Genova 24 La Voce del Tigullio Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
telefono redazione massa carrara 0585 027167
PUBBLICITA'
Contattaci
Ultimo aggiornamento ore 22.01 del 25 Maggio 2020

Facebook La Voce Apuana Twitter La Voce Apuana RSS La Voce Apuana

Le Regole del Calcio, la lezione 3 | Foto

Protagonisti dell'argomento sono i calciatori

studiamo il calcio
Le Regole del Calcio, la lezione 3<span class=´linkFotoA1Articolo´> | <a href=´/calcio-massa-carrara/fotogallery/le-regole-del-calcio-768_1.aspx´ class=´FotoVideoA1´>Foto</a></span>
Extra - Continua l'iniziativa di Calcio Massa Carrara / Voce Apuana dedicata ai calciofili apuani "costretti" a casa nella speranza di tornare al piu' presto in campo.

Lezione odierna , la Numero 3 del Regolamento Figc riguardante I CALCIATORI.

1. NUMERO DI CALCIATORI
Ogni gara è disputata da due squadre, ciascuna composta da non più di undici
calciatori, uno dei quali deve essere il portiere. Nessuna gara potrà iniziare o
proseguire se l’una o l’altra squadra dispone di meno di sette calciatori.
Se una squadra ha meno di sette calciatori perché uno o più calciatori sono usciti
intenzionalmente dal terreno di gioco, l’arbitro non è obbligato ad interrompere il
gioco e può applicare il vantaggio; la gara, però, non dovrà riprendere se, alla
prima interruzione di gioco, una squadra non ha il numero minimo di sette
calciatori.
Se il regolamento di una competizione prevede che tutti i calciatori (titolari e di
riserva) debbano essere iscritti in elenco prima del calcio d’inizio e una squadra
inizia una gara con meno di undici calciatori, soltanto i calciatori (titolari e di
riserva) iscritti nell’elenco iniziale potranno prendere parte alla gara al loro arrivo.


2. NUMERO DI SOSTITUZIONI
Competizioni ufficiali
Il numero, fino a un massimo di cinque, di calciatori di riserva utilizzabili in gare di
competizioni ufficiali sarà determinato dalla FIFA, dalla Confederazione o dalla
Federazione nazionale. Fanno eccezione le competizioni maschili e femminili tra
le prime squadre di club nella massima divisione o tra le prime squadre in
competizioni internazionali, per le quali il massimo è di tre calciatori di riserva.
Il regolamento della competizione deve stabilire:
• il numero dei calciatori di riserva che è possibile inserire negli elenchi dei
partecipanti alla gara, da un minimo di tre ad un massimo di dodici
• se è consentito utilizzare un’ulteriore sostituzione qualora si disputino i tempi
supplementari (indipendentemente dal fatto che la squadra abbia già utilizzato o
no tutte le sostituzioni consentite)
Altre gare
Nelle gare delle squadre nazionali “A”, un massimo di dodici calciatori di riserva
può essere inserito negli elenchi dei partecipanti e possono essere effettuate fino
a un massimo di sei sostituzioni.
In tutte le altre gare, può essere effettuato un maggior numero di sostituzioni,
purché:

• le squadre in questione raggiungano un accordo sul numero massimo
• l’arbitro ne sia informato prima della gara
Se l’arbitro non ne viene informato o se un accordo non viene raggiunto prima
della gara, non saranno consentite più di sei sostituzioni per ciascuna squadra.
Rientro dei calciatori sostituiti
Previo consenso della Federazione nazionale, della Confederazione o della FIFA,
il rientro di un calciatore sostituito viene consentito soltanto nelle competizioni
giovanili, in quelle di veterani, di calciatori diversamente abili e nel calcio di base.

3. PROCEDURA DELLA SOSTITUZIONE
I nominativi dei calciatori di riserva devono essere forniti all’arbitro prima dell’inizio
della gara. Un calciatore di riserva il cui nome non è stato iscritto in elenco prima
dell’inizio della gara non potrà partecipare alla stessa.
Per sostituire un calciatore titolare con uno di riserva, deve essere osservata la
seguente procedura:
• l’arbitro deve essere informato prima che la sostituzione avvenga
• il calciatore che viene sostituito:
- riceve l’autorizzazione dell’arbitro per uscire dal terreno di gioco, a meno
che sia già fuori di esso, e deve uscire dal punto della linea perimetrale a lui
più vicino, a meno che l’arbitro non indichi che può uscire direttamente e
immediatamente all’altezza della linea mediana o da un altro punto (ad
esempio, per motivi di sicurezza o per infortunio)
- deve andare immediatamente nell’area tecnica o negli spogliatoi e non potrà
più partecipare alla gara, fatto salvo il caso in cui sia consentito il rientro dei
calciatori sostituiti
• se un calciatore che deve essere sostituito rifiuta di uscire dal terreno di gioco, il
gioco prosegue
Il calciatore di riserva entrerà sul terreno di gioco soltanto:
• durante un’interruzione di gioco
• all’altezza della linea mediana
• dopo che ne sia uscito il calciatore sostituito
• dopo aver ricevuto l’autorizzazione dell’arbitro
La sostituzione si concretizza nel momento in cui il calciatore di riserva entra sul
terreno di gioco; da quel momento, colui che ne è uscito diventa un calciatore
sostituito e il subentrante diventa un titolare e può eseguire qualsiasi ripresa di
gioco.
Tutti i calciatori di riserva o sostituiti sono sottoposti all’autorità dell’arbitro,
indipendentemente dal fatto che giochino o meno.

4. CAMBIO DEL PORTIERE
Ciascun calciatore partecipante al gioco può scambiare il ruolo con il portiere a
condizione che:
• l’arbitro ne sia informato prima che avvenga il cambio
• lo scambio di ruolo venga effettuato durante un’interruzione di gioco

5. INFRAZIONI E SANZIONI
Se un calciatore di riserva iscritto in elenco inizia la gara al posto di un compagno
designato titolare e l’arbitro non viene informato di questo cambio:
• l’arbitro consente al calciatore di riserva di proseguire a giocare (da titolare)
• non viene adottato alcun provvedimento disciplinare nei confronti del calciatore
di riserva
• il calciatore in origine titolare può divenire un calciatore di riserva
• il numero delle sostituzioni non viene diminuito
• l’arbitro riporta l’accaduto alle autorità competenti (nel rapporto di gara)
Se una sostituzione viene effettuata durante l’intervallo tra i due periodi di gioco o
prima dell’inizio dei tempi supplementari, la procedura deve essere completata
prima che riprenda la gara. Se l’arbitro non ne viene informato, il calciatore di
riserva entrato sul terreno di gioco potrà continuare a giocare, senza che sia
necessario assumere alcun provvedimento disciplinare e il fatto dovrà essere
riportato alle autorità competenti (nel rapporto di gara).
Se un calciatore scambia il ruolo con il portiere senza l’autorizzazione dell’arbitro,
quest’ultimo:
• consentirà che il gioco prosegua
• ammonirà i calciatori in questione alla prima interruzione di gioco, tuttavia i
calciatori non dovranno essere ammoniti se lo scambio avviene durante l’intervallo
tra i due periodi di gioco (incluso l’intervallo dei tempi supplementari) o nel periodo
tra la fine della gara e l’inizio dei supplementari e/o dei tiri di rigore
Nel caso di ogni altra infrazione a questa regola:
• i calciatori in questione devono essere ammoniti
• il gioco verrà ripreso con un calcio di punizione indiretto dal punto in cui si
trovava il pallone quando il gioco è stato interrotto

6. ESPULSIONE DEI CALCIATORI TITOLARI E DI RISERVA
Un calciatore titolare che viene espulso:
• prima della consegna all’arbitro dell’elenco dei partecipanti alla gara, non può
esservi inserito a nessun titolo
• dopo la consegna dell’elenco dei partecipanti alla gara e prima del calcio d’inizio
della gara, può essere rimpiazzato solo da un calciatore di riserva indicato in
elenco, che a sua volta non può essere rimpiazzato; il numero delle sostituzioni

che la squadra può effettuare non verrà diminuito
• dopo il calcio d’inizio, non può essere rimpiazzato
Un calciatore di riserva, indicato in elenco, che viene espulso prima o dopo del
calcio d’inizio della gara, non potrà essere rimpiazzato.

7. ALTRE PERSONE SUL TERRENO DI GIOCO
L’allenatore e le altre persone indicate sull’elenco dei partecipanti alla gara (con
l’eccezione dei calciatori titolari e di riserva) sono da considerarsi compresi nella
dicitura “dirigenti”. Chiunque non indicato sull’elenco della squadra come
calciatore titolare, di riserva o dirigente sarà considerato un “corpo estraneo”.
Se un dirigente, un calciatore di riserva, sostituito o espulso o un corpo estraneo
entra sul terreno di gioco, l’arbitro deve:
• interrompere il gioco soltanto se c’è un’interferenza con il gioco
• fare uscire la persona alla prima interruzione di gioco
• assumere i provvedimenti disciplinari appropriati
Se il gioco viene interrotto e l’interferenza era da parte di
• un dirigente, un calciatore di riserva, sostituito o espulso, il gioco riprende con un
calcio di punizione diretto o di rigore
• un corpo estraneo, il gioco riprende con una rimessa dell’arbitro
Se il pallone sta entrando in porta e l’interferenza non impedisce ad un calciatore
difendente di giocare il pallone, la rete sarà convalidata se il pallone entra in porta
(anche se c’è stato contatto con il pallone) a meno che l’interferenza non sia stata
causata dalla squadra attaccante

8. CALCIATORE FUORI DEL TERRENO DI GIOCO
Se un calciatore che necessita dell’autorizzazione dell’arbitro per rientrare sul
terreno di gioco, rientra senza autorizzazione dell’arbitro, quest’ultimo dovrà:
• interrompere il gioco (ma non immediatamente, se il calciatore non interferisce
con il gioco o con un ufficiale di gara o se il vantaggio può essere applicato)
• ammonire il calciatore per essere entrato sul terreno di gioco senza
autorizzazione
Se l’arbitro interrompe il gioco, questo sarà ripreso:
• con un calcio di punizione diretto dal punto in cui avviene l’interferenza
• se non c’è stata interferenza, con un calcio di punizione indiretto dal punto in cui
si trovava il pallone quando il gioco è stato interrotto
Un calciatore che oltrepassa una linea perimetrale come parte di un’azione di
gioco non commette un’infrazione.

9. RETE SEGNATA CON UNA PERSONA IN PIÙ SUL TERRENO
DI GIOCO

Se, dopo che è stata segnata una rete, l’arbitro si accorge, prima che il gioco
riprenda, che c’era una persona in più sul terreno di gioco nel momento in cui la
rete è stata segnata:
• l’arbitro non convaliderà la rete se la persona in più era:
– un calciatore titolare (entrato o rientrato senza autorizzazione), di riserva,
sostituito o espulso o un dirigente della squadra che ha segnato la rete; il gioco
viene ripreso con un calcio di punizione diretto dal punto in cui si trovava la
persona in più
– un corpo estraneo che ha interferito con il gioco, salvo che una rete venga
segnata come descritto nel paragrafo “altre persone sul terreno di gioco”; il gioco
viene ripreso con una rimessa dell’arbitro
• l’arbitro convaliderà la rete se la persona in più era:
– un calciatore titolare (entrato o rientrato senza autorizzazione), di riserva,
sostituito o espulso o un dirigente della squadra che ha subito la rete
– un corpo estraneo che non ha interferito con il gioco
In tutti i casi, l’arbitro deve fare allontanare dal terreno di gioco la persona in più.
Se, dopo che è stata segnata una rete e il gioco è ripreso, l’arbitro si accorge che
c’era una persona in più sul terreno di gioco quando la rete è stata segnata,
questa non può essere annullata. Se la persona in più è ancora sul terreno di
gioco, l’arbitro deve:
• interrompere il gioco
• fare allontanare la persona
• riprendere il gioco con una propria rimessa o con un calcio di punizione, come
appropriato
L’arbitro deve riportare l’episodio alle autorità competenti (nel rapporto di gara).

10. IL CAPITANO DI UNA SQUADRA
Il capitano di una squadra non gode di uno status speciale o di privilegi, ma ha un
grado di responsabilità per il comportamento della propria squadra.

_________________
ennemor
Giovedì 26 marzo 2020 alle 08:44:46
© RIPRODUZIONE RISERVATA
Questo post è a cura della A.S.D. Sportivamente

Fotogallery


Notizie Massa Carrara






Testata giornalistica registrata presso il tribunale di Massa n° 4/2017
Direttore responsabile: Matteo Bernabè

Contatta la Redazione

Privacy e Cookie Policy
Impostazioni Cookie

Liguria News