rientro di capitan Tonelli che ha saltato l'ultima parte di stagione".

Come valuta gli avversari? "Gli avversari sono una compagine solida, composta da tanti giocatori esperti tra i quali l'ex Serie A Taccola. Hanno due attaccanti fortissimi che hanno segnato tanto, pertanto non mi sorprende vederli in alta classifica, anzi se devo dire la verita' e' una delle squadre che mi ha impressionato di piu' nel girone di ritorno".

Come si fa a vincere partite decisive come i play off? "Questo e' il tredicesimo anno che alleno, vinto due campionati, giocati due playout, andati bene, e tre playoff, invece persi tutti in finale, pertanto le posso garantire che non ho la ricetta vincente per risponderle. Sicuramente la mia squadra non' e' capace di speculare, pertanto chiedero' ai ragazzi di non snaturarsi, bensì giocare la partita e vincere con le armi che ci hanno contraddistinto per tutta l'annata, con quel pizzico di follia tipico delle squadre giovani".
Venerdì 10 maggio 2019 alle 08:01:04
© RIPRODUZIONE RISERVATA
Questo post è a cura della A.S.D. Sportivamente


Notizie Massa Carrara







Testata giornalistica registrata presso il tribunale di Massa n° 4/2017
Direttore responsabile: Matteo Bernabè

Contatta la Redazione

Privacy e Cookie Policy

Liguria News