Città della Spezia Liguria News Genova Post Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
telefono redazione massa carrara 0585 027167
PUBBLICITA'
pubblicità massa carrara Richiedi contatto
Edizione del weekend

Facebook La Voce Apuana Twitter La Voce Apuana RSS La Voce Apuana

Finale Coppa Italia, Gassani: “Vincerà chi sbaglierà di meno” | Foto

Parlano anche società e sponsor. Presentata la maglia della finalissima

Finale Coppa Italia, Gassani: “Vincerà chi sbaglierà di meno”<span class=´linkFotoA1Articolo´> | <a href=´/calcio-massa-carrara/fotogallery/finale-coppa-italia-la-maglia-della-finale-425_1.aspx´ class=´FotoVideoA1´>Foto</a></span>
Eccellenza - Si gioca domani, mercoledì 9 gennaio (fischio d’inizio ore 14,30) presso lo Stadio "G. Bozzi" di Firenze l’attesissima finale di Coppa Italia regionale d’Eccellenza tra lo Zenith Audax di mister Bellini e il Montignoso Football Club del “diavolo” Gassani. Questo pomeriggio, dopo l’ultimo allenamento di rifinitura e prima della partenza in pullman verso Firenze, dove il Montignoso pernotterà, presso la sala stampa del centro sportivo “Duilio Boni” di Fossone si è tenuta la conferenza stampa prepartita al termine della quale è stata presentata la maglia della finale.

Al completo l’”entourage” rossoblu, presenti al tavolo mister Matteo Gassani, il direttore sportivo Antonio Meazzini, il direttore generale Antonino Maccarone, il presidente Gianni Nepori e Davide Silicani, main sponsor Autocarrozzeria D&G e parte integrante della società.

La prima parola va a mister Gassani:

Cosa significa per il Montignoso questa finale? "Diciamo che questa è un partita che non capita tutti gli anni, 33 squadre hanno iniziato e 2 sono rimaste, competizione importate che da grande visibilità, per una piccola realtà come la nostra è un motivo di orgoglio, rappresentare la provincia in questo evento vale un pezzo di storia, per ogni singolo partecipante e per una società nata solo 4 mesi fa e che oggi rappresenta la provincia in questo prestigioso evento.

Queste sono partite che si presentano da sole, le motivazioni sono al massimo. Ho 300 panchine e per me questo è l'appuntamento più importante della carriera, e anche per i miei ragazzi. Questa è la madre di tutte le partite, domani per farcela dovremmo scalare una montagna a mani nude.

In finale arrivano squadre forti e qui vinceranno i dettagli. Tutti hanno punti deboli, dobbiamo essere bravi a tenere nascosti i nostri difetti e tirar fuori i loro. Loro hanno giocatori di grande valore, tutti forti con una società importante, 3 finali negli ultimi 4 anni. Il nostro percorso insegna che se siamo arrivati in finale abbiamo, nella competizione, sbagliato meno. Domani vincerà chi sbaglierà di meno".


Infermeria? "Per quanto riguarda l'infermeria entriamo in un argomento che non ci vede fortunati. E' dall'inizio che succede di tutto ma in queste partite non contano gli assenti ma i presenti. Bugliani ha un problema al ginocchio, Piscopo è squalificato, Castellacci è strappato. Bugliani domani farà un ultimo test ma non credo che sia della partita. Ha un ginocchio che ha subito già tre operazione e quindi dobbiamo ponderare bene. Per il resto stanno tutti bene e sono smagnosi di giocare LA PARTITA!"

Sirene di mercato la indicano nella strada di Grosseto per il futuro o sulla panchina del Real Forte Querceta, anche se ci sono voci che la vedono nella panchina della sua città (Massese). Cosa vuole dire in merito? "Tre nomi di società che fa paura solo sentirli: Grosseto e Massese sono in Toscana come Real Madrid e Barcellona, Grosseto è una squadra Top. Il mio futuro in questo momento mi interessa poco perché sono concentrato esclusivamente sulla finale. Sento anch'io queste chiacchiere da bar a sono orgoglioso, ma sono troppo concentrato sul Montignoso. Sicuramente il 30 giugno termina il mio ciclo qua, iniziato un anno e mezzo fa. Ringrazio il presidente Nepori, mi ha insegnato molto. Comunque se volete una risposta, io sono massese puro sangue, se mi dicessero Inter o Massese direi la Massese..."

Dopo Gassani parla il direttore sportivo Meazzini:

Direttor Meazzini, una sua valutazione sul percorso fatto finora dalla squadra e mercato in entrata, alla luce degli infortuni di Bugliani e Castellacci... "La stagione è più che positiva, va valutato il contesto in cui stiamo lavorando. Dobbiamo fare di necessita virtù: inizialmente c'era un idea tecnica partita bene, poi dopo 4 settimane, dopo piccoli problemi nello spogliatoio e in campo, abbiamo dovuto fare i primi cambiamenti. A novembre ci sono stati in uscita 11 giocatori e ne abbiamo fatti rientrare 8 con un cospicuo abbattimento di costi. Nonostante abbiamo speso meno sono venuti i risultati quindi le cose sono state fatte più che bene. Comunque siamo in finale di coppa ma dobbiamo ancora giocarla, siamo fuori dai play out ma dobbiamo ancora salvarci, solo alla fine tireremo le somme e giudicaremo la stagione. Bugliani ha un problema, domani c'è ma come se non ci fosse, fa sempre parete del gruppo, logico che stiamo sondando giocatori del suo ruolo, ma speriamo ancora di recuperarlo. Castellacci ha uno strappo che nel giro di 20 giorni potrebbe rientrare, non penso ci sian bisogno di cercare altri del suo ruolo".

Interpellato, risponde a fatti extra campo il presidente Nepori:

Nepori, qualcosa sul punto di penalizzazione: ”La prima sentenza ci ha penalizzato, dobbiamo prenderci l'eredita di altre società, la federazione dice che poteva esser peggio, loro dicono che dovevano dare almeno 3 punti e 1000 euro. Io anche se è solo un punto tolto non sono contento, la ritengo un ingiustizia. Magari alla fine questo punto tolto non ci penalizzerà più di tanto, ma per me è una forte delusionea e libello personale.

A prescindere da questo tengo a dire che domani per noi è una grande partita, siamo in una fase storica per il Montignoso, ma non so fino a che punti il comune e i cittadini lo abbiamo capito".


Prossima Stagione? "Per la prossima stagione ci metteremo al tavolino e vedremo se continuare l'avventura. Non bisogna fare le cose per forza. Lo scorso anno non abbiamo fatto sparire la società Portuale e in questa stagione abbiamo portato questa realtà in un comune come Montignoso e stiamo facedo bene. Voglio infine ringraziare i nostri due sponsor, l'Autocarrozzeria D&G e lo Studio Legale AVV. Cirillo che ci hanno permesso di organizzare questa finale da società professionistica".

Chiude la conferenza stampa l'azionista Davide Silicani che risponde alla domanda sul "caso" sintetico allo Stadio "Del Freo" di Montignoso:

"Il sintetico di Montignoso doveva esser pronto alla fine di ottobre, poi ci hanno detto a metà di novembre, oggi dell'erba sintetica non c'è traccia, spero di arrivarci a febbraio ma non mi sento ottimista. A regola dicono che da domani arrivarà l'erba ma secondo me sono chicchiere, è tutto fermo da due mesi, così come tui i lavori che all'esterno. Ho il dubbio che questo campo alla fine non lo faranno. Siamo stanchi di giocare di qual e di la, vorremmo il nostro stadio anche perché per noi munoverci è uno sforzo economico grosso. Ringraziamo il mister, lo staff e tutti i giocatori che stanno facendo buoni risultati nonostante non si allenino mai nello stesso posto, questo è un grande merito che va più volte sottolineato.

Per quanto riguarda la prossima stagione, ci impegneremo per rimanere il gruppo qui presente, per rimanere uniti, magari in un'altra realtà, ma noi vorremmo continuare a lavorare insieme. Ora però pensiamo a domani".

Martedì 8 gennaio 2019 alle 21:24:00
© RIPRODUZIONE RISERVATA
Questo post è a cura della A.S.D. Sportivamente

Fotogallery


Notizie Massa Carrara




















Testata giornalistica registrata presso il tribunale di Massa n° 4/2017
Direttore responsabile: Matteo Bernabè

Contatta la Redazione

Privacy e Cookie Policy

Liguria News