Genova 24 La Voce del Tigullio Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
telefono redazione massa carrara 0585 027167
PUBBLICITA'
Contattaci
Edizione del weekend

Facebook La Voce Apuana Twitter La Voce Apuana RSS La Voce Apuana

Giacomo Filippi: "Alla Pontremolese do un otto"

Il capitano azzurro ha avuto una stagione condizionata dagli infortuni ma non è mancato il suo importante contributo : "Un plauso ai ragazzi più giovani che si sono fatti trovare pronti nel momento del bisogno"

L'intervista
Giacomo Filippi: `Alla Pontremolese do un otto`
Eccellenza - E' uno dei punti di riferimento della Pontremolese: cresciuto calcisticamente nelle giovanili azzurre, approda in prima squadra nel lontano 2008, per poi rimanere al servizio dei molti allenatori fino ad oggi, quanto non a caso è il capitano della squadra. Ai microfoni di Calcio Massa Carrara il ventisettenne Giacomo Filippi, braccetto di centrocampo strutturato ma resistente, bravo tecnicamente e acuto nelle scelte tattiche. Purtroppo in questa stagione è stato alle prese con un paio di infortuni che lo hanno costretto a giocare a intermittenza, ma non è mancato il suo importante contributo, dentro e fuori dal campo.

Giacomo sei arrivato secondo nel Pallone d'oro dilettanti della categoria Eccellenza, superato di soli 178 voti. Nel totale hai raggiunto 3.856 preferenze, ti aspettavi tanto successo? "Sono molto felice del risultato ottenuto e sinceramente non me lo sarei aspettato, infatti ci tengo a rigraziare tutti coloro che mi hanno dato la preferenza".

Nella tua squadra sei quello che ha ricevuto più voti, secondo a te solo Cacchioli e poi tutti a lunga distanza. Rispecchia a tuo avvisto il rendimento in campionato? E detto questo come giudichi la tua stagione? "Per quanto riguarda le preferenze a livello della Pontremolese non mi sarei aspettato di vincere contro Ivan Cacchioli, grande amico e a mio avviso miglior portiere della categoria, anche perchè purtroppo la mia stagione quest’anno è stata difficile dal punto di vista degli infortuni, infatti ho avuto una lesione di 2 grado al collaterale del ginocchio e una lesione muscolare dell’adduttore lungo. Sono comunque felice che i nostri tifosi abbiano questa stima nei miei confronti".

Una Pontremolese che si è fermata da nona in classifica all'esordio in Eccellenza. Hai notato una grande differenza rispetto alla Promozione? "Chiaramente il livello dell’Eccellenza è più elevato di quello della Promozione, la nostra stagione fino alla sua interruzione è stata comunque in linea con gli obbiettivi che ci eravamo prefissati ad agosto, ovvero la salvezza per poter cercare di fare meglio durante la prossima annata."

Dai un voto alla tua squadra fino allo stop... "Il voto alla mia squadra fino allo stop è 8: valutando i tanti infortuni di giocatori importanti è importante fare un plauso ai ragazzi più giovani che si sono fatti trovare pronti nel momento del bisogno".

Quali sono le differenze tra Bracaloni e Ruvo, hanno principi di gioco differenti? E quali principi si adattano di più alle tue caratteristiche? "Se devo trovare una differenza tra i due allenatori, penso che mister Ruvo prediliga un gioco più mirato sulla fase difensiva per poi accorciare sulle seconde palle e creare densità nella metà campo avversaria. A differenza mister Bracaloni si concentra più sul possesso della palla a tutto campo e sul bel gioco. Io giocando braccetto posso dire che mi sono trovato benissimo con entrambi, oltre che tatticamente anche per quanto riguarda l’aspetto umano".

Non si sa ancora se ripartirete e quando, forse addirittura con la possibilità di arrivare ad agosto. Cosa pensi sia meglio arrivati a questi punti? "Trovo difficile pensare di portare a termine il campionato, credo che sarebbe meglio interromperlo, al limite anche annullando le classifiche. Avrei finito volentieri la stagione con i miei compagni, però a questo punto penso che la salute sia la cosa più importante."

Il Covid19 ha bloccato il paese e ci ha lasciato tutti nell'impotenza, soprattutto Pontremoli che nella provincia di Massa è stata forse la zona più colpita. Come state vivendo in Lunigiana questo momento? "La Lunigiana è stata messa a dura prova più di altre zone purtroppo, stiamo cercando di osservare nel migliore dei modi le normative e negli ultimi 3 giorni non ci sono stati ulteriori casi positivi. Spero che questo trend positivo possa proseguire e che le nostre vite possano tornare al più presto vicino alla normalità."
Sabato 25 aprile 2020 alle 08:59:01
© RIPRODUZIONE RISERVATA
Questo post è a cura della A.S.D. Sportivamente


Notizie Massa Carrara






Testata giornalistica registrata presso il tribunale di Massa n° 4/2017
Direttore responsabile: Matteo Bernabè

Contatta la Redazione

Privacy e Cookie Policy
Impostazioni Cookie

Liguria News